Quando l'esonero è imposto dagli sponsor: l'anomala storia di Maurizio Sarri al Sorrento

Zoom  
Quando l'esonero è imposto dagli sponsor: l'anomala storia di Maurizio Sarri al Sorrento

Non sarà la prima volta che Maurizio Sarri siederà sulla panchina di una squadra campana. Prima che gli fosse data l'occasione di dimostrare il suo valore in Serie A, l'ex tecnico dell'Empoli era già orbitato attorno alla città partenopea, a circa 45 km di distanza, nell'incantevole Sorrento. Lui è un toscano doc, ma un tempo, quasi per caso, fu proprio Napoli a dargli la luce, e ora la città sembra quasi essere tornata per rivendicare ciò che gli appartiene per ius soli. 

E' la mattina del 6 luglio 2011 quando Sarri sigla il suo contratto con la squadra costiera: a volerlo sulla panchina rossonera è il direttore generale Diodato Scala, che suggerisce il suo nome al presidente Gambardella con l'intenzione di dar linfa ad un progetto che ambiva alla promozione dalla Lega Pro alla Serie B. 

Le cose, però, non andarono come previsto: dopo la buona partenza con uno 0-3 a Monza, Sarri ne pareggia tre di fila e sul campo del Benevento arriva il primo KO. Ad incidere sui risultati sono diversi fattori e il terreno di gioco, problema atavico del calcio in costiera, non rende le cose più semplici. Dopo sole sedici giornate, con sette vittorie, sei pareggi e tre sconfitte, la società decide di rescindere il contratto con Sarri, con il Sorrento sesto in campionato, a soli due punti dalla terza posizione e con la corsa ai play-off ancora aperta. Sulla decisione apparentemente immotivata di licenziare il toscano pesarono le pressioni di alcuni influenti sponsor, che insisterono con il presidente Gambardella affinché fosse Gennaro Ruotolo a guidare il Sorrento. Sarri lo sapeva bene e fu costretto a guardare la squadra arrivare ad un passo dalla Serie B a fine stagione. Ma l'esperienza al Sorrento presentò altre criticità. In un'intervista di qualche anno fa il nuovo tecnico del Napoli rivelò di aver trovato difficoltà ad esprimere il suo calcio in una città dove "si pensa più ad altre cose che al calcio e manca quell'attaccamento verso i colori della propria squadra". Un ambiente che fa eccezione nel panorama calcistico campano.

Questa volta, però, Sarri può stare sicuro: De Laurentiis non è certo uno che si lascia condizionare dagli sponsor e la bellissima Sorrento, in quanto a tifoseria, non è certo Napoli. Al di là di come i tifosi possano aver accolto la notizia del suo ingaggio, il San Paolo non vede l'ora di applaudire l'umiltà e lo spirito di sacrificio che ci si augura diventino le colonne portanti del nuovo Napoli targato Sarri.

Ultimissime Notizie
Classifica
  • #

    Squadra

    PT
    G
    V
    N
    P
  • logo MilanMilanCL

    43

    19
    13
    4
    2
  • logo InterInterCL

    41

    19
    12
    5
    2
  • logo RomaRomaCL

    37

    19
    11
    4
    4
  • logo JuventusJuventusCL

    36

    18
    10
    6
    2
  • logo AtalantaAtalantaEL

    36

    19
    10
    6
    3
  • logo NapoliNapoliEL

    34

    18
    11
    1
    6
  • logo LazioLazio

    34

    19
    10
    4
    5
  • logo VeronaVerona

    30

    19
    8
    6
    5
  • logo SassuoloSassuolo

    30

    19
    8
    6
    5
  • 10º

    logo SampdoriaSampdoria

    23

    18
    7
    2
    9
  • 11º

    logo BeneventoBenevento

    22

    19
    6
    4
    9
  • 12º

    logo FiorentinaFiorentina

    21

    19
    5
    6
    8
  • 13º

    logo BolognaBologna

    20

    19
    5
    5
    9
  • 14º

    logo UdineseUdinese

    18

    19
    4
    6
    9
  • 15º

    logo SpeziaSpezia

    18

    19
    4
    6
    9
  • 16º

    logo GenoaGenoa

    18

    19
    4
    6
    9
  • 17º

    logo TorinoTorino

    14

    19
    2
    8
    9
  • 18º

    logo CagliariCagliariR

    14

    19
    3
    5
    11
  • 19º

    logo ParmaParmaR

    13

    18
    2
    7
    9
  • 20º

    logo CrotoneCrotoneR

    12

    19
    3
    3
    13
Back To Top