Iniziali D e M, in gol al minuto numero 10. Era tutto già scritto, no?

Editoriale  
Iniziali D e M, in gol al minuto numero 10. Era tutto già scritto, no?

Il Napoli onora al meglio la memoria di Diego Armando Maradona, con una prestazione esaltante. E Dries Mertens segna al minuto 10 un gol pazzesco

La celebrazione della vita e delle gesta di Diego Armando Maradona hanno dato una spinta in più al Napoli di Luciano Spalletti, cattivissimo sin dal fischio di inizio.

La Lazio non ci ha capito niente, il segno rosso sulla guancia di Sarri non c’è - è il colore degli errori di una squadra, la sua, che ha faticato nel trovare un punto di riferimento in fase difensiva: Mertens ed Insigne hanno omaggiato il fu Sarrismo facendo onde, mandando ai matti Acerbi ed il malcapitato Patric.

Uno dei protagonisti del match è sicuramente Lobotka, centrale nella fase di impostazione e lasciato solo dai biancazzurri: il non sempre apprezzato slovacco ha gestito palla nell’ombra, dispensandola da una parte all’altra con tranquillità. Non ha creato stavolta Fabian, più dedito alla rifinitura spostato un po’ sulla sinistra: più avanti di qualche metro, la giusta distanza per lasciar dietro Milinkovic-Savic. Nel finale ha tutto il tempo e lo spazio per mirare all’angolino: un cioccolatino.

Dicevamo però la cattiveria agonistica, quella che fa bruciare i cosiddetti quando non è presente: le sconfitte di Milano e Mosca hanno dato adito ad una ferocia nel pressing iniziale, concretizzato nei primi due gol, che hanno lasciato di stucco l'ormai sbiadito ricordo del Sarrismo - annichilito anche dall’avanzamento di Mario Rui per liberare Insigne al centro. D’altronde la difesa a 3 non gli piaceva prima e non gli è piaciuta ora. Ed il fischio finale senza minuti di recupero - Orsato troppa pietà - rende l’idea della valanga rappresentata dal Napoli, e della pochezza avversaria.

Il palcoscenico, però, è tutto di Mertens: l’abilità di trovare lo spazio, di muoversi proponendosi per i giochi a due con i compagni, di elevare la qualità del gioco con una serpentina che fa invecchiare di colpo Acerbi e spedisce Patric a cogliere margherite sul terreno di gioco. La Lazio non l’ha preso mai, mai. Nella serata di commemorazione di Diego Armando Maradona, al minuto numero dieci ha segnato un calciatore che ha la D e la M come iniziali. Solo un caso, per carità.

CalcioNapoli24.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google, se vuoi essere sempre aggiornato sulle ultime notizie seguici su Google News
Ultimissime Notizie
I più letti
Classifica
  • #

    Squadra

    PT
    G
    V
    N
    P
  • logo InterInterCL

    50

    21
    15
    5
    1
  • logo MilanMilanCL

    48

    22
    15
    3
    4
  • logo NapoliNapoliCL

    46

    22
    14
    4
    4
  • logo AtalantaAtalantaCL

    42

    21
    12
    6
    3
  • logo JuventusJuventusEL

    41

    22
    12
    5
    5
  • logo FiorentinaFiorentinaECL

    35

    21
    11
    2
    8
  • logo RomaRoma

    35

    22
    11
    2
    9
  • logo LazioLazio

    35

    22
    10
    5
    7
  • logo TorinoTorino

    31

    21
    9
    4
    8
  • 10º

    logo VeronaVerona

    30

    22
    8
    6
    8
  • 11º

    logo EmpoliEmpoli

    29

    22
    8
    5
    9
  • 12º

    logo SassuoloSassuolo

    28

    22
    7
    7
    8
  • 13º

    logo BolognaBologna

    27

    21
    8
    3
    10
  • 14º

    logo SpeziaSpezia

    22

    22
    6
    4
    12
  • 15º

    logo UdineseUdinese

    20

    20
    4
    8
    8
  • 16º

    logo SampdoriaSampdoria

    20

    22
    5
    5
    12
  • 17º

    logo VeneziaVenezia

    18

    21
    4
    6
    11
  • 18º

    logo CagliariCagliariR

    16

    22
    3
    7
    12
  • 19º

    logo GenoaGenoaR

    12

    22
    1
    9
    12
  • 20º

    logo SalernitanaSalernitanaR

    11

    20
    3
    2
    15
Back To Top