Il giorno dopo Napoli–Fiorentina si è perfino sentita l'assenza di Mario Rui, Gattuso in confusione...

Rubriche  
Il giorno dopo Napoli–Fiorentina si è perfino sentita l'assenza di Mario Rui, Gattuso in confusione...

di Stefano Napolitano

Il giorno dopo Napoli – Fiorentina. Si racconta di una squadra in caduta libera. Cade ancora il Napoli e cade in casa per la quinta volta in dieci gare disputate al San Paolo. Il rischio di frantumare ogni record negativo esiste. La squadra prende goal da otto partite consecutive. E ieri è apparsa ancora più stanca e lenta del solito contro una compagine, quella viola, reduce dalla durissima partita di Coppa Italia contro l’Atalanta.

Il giorno dopo Napoli – Fiorentina. Ieri è apparso in confusione lo stesso Gattuso, schierando un centrale, Luperto, terzino; e un terzino, Di Lorenzo, centrale. E il quadretto difensivo è stato completato con Hysaj, un destro a sinistra. In pratica si è rinunciato alla spinta sulle fasce. Addio catene e sovrapposizioni. Una manna per le difese avversarie. Andato in svantaggio, ha riportato i giocatori nei propri ruoli. E’ comunque cambiato poco. Come a poco e niente sono serviti i cambi della ripresa. Esordio in campionato per Demme. Ordinato e svelto nel passaggio. E’ subentrato al posto di Allan uscito scuro in volto, per riportare Fabian Ruiz nel suo ruolo. Ormai lo spagnolo cammina da mesi. E anche ieri ha sbagliato tutto quello si poteva sbagliare. L’avesse richiamato in panca, gli avrebbe evitato un’altra mezzoretta di figuracce. Gli ingressi di Llorente e Lozano non hanno messo e non hanno tolto. Ma del resto dai due c’è poco da aspettarsi.

Il giorno dopo Napoli – Fiorentina. La delusione è tanta perché le aspettative dei più ottimisti erano grandi. Anzi, secondo tanti, il Napoli, al cospetto dell’Inter e della Juventus, era avvantaggiato. Perché era l’unica squadra a non aver cambiato guida tecnica. Come se, ad un certo livello contassero ancora gli allenatori. Ad un certo livello, la differenza la fanno sempre i calciatori. Il Napoli in sede di mercato ha toppato alla grande, lasciando ruoli scoperti e scommettendo ancora su Milik, anche ieri invisibile o quasi. Ma per i “soliti noti” il Napoli aveva la rosa più forte dell’era De Laurentis e pensavano di avere la difesa più forte d’Europa con la coppia Manolas – Koulibaly. E, non contenti, esultarono per l’ingaggio di Llorente. Volevano accorciare il gap sulla Juventus con un giocatore che tre anni addietro faceva panchina a Torino. Da non credere.

Il giorno dopo Napoli – Fiorentina. La prestazione di ieri è stata deprimente. In difesa persi tutti i duelli. Il centrocampo spesso saltato con inutili lanci lunghi a cercare Milik. In attacco evanescenti. L’unico a prendersi la responsabilità di qualche iniziativa è stato Insigne. Si è perfino sentita l’assenza di Mario Rui. E’ auspicabile quanto prima il rientro in squadra di Koulibaly e Mertens. Il primo per dare solidità ad una difesa colabrodo e il secondo per dare vivacità all’attacco e buttare qualche pallone dentro. Perché per vincere le partite, bisogna segnare e occorre chi lo faccia. E al momento, non segna nessuno; in compenso, ci segnano tutti. E nel San Paolo divenuto un teatro per pochi intimi, si stanno divertendo solo gli avversari.

Ultimissime Notizie
I più letti
  • #1

  • #2

  • #3

  • #4

  • #5

Classifica
  • #

    Squadra

    PT
    G
    V
    N
    P
  • logo JuventusJuventusCL

    60

    25
    19
    3
    3
  • logo LazioLazioCL

    59

    25
    18
    5
    2
  • logo InterInterCL

    54

    24
    16
    6
    2
  • logo AtalantaAtalantaCL

    45

    24
    13
    6
    5
  • logo RomaRomaEL

    42

    25
    12
    6
    7
  • logo NapoliNapoliEL

    36

    25
    10
    6
    9
  • logo MilanMilan

    36

    25
    10
    6
    9
  • logo VeronaVerona

    35

    24
    9
    8
    7
  • logo ParmaParma

    35

    24
    10
    5
    9
  • 10º

    logo BolognaBologna

    34

    25
    9
    7
    9
  • 11º

    logo CagliariCagliari

    32

    24
    8
    8
    8
  • 12º

    logo SassuoloSassuolo

    29

    24
    8
    5
    11
  • 13º

    logo FiorentinaFiorentina

    29

    25
    7
    8
    10
  • 14º

    logo TorinoTorino

    27

    24
    8
    3
    13
  • 15º

    logo UdineseUdinese

    27

    25
    7
    6
    12
  • 16º

    logo LecceLecce

    25

    25
    6
    7
    12
  • 17º

    logo SampdoriaSampdoria

    23

    24
    6
    5
    13
  • 18º

    logo GenoaGenoaR

    22

    25
    5
    7
    13
  • 19º

    logo BresciaBresciaR

    16

    25
    4
    4
    17
  • 20º

    logo SpalSpalR

    15

    25
    4
    3
    18
Antonio Barbato - Consulente del Lavoro
Fantacalcio - Solo il meglio del calcio
M.A.R.A.T. Football management
Back To Top