D'Agostino: "Conte può anche durare un mese, scontrandosi con il presidente: serve un allenatore più tranquillo"

Le Interviste  
D'Agostino: Conte può anche durare un mese, scontrandosi con il presidente: serve un allenatore più tranquillo

D'Agostino sul Napoli

A “1 Football Club”, programma radiofonico condotto da Luca Cerchione in onda su 1 Station Radio, è intervenuto Gaetano D’Agostino, allenatore ed ex calciatore, tra le altre, di Roma e Fiorentina. Di seguito, un estratto dell’intervista:

D'Agostino sul Napoli

Che peso ha Napoli-Frosinone per la rincorsa all’Europa?

“Sono tre punti fondamentali anche considerando quante gare mancano alla fine. Il Napoli deve garantire continuità, sia di prestazione che di risultato. Devo dire che mi è rimasto l’amaro in bocca… È la squadra più forte del campionato, dopo l’Inter. Da simpatizzante degli azzurri, spero che le partite che mancano possano concludersi bene, ambendo ad una qualificazione in Europa”

Pioli potrebbe essere l’allenatore giusto per il Napoli?

“Con Pioli va sempre fatto un discorso progettuale. Il Napoli dovrà ripartire quasi da zero, capendo chi avrà gli stimoli per continuare in azzurro. Tecnici come Conte, invece, pronti via possono lasciare il segno. Resta da vedere quali sono le intenzioni del club. Pioli può restare in azzurro più a lungo, mentre Antonio potrebbe vincere ed andare via”

La trattativa con Conte potrebbe davvero concretizzarsi?

“Ho tanti difetti, l’unico pregio che ho è di dire quello che penso. Se il presidente darà degli obiettivi da raggiungere, lasciando fare all’allenatore, riuscirà a raggiungerli. Conte può anche durare un mese, scontrandosi con il presidente... In caso contrario, andrebbe scelto un tecnico più tranquillo. Ci sono alcuni tempi che andrebbero rispettati, soprattutto nella comunicazione. Quest’anno ne ho sentite tante. Con Conte, dunque, la strategia andrebbe cambiata”

Quanto mancherà Zielinski al Napoli?

“Tantissimo. Marotta è abilissimo a fare questi colpi, e quello di Piotr è un gran colpo. Zielisnki aveva trovato grande continuità, ma la gestione di questa vicenda non è stata ottimale. Bastava concretizzare un rinnovo anche annuale, quantomeno per assicurarsi una plusvalenza”

È solo responsabilità degli allenatori la crisi attuale del Napoli?

“Ne sono stati cambiati tre… Basti pensare all’intervista del presidente, quando ha detto che aveva capito di non dover far firmare Garcia durante la presentazione, mentre dichiarava di non conoscere il Napoli di Spalletti. L’allenatore è sempre il primo a pagare e, insieme alla squadra, ha delle colpe. Tuttavia, non sono gli unici. Chiunque avrebbe rischiato dopo Spalletti. Meglio non si poteva fare. La domanda che mi pongo sempre, però, è: perché non si può mai fare meglio, da Roma in giù? Bisogna capire che, se i fattori esterni prendono il sopravvento sul gruppo squadra, diventa sempre difficile. Il rischio è quello di alimentare un calderone in cui a pagare è sempre l’allenatore. La soluzione migliore è la programmazione”

Come vedrebbe, invece, un approdo di Italiano in azzurro?

“In questo caso parliamo di un altro tipo di allenatore. Un tecnico con i suoi principi di gioco, che predilige il 4-2-3-1, abbastanza focoso nella partita e che non si discosta molto dalla filosofia di gioco di Spalletti. Sarebbe un allenatore che potrebbe sposarsi meglio alle logiche del Napoli rispetto a Pioli e Conte. D’altra parte, però, questi ultimi sono tecnici più abituati alla gestione di grandi piazze. Italiano sarebbe una scommessa”

CalcioNapoli24.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google, se vuoi essere sempre aggiornato sulle ultime notizie seguici su Google News
Ultimissime Notizie
Classifica
  • #

    Squadra

    PT
    G
    V
    N
    P
  • logo InterInterCL

    93

    37
    29
    6
    2
  • logo MilanMilanCL

    74

    37
    22
    8
    7
  • logo BolognaBolognaCL

    68

    37
    18
    14
    5
  • logo JuventusJuventusCL

    68

    37
    18
    14
    5
  • logo AtalantaAtalantaEL

    66

    36
    20
    6
    10
  • logo RomaRomaECL

    63

    37
    18
    9
    10
  • logo LazioLazio

    60

    37
    18
    6
    13
  • logo FiorentinaFiorentina

    57

    37
    16
    9
    12
  • logo TorinoTorino

    53

    37
    13
    14
    10
  • 10º

    logo NapoliNapoli

    52

    37
    13
    13
    11
  • 11º

    logo GenoaGenoa

    46

    37
    11
    13
    13
  • 12º

    logo MonzaMonza

    45

    37
    11
    12
    14
  • 13º

    logo VeronaVerona

    37

    37
    9
    10
    18
  • 14º

    logo LecceLecce

    37

    37
    8
    13
    16
  • 15º

    logo CagliariCagliari

    36

    38
    8
    12
    18
  • 16º

    logo FrosinoneFrosinone

    35

    37
    8
    11
    18
  • 17º

    logo UdineseUdinese

    34

    37
    5
    19
    13
  • 18º

    logo EmpoliEmpoliR

    33

    37
    8
    9
    20
  • 19º

    logo SassuoloSassuoloR

    29

    37
    7
    8
    22
  • 20º

    logo SalernitanaSalernitanaR

    16

    37
    2
    10
    25
Back To Top