Corbo: "Rinnovo Insigne, Donnarumm insegna: non parlateci più di sentimenti e bandiere, la tavola degli scacchi poggia sui soldi"

Rassegna Stampa  
Corbo: Rinnovo Insigne, Donnarumm insegna: non parlateci più di sentimenti e bandiere, la tavola degli scacchi poggia sui soldi

Corbo su Insigne

Napoli Calcio - Scrive Antonio Corbo nel suo editoriale per La Repubblica:

"Sembrava una partita a scacchi tra Insigne e la coppia De Laurentiis-Chiavelli, presidente e amministratore. Ma nessuna delle 32 pedine, 16 per parte, è stata mossa. Tutto è fermo sulle 64 caselle a due colori. Vuol dire qualcosa. Che ad una settimana dal trionfo di Londra mancano offerte per i campioni, Insigne compreso. Che il calcio europeo è ancora in crisi profonda, se nessun club scommette qualche decina di milioni su un fantasista trentenne, un agile brevilineo tuttodestro che da sinistra ispira il gioco e conclude, un modello di assist e controfinta. Ma se è in crisi l’Europa del calcio, lo è anche l’Italia che sta ad osservare, figurarsi il Napoli che senza sta per accettare la sfida estrema. Quella che gli fece perdere Milik e che strappa al Milan un gigante, lasciato partire a contratto scaduto per uno scarto di due milioni, il club ne offriva 8, l’agente Raiola non è spostato da dieci. Aldilà di certi voli di fantasia, si può chiaramente leggere oltre gli scacchi fermi sulla tavola. Insigne e i suoi tacciono per motivi di dignità. Proporsi per il rinnovo, significa scegliere la posizione più debole. Come in amore, vince chi minaccia di fuggire. De Laurentiis e lo scienziato del risparmio Chiavelli sull’altro versante aspettano. Non propongono un euro in più, per non smentire l’annuncio di tagliare i costi. Si capisce quindi l’immobilismo di queste ore e delle prossime. Non è un dramma, è solo l’effetto di un gioco estremo che alza la posta. A rischiano solo il giocatore e la dirigenza, barricati agli antipodi. Il disagio è per Luciano Spalletti che non sa come rifare il Napoli, con o senza Insigne? Non è un’alternativa da poco. Sia l’allenatore finora lucido e corretto, ma anche lo stesso Giuntoli cercano esterno alto, mediano di fisicità e dinamismo, terzino sinistro che corra in parallelo con Di Lorenzo. Proprio Donnarumma anticipa l’idea di una soluzione totale. Questa: rimane Insigne fino a scadenza, 30 giugno 2022, accumula altri meriti, poi a costo zero mette in fila gli acquirenti e si vende a chi vuole. Come Donnarumma che lascia al Milan 10 punti e neanche un euro. Può finire anche così a Napoli, ma non parlateci più di sentimenti e bandiere. La tavola degli scacchi, da una parte e dell’altra, poggia su una montagna di soldi".

Ultimissime Notizie
I più letti
  • #1

  • #2

  • #3

  • #4

  • #5

Classifica
  • #

    Squadra

    PT
    G
    V
    N
    P
  • logo NapoliNapoliCL

    15

    5
    5
    0
    0
  • logo InterInterCL

    13

    5
    4
    1
    0
  • logo MilanMilanCL

    13

    5
    4
    1
    0
  • logo RomaRomaCL

    12

    5
    4
    0
    1
  • logo AtalantaAtalantaEL

    10

    5
    3
    1
    1
  • logo FiorentinaFiorentinaEL

    9

    5
    3
    0
    2
  • logo LazioLazio

    8

    5
    2
    2
    1
  • logo BolognaBologna

    8

    5
    2
    2
    1
  • logo TorinoTorino

    7

    5
    2
    1
    2
  • 10º

    logo UdineseUdinese

    7

    5
    2
    1
    2
  • 11º

    logo EmpoliEmpoli

    6

    5
    2
    0
    3
  • 12º

    logo JuventusJuventus

    5

    5
    1
    2
    2
  • 13º

    logo SampdoriaSampdoria

    5

    5
    1
    2
    2
  • 14º

    logo SassuoloSassuolo

    4

    5
    1
    1
    3
  • 15º

    logo VeronaVerona

    4

    5
    1
    1
    3
  • 16º

    logo GenoaGenoa

    4

    5
    1
    1
    3
  • 17º

    logo SpeziaSpezia

    4

    5
    1
    1
    3
  • 18º

    logo VeneziaVeneziaR

    3

    5
    1
    0
    4
  • 19º

    logo CagliariCagliariR

    2

    5
    0
    2
    3
  • 20º

    logo SalernitanaSalernitanaR

    1

    5
    0
    1
    4
Back To Top