Il Fatto Quotidiano - Da quando ha lasciato Napoli è iniziato il declino di Higuain: ora è bollito, nessuno lo vuole

Rassegna Stampa  
Il Fatto Quotidiano - Da quando ha lasciato Napoli è iniziato il declino di Higuain: ora è bollito, nessuno lo vuole

Se Ettore Scola fosse ancora tra noi un pensierino ce lo farebbe: 43 anni dopo "Brutti, sporchi e cattivi", col protagonista Giacinto (Nino Manfredi) ossessionato all' idea di perdere il suo milione di lire, l' idea di girare "Brutto, grasso e bollito" col nuovo protagonista Pipita (Gonzalo Higuain) ossessionato all' idea di perdere il suo milionario ingaggio sarebbe una tentazione irresistibile. Per chi si fosse perso le ultime puntate della telenovela che vede il 31enne bomber argentino vestire i panni della Bella di Torriglia, quella che tutti vogliono ma nessuno se la piglia, ecco un breve riassunto al fixing di oggi, lunedì 25 marzo 2019. Il Pipita nessuno lo vuole più . Due anni e mezzo dopo il suo passaggio dal Napoli alla Juventus per la sbalorditiva cifra di 90 milioni di euro (il trasferimento più costoso della storia del calcio italiano superato, due anni dopo, solo dall' affare CR7, pagato dalla Juve al Real 100 milioni), Higuain è diventato la mina vagante che terrorizza i club di mezza Europa; anche se ad oggi i sudori freddi li ha soprattutto la Juventus che a dispetto dei tentativi fatti per disfarsi del giocatore ne è ancora, a tutti gli effetti, proprietaria. Su Higuain, che pare ormai la controfigura di se stesso - sempre più grasso, sempre più ombroso, sempre più impresentabile - si sta giocando una gigantesca partita di ciapanò; con la Juventus, il Milan e il Chelsea impegnati a rifilarselo l' un l' altro perché una cosa è certa: chi se lo tiene sul gobbone muore. Ricapitolando. Il Pipita ha un contratto in essere con la Juventus che scade il 30 giugno 2021 e che prevede, per lui, uno stipendio di 18 milioni lordi (9,5 netti) a stagione. Al Milan, che in estate lo aveva ingaggiato in prestito oneroso, per un anno, per 18 milioni, salvo scoprire di ritrovarsi in squadra una ciclopica palla al piede, non è parso vero di veder spuntare Maurizio Sarri - mentore del Pipita negli anni d'oro di Napoli -, ansioso di riportare Gonzalo alla sua nuova corte, quella londinese del Chelsea.

Leonardo lo spedisce ad Abramovich impacchettato con tanto di nastro dorato, ma quando Sarri scarta il pacco trova la fregatura: Higuain è ormai un gatto di marmo, fifone come sempre (si rifiuta di battere il rigore nella finale di Coppa di Lega persa col City), isterico coi compagni e capace di far gol solo alla Croce Rossa (finora ne ha segnati tre, due all'Huddersfield ultimo in classifica e uno al Fulham penultimo).Giroud al confronto sembra Gerd Muller; Sarri è in evidente difficoltà e bastano due mesi, ai dirigenti del Chelsea per prendere la decisione già nota a tutti, quella del ritorno di Higuain alla Juventus, il 30 giugno, con biglietto di sola andata.E insomma la patata bollente torna ora, di nuovo, nelle mani di Andrea Agnelli; che si era illuso che il Milan prima, o il Chelsea poi, riscattassero per 36 milioni il Pipita accollandosi il suo stipendio anche per le due ultime stagioni del sanguinoso contratto. Invece tutto questo non succederà; e i 18 milioni d' ingaggio del 2019-2020 più i 18 del 2020-2021 più i 36 della mancata cessione (totale 72) stanno già facendo suonare tutti gli allarmi nella stanza dei bottoni della Real Casa. Riusciranno i nostri eroi a sbolognarlo a qualche Giocondo? La risposta prossimamente al cinema. "Brutto, grasso e bollito". In tutte le migliori sale.

Ultimissime Notizie
I più letti
Classifica
  • #

    Squadra

    PT
    G
    V
    N
    P
  • logo JuventusJuventusCL

    87

    33
    28
    3
    2
  • logo NapoliNapoliCL

    67

    32
    20
    7
    5
  • logo InterInterCL

    61

    33
    18
    7
    8
  • logo MilanMilanCL

    56

    33
    15
    11
    7
  • logo RomaRomaEL

    55

    33
    15
    10
    8
  • logo AtalantaAtalantaEL

    53

    32
    15
    8
    9
  • logo TorinoTorino

    53

    33
    13
    14
    6
  • logo LazioLazio

    52

    33
    15
    7
    11
  • logo SampdoriaSampdoria

    48

    33
    14
    6
    13
  • 10º

    logo FiorentinaFiorentina

    40

    33
    8
    16
    9
  • 11º

    logo CagliariCagliari

    40

    33
    10
    10
    13
  • 12º

    logo SassuoloSassuolo

    38

    33
    8
    14
    11
  • 13º

    logo SpalSpal

    38

    33
    10
    8
    15
  • 14º

    logo ParmaParma

    36

    33
    9
    9
    15
  • 15º

    logo BolognaBologna

    34

    33
    8
    10
    15
  • 16º

    logo GenoaGenoa

    34

    33
    8
    10
    15
  • 17º

    logo UdineseUdinese

    33

    33
    8
    9
    16
  • 18º

    logo EmpoliEmpoliR

    29

    33
    7
    8
    18
  • 19º

    logo FrosinoneFrosinoneR

    23

    33
    5
    8
    20
  • 20º

    logo ChievoChievoR

    14

    33
    2
    11
    20
Dapa Trasporti
Futura Soccer
Antonio Barbato - Consulente del Lavoro
Real Casarea
M.A.R.A.T. Football management
Back To Top
close icon

Ti potrebbe interessare

Juventus, Chiellini: "Lo scudetto era già vinto dalla partita di Napoli, rammarico per la Champions ma non ne faccio un dramma"