Juventus, Pirlo: "Non siamo rassegnati, vogliamo la Champions! No comment su Gravina e il litigio Paratici-Nedved"

Le Interviste  
PirloPirlo

Andrea Pirlo in conferenza stampa alla vigilia della partita della Juventus con il Sassuolo

Serie A - Andrea Pirlo della Juventus parla in conferenza stampa in vista della partita di domani contro il Sassuolo:

Che partita deve fare la Juventus domani?
"Deve fare una grande partita ma la cosa più importante è che non voglio vedere rassegnazione perché ci sono ancora tre partite e siamo ad un punto dalla Champions. Ne ho viste di tutti i colori essendo da tanti anni nel calcio: ho visto vincere campionati all'ultima giornata, Champions perse all'ultimo secondo e io ho perso una Champions vincendo il primo tempo 3-0. Non ci deve essere rassegnazione ma positività. Abbiamo ancora possibilità di raggiungere l'obiettivo e deve essere la cosa più importante per noi".

Ronaldo ha bisogno di staccare?
"Non abbiamo ancora parlato di questo, ha giocato tante partite e le ha fatte bene. Vedremo come sta oggi nell'allenamento del pomeriggio e decideremo il da farsi. Domani per noi è importante e delicata, spero di avere tutti a disposizione".

Cosa pensa delle voci su un presunto litigio fra Paratici e Nedved per la sua posizione e sulle parole di Gravina?
"A proposito di questo non voglio neanche parlarne, in gossip e cose inventate non voglio entrarci. Per quanto riguarda Gravina sono cose esterne da lasciare da parte. Noi vogliamo dimostrare sul campo di meritarci la Champions, il resto lo lasciamo agli esterni".

Come ha visto la squadra dopo la sconfitta?
"C'era grande delusione perché abbiamo perso 3-0 col Milan: una gara importante e uno scontro diretto. Come ho detto però nel calcio può succedere di tutto, il nostro obiettivo non cambia. Dipende da noi e speriamo che gli possano fare passi falsi. Abbiamo il dovere di crederci fino alla fine, il calcio dà soddisfazioni anche all'ultimo minuto".

Cosa aveva in mente di diverso dicendo che si è dovuto adattare?
"Mi sono adattato per cause interne, infortuni, Covid. Avevo in mente qualcosa ma ad esempio non ho messo sempre la stessa formazione anche perché non ho sempre avuto tutti a disposizione. Quindi ogni partita diventava diversa da programmare e impostare e mi sono adattato".

Ha paura di poter diventare il capro espiatorio?
"Non ho paura, penso solo al bene della Juventus che è più importante di tutto. I risultati poi diranno se sarò l'allenatore ma Juve viene prima di tutto e io cercherò di fare il meglio per la società finché sarò qui".

A che cosa nello specifico si è dovuto adattare?
"Magari all'inizio hai un'idea di calcio e poi ti adatti dopo aver visto le caratteristiche dei giocatori. L'allenatore deve essere bravo ad adattarsi ai giocatori che ha a disposizione e farli rendere al meglio. Si hanno dei giocatori che magari si pensa abbiano certe caratteristiche ma poi scopri che sono differenti e devi muoverti diversamente".

Ultimissime Notizie
I più letti
Classifica
  • #

    Squadra

    PT
    G
    V
    N
    P
  • logo InterInterCL

    91

    38
    28
    7
    3
  • logo MilanMilanCL

    79

    38
    24
    7
    7
  • logo AtalantaAtalantaCL

    78

    38
    23
    9
    6
  • logo JuventusJuventusCL

    78

    38
    23
    9
    6
  • logo NapoliNapoliEL

    77

    38
    24
    5
    9
  • logo LazioLazioEL

    68

    38
    21
    5
    12
  • logo RomaRoma

    62

    38
    18
    8
    12
  • logo SassuoloSassuolo

    62

    38
    17
    11
    10
  • logo SampdoriaSampdoria

    52

    38
    15
    7
    16
  • 10º

    logo VeronaVerona

    45

    38
    11
    12
    15
  • 11º

    logo GenoaGenoa

    42

    38
    10
    12
    16
  • 12º

    logo BolognaBologna

    41

    38
    10
    11
    17
  • 13º

    logo UdineseUdinese

    40

    38
    10
    10
    18
  • 14º

    logo FiorentinaFiorentina

    40

    38
    9
    13
    16
  • 15º

    logo SpeziaSpezia

    39

    38
    9
    12
    17
  • 16º

    logo CagliariCagliari

    37

    38
    9
    10
    19
  • 17º

    logo TorinoTorino

    37

    38
    7
    16
    15
  • 18º

    logo BeneventoBeneventoR

    33

    38
    7
    12
    19
  • 19º

    logo CrotoneCrotoneR

    23

    38
    6
    5
    27
  • 20º

    logo ParmaParmaR

    20

    38
    3
    11
    24
Back To Top