Criscitiello: "Ho una causa con De Sanctis, gli dissi che aveva guadagnato in carriera molto di più del suo reale valore"

Notizie fonte : Michele Criscitiello per Tuttomercatoweb
Criscitiello: Ho una causa con De Sanctis, gli dissi che aveva guadagnato in carriera molto di più del suo reale valore

Oggi sono particolarmente ispirato e, sinceramente, di parlare di calcio giocato ho poca voglia. Inutile continuare a prendere in giro i tifosi quando il sistema è morto e corrotto, ormai, da una vita. Alla gente credo che bisogni raccontare la verità; sarà poi il tifoso a decidere se davvero vuole andare a spendere soldi, prendersi acqua e vento per un gioco che gioco non è più. Sono cresciuto con Hulk Hogan ed ero convinto che si menassero davvero. Poi si alzavano e pensavo: mamma guarda che forti, prendono botte e poi ce la fanno ancora. Poi mi hanno spiegato che non era wrestling ma cinema. Attori bravissimi. In Italia, il calcio sta prendendo quella direzione.

Morale della favola: stadi sempre più vuoti e anche alla tv la gente inizia a stancarsi. Perché il tifoso puoi prenderlo in giro 1,2,3,4,5,6, 7 volte ma poi inizia a porsi delle domande. Come poi me le posi io, da più grandicello, vedendo Hulk Hogan saltare da una corda all'altra come fosse un diavolo con le ali. In Inghilterra hanno giornalisti con gli attributi che fanno saltare i commissari tecnici e i Presidenti. In Italia è un gioco a chi ha la lingua più lunga.

Nel 2006 ci avevano raccontato che Moggi era brutto, ladro e cattivo. Sicuramente. Però questo implicava che dal 2007 il calcio sarebbe dovuto migliorare. Invece è peggiorato. Quando invito Moggi a Sportitalia arrivano mille insulti del tipo: "ma fate parlare ancora questo ladro...", io non rispondo perché sono stufo ma la risposta sarebbe la seguente: "Non dovremmo più invitare nessuno e fare una trasmissione all'anno". Moggi ha pagato per i suoi errori, altri sono ancora a piede libero. La Gea è stata fatta a pezzi ma non il sistema che vige oggi tra Direttori Sportivi e Procuratori perché nessuno lo scopre. Sembra che io scopra sempre l'acqua calda e, invece, dico solo quello che tutti sanno. Io sono il fesso e gli altri professori.

Ho una causa con Walter Sabatini perché ho chiesto al Direttore Sportivo della Roma come mai molte delle sue trattative passino dagli stessi agenti. Più che querelarmi mi sarei aspettato una risposta ai tifosi e a Pallotta che continua a pagare il suo Direttore 1 milione di euro all'anno.

Ho una causa con Morgan De Sanctis che chiede un risarcimento di 30.000 euro perché alla fine di un' Udinese-Roma, dove lui fece un dito di troppo alla tribuna friulana, gli dissi di avere maggiore rispetto verso la città di Udine e che aveva guadagnato in carriera molto di più del suo reale valore.

Ho una causa con Alfredo Aglietti perché si è risentito dei miei articoli. Gli ho detto che è un allenatore scarso che con squadre costruite per vincere, in tre anni, ha chiuso con due retrocessioni. Si è offeso ma io gli ho detto che la critica giornalistica si chiama critica perché posso dire quello che penso ma la censura, in Italia, ancora non è tornata. Al Direttore dell'Entella Superbi dissi cosa pensavo di Aglietti, un anno e mezzo dopo annuiva dandomi ragione. Oggi Aglietti affosserà l'Ascoli e mi querelerà come vegente perché l'ho anticipato a settembre.

Tuttavia la causa più interessante è con il Cittadella Calcio presso il Tribunale di Novara. Del Cittadella mi hanno querelato Presidente, Direttore, Allenatore dell'epoca, Team Manager e Amministratore Delegato. Mi mancava il giardiniere e avremmo fatto un pullman intero.

Nel 2014 avanzai il dubbio sulla regolarità dell'evento del Granillo, Reggina-Cittadella. Ricorderete il rigore sbagliato da Gerardi (Reggina) con Coly (Cittadella) che ripetutamente disse "tira fuori 'sta palla (immagini tv). Poi mi sorpresi del trasferimento, due mesi dopo, dello stesso Gerardi dalla Reggina al Cittadella.

