Napoli-Bologna, le pagelle: Milik dominante, Mertens si riscatta! Zielinski e Callejon anonimi, Albiol sovrastato. Malcuit propositivo

Le Pagelle  
Napoli-Bologna, le pagelle: Milik dominante, Mertens si riscatta! Zielinski e Callejon anonimi, Albiol sovrastato. Malcuit propositivo

Meret 5,5 - Tre minuti e guarda sfilare il destro di Poli, per poi pararne poco più tardi un destro. Ottimo in presa alta su Svanberg al 30’,

Meret 5,5 - Tre minuti e guarda sfilare il destro di Poli, per poi pararne poco più tardi un destro. Ottimo in presa alta su Svanberg al 30’, la testata di Santander lo lascia di sasso. Così come quella di Danilo, sul cui gol abbozza una specie di mezzo tuffo. Meglio al 91’ sempre sul centrale.

Malcuit 6,5 - Entra nell’azione del vantaggio, fornendo un mezzo cross tra Mertens e Milik. Propositivo sulla fascia, si inventa l’assist del 2-1 con quella che sembra una trivella. Ottimo recupero su Palacio al 62’, nel finale non è scaltro con l’offside mentre Skorupski è fuori dai pali.

Albiol 5 - Prendersi cura del Ropero Santander è semplice, il problema è che l’uruguaiano segna quando viene marcato dal suo compagno di reparto. Falcinelli non crea enormi pericoli, però si fa mangiare in testa da Danilo sul 2-2.

Maksimovic 5,5 - Non si capisce la mancata marcatura su Santander in occasione dell’1-1, forse la spizzata di Palacio lo prende in controtempo. Convincente a tratti (sette salvataggi)

Ghoulam 6 - Fare il riscaldamento con la maglia di Koulibaly lo farà entrare nella simpatia di molti. Faouzi però si sgancia alto a sinistra, al 41’ crossa in area ma nessuno la prende. Lo rivedremo nel 2019, chiude con 44 passaggi (precisione 91%) e due uno-contro-uno vinti. (Dal 68’ Mario Rui 6 - Una ventina di minuti per mantenere la situazione e salvare un pallone sulla linea)

Callejon 5 - Intelligente quando si accentra e lascia la fascia a Malcuit, meno preciso quando ha il pallone tra i piedi. La chance divorata al 50’ è gigantesca, partita in ombra. (Dall’84’ Ounas SV)

Allan 5,5 - Ogni tanto agisce da mediano unico davanti alla difesa, quando Zielinski si stacca. Lascia Palacio libero di colpirla per l’1-1 di Santander, credeva fosse in offside. Fisicamente però non sembra al top, conferma le impressioni date già a Milano (5 uno-contro-uno vinti su 13)

Zielinski 5 - Dopo l’errore di Milano, ha la possibilità di redimersi e di gettarsi nei corridoi centrali lasciati aperti dal Bologna. Ma nemmeno questa è la sua partita: qualche sprazzo nella ripresa (90 passaggi, 92% di precisione), troppo poco.

Verdi 6 - Torna in campo 70 giorni dopo l’infortunio di Udine, ed in fase offensiva si accentra per fare spazio a Ghoulam: molto buona la percussione al 33’, peccato Milik la metta fuori. Fiammate a tratti, il fisico non regge ma il 2019 sarà migliore. (Dal 58’ Fabián 6 - Gran palla per Milik al 66’, un filino lunga forse. Ma con lo spagnolo il palleggio azzurro migliora esponenzialmente. Col destro non è al top al 90’)

Mertens 6,5 - Buona idea al 13’ per Milik, al 25’ Skorupski vola a togliergli dall’incrocio un gran destro. Per il resto si muove e poco più. Con tanto di occasione al 72’ con palla colpita così così e deviata. Sembrava una prestazione anonima, ma ad un campione basta la giocata: quella all’88’ vale tre punti, e tanto basta.

Milik 7 - Gol da rapace al 15’, gli basta un tocco per fare nove in campionato. Anticipa Skorupski su corner, finisce fuori. Così come al 33’, la mette ad un passo dalla porta. Dominante su Mattiello in occasione del 2-1, arriva in doppia cifra. Skorupski dice no alla tripletta al 66’, Arek è sempre pimpante nonostante soli undici passaggi completati in novanta minuti.

Ancelotti 6 - Le assenze lo portano a fare cambi forzati, ed anche tatticamente è molto interessante vedere la manovra offensiva che si sviluppa - in qualche azione - con Allan davanti a tre difensori e Verdi mezz’ala. Il Bologna si fa vedere dalle parti di Meret, ma la cifra tecnica dei suoi è superiore: dopo il gol di Milik servirebbe un 2-0 per evitare guai, ma non arriva, ed il pareggio è una coltellata soprattutto per la modalità con cui arriva. Il centrocampo fa poco filtro, cala vistosamente dal punto di vista fisico. Però nel calcio contano gli episodi, e quando Mattiello affronta Milik non c’è speranza che lo tenga. Rimpolpare il centrocampo con Fabián è saggio, ma la squadra commette tanti errori in fase di gestione. Grave problema sui calci da fermo, da dove arriva anche il 2-2. Le scelte a centrocampo lo tradiscono, lo salva un Mertens fino a quel momento opaco. Fisicamente la condizione nel 2019 non può che migliorare.

di Claudio Russo (@claudioruss)

RIPRODUZIONE RISERVATA

Ultimissime Notizie
I più letti
Classifica
  • #

    Squadra

    PT
    G
    V
    N
    P
  • logo JuventusJuventusCL

    19

    7
    6
    1
    0
  • logo InterInterCL

    18

    7
    6
    0
    1
  • logo AtalantaAtalantaCL

    16

    7
    5
    1
    1
  • logo NapoliNapoliCL

    13

    7
    4
    1
    2
  • logo RomaRomaEL

    12

    7
    3
    3
    1
  • logo LazioLazioEL

    11

    7
    3
    2
    2
  • logo CagliariCagliari

    11

    7
    3
    2
    2
  • logo FiorentinaFiorentina

    11

    7
    3
    2
    2
  • logo TorinoTorino

    10

    7
    3
    1
    3
  • 10º

    logo VeronaVerona

    9

    7
    2
    3
    2
  • 11º

    logo BolognaBologna

    9

    7
    2
    3
    2
  • 12º

    logo ParmaParma

    9

    7
    3
    0
    4
  • 13º

    logo MilanMilan

    9

    7
    3
    0
    4
  • 14º

    logo UdineseUdinese

    7

    7
    2
    1
    4
  • 15º

    logo SassuoloSassuolo

    6

    6
    2
    0
    4
  • 16º

    logo BresciaBrescia

    6

    6
    2
    0
    4
  • 17º

    logo SpalSpal

    6

    7
    2
    0
    5
  • 18º

    logo LecceLecceR

    6

    7
    2
    0
    5
  • 19º

    logo GenoaGenoaR

    5

    7
    1
    2
    4
  • 20º

    logo SampdoriaSampdoriaR

    3

    7
    1
    0
    6
Dapa Trasporti
Futura Soccer
Antonio Barbato - Consulente del Lavoro
Real Casarea
M.A.R.A.T. Football management
Back To Top
close icon

Ti potrebbe interessare

I giocatori del Napoli festeggiano la vittoria sotto la Curva, cori e bandiere azzurre alla Red Bull Arena [VIDEO]