Ho spiegato ai giudici che i giudici sono loro, io faccio il giornalista ed esiste la critica, il compito di indagare è di altri. Fu poi aperta anche un'inchiesta della Procura Federale, a conferma che quello che dicevo non era campato in aria, e poi fu chiusa solo perché faceva fede il referto dell'arbitro che si era limitato a scrivere quanto accaduto tra spintoni e proteste.

L'anno dopo, siamo nel 2015, il nome del Cittadella rimbalza su tutte le cronache italiane (da gazzetta.it a panorama) per alcune gare che la vedevano coinvolta nella famosa inchiesta "I Treni del gol". Una partita del Cittadella vide un aumento delle giocate a un milione di euro, quando la media di giocate su una partita di B è di 100.000 euro. La partita con l'Empoli finì nel mirino di stampa e procura e altre due sono ancora sotto la lente di ingrandimento.

Il Cittadella del Direttore Marchetti (tutti i Direttori cambiano società ogni 2-3 anni al massimo, qui invece c'è un rapporto di stretta fedeltà con il Presidente) l'anno dopo rimbalzò su tutte le cronache nazionali per partite "sospette". Anche in questo caso capirete che io non faccio il giudice ma il giornalista. Se il Cittadella ne uscirà pulito io sarò felice ma dovrà dirlo un giudice e non un giornalista. Intanto il nome del Cittadella compare negli atti depositati da Federbet alla Procura di Busto Arsizio che poi ha trasferito i documenti alla Procura di Catania.

Capirete bene che giornalisticamente ho già avuto quello che mi aspettavo. La giustizia doveva muoversi e si è mossa. Ma su questo filone andremo avanti fin quando non ci sarà l'assoluta verità. Aspettiamo il Giudice Sorrentino che dovrà delle risposte al sistema. Il Catania ha pagato giustamente ma tutte le altre devono ancora essere interpellate.

Prendete un altro esempio di calcio marcio: avete notato la burrascosa campagna stampa contro il nuovo Milan, Fassone e Mirabelli? Una vergogna senza precedenti. Fassone e Mirabelli saranno anche i più deficienti del calcio italiano ma perché la stampa giudica due professionisti ancor prima che operino e non giudica a posteriori? Male che vada avranno fatto come il Milan attuale. Mirabelli, invece, è come Giuntoli a Napoli. Uno che vede mille partite a settimana, non tiene il suo sedere al caldo della sede e ha fatto una gavetta incredibile.

Sbaglierà? Lo criticheremo. Farà bene? Lo esalteremo. Giudicare prima è da pazzi, o forse in malafede. Noi potremmo sbagliare un giudizio su un tecnico o un Direttore, potremmo cavalcare un'onda perché ci piace di più rispetto ad un'altra ma sicuramente la malafede non la troverete mai.

Ultimissime Notizie
I più letti
  • #1

  • #2

  • #3

  • #4

  • #5

Classifica
  • #

    Squadra

    PT
    G
    V
    N
    P
  • logo NapoliNapoliCL

    24

    8
    8
    0
    0
  • logo MilanMilanCL

    22

    8
    7
    1
    0
  • logo InterInterCL

    17

    8
    5
    2
    1
  • logo RomaRomaCL

    15

    8
    5
    0
    3
  • logo LazioLazioEL

    14

    8
    4
    2
    2
  • logo AtalantaAtalantaECL

    14

    8
    4
    2
    2
  • logo JuventusJuventus

    14

    8
    4
    2
    2
  • logo BolognaBologna

    12

    8
    3
    3
    2
  • logo FiorentinaFiorentina

    12

    8
    4
    0
    3
  • 10º

    logo UdineseUdinese

    9

    8
    2
    3
    3
  • 11º

    logo EmpoliEmpoli

    9

    8
    3
    0
    5
  • 12º

    logo TorinoTorino

    8

    8
    2
    2
    4
  • 13º

    logo VeronaVerona

    8

    8
    2
    2
    4
  • 14º

    logo SassuoloSassuolo

    8

    8
    2
    2
    4
  • 15º

    logo VeneziaVenezia

    8

    8
    2
    2
    4
  • 16º

    logo SpeziaSpezia

    7

    8
    2
    1
    5
  • 17º

    logo SampdoriaSampdoria

    6

    8
    1
    3
    4
  • 18º

    logo GenoaGenoaR

    6

    8
    1
    3
    4
  • 19º

    logo CagliariCagliariR

    6

    8
    1
    3
    4
  • 20º

    logo SalernitanaSalernitanaR

    4

    8
    1
    1
    6
Back To Top