Spalletti: "Siamo il mezzo per raggiungere la nostra felicità! La squalifica mi disturba, pagherò la multa. Classifica? Qualcuno ci vorrebbe mettere in una posizione differente. Su Gasperini e Ounas..."

Le Interviste fonte : dal nostro inviato a Castel Volturno, Claudio Russo
Spalletti: Siamo il mezzo per raggiungere la nostra felicità! La squalifica mi disturba, pagherò la multa. Classifica? Qualcuno ci vorrebbe mettere in una posizione differente. Su Gasperini e Ounas...

Napoli Atalanta, Luciano Spalletti in conferenza stampa presenta la partita di Serie A

Conferenza stampa di Luciano Spalletti alla vigilia di Napoli Atalanta. Il match Napoli-Atalanta si giocherà allo stadio Diego Armando Maradona e parla alle ore 14:30 in conferenza Spalletti per il calcio Napoli che affronta la partita per la sedicesima giornata del calendario di Serie A. Su CalcioNapoli24 la conferenza in diretta di Spalletti.

Napoli Atalanta, Spalletti in conferenza stampa

Alla vigilia della partita di Napoli Atalanta Luciano Spalletti in conferenza stampa. L'allenatore della SSC Napoli è intervenuto in diretta pre gara. Luciano Spalletti parla per il Napoli calcio in conferenza.

Ecco quanto evidenziato da CalcioNapoli24:

15.15 - Termina la conferenza stampa.

15.10 - Spalletti: "Ounas è pronto, mi è dispiaciuto non averlo a disposizione in questo periodo. Contro il Sassuolo sarebbe entrato se Koulibaly non si fosse fatto male. Adam è molto potente, ha forza nel duello e quando ha l'avversario dietro non si fa rimontare, anzi te lo tiene a distanza. I tagli verso il centro di Mario Rui e Di Lorenzo? Lo fanno un po' tutti il taglio verso il centrocampo, questa caratteristica di andare ad occupare lo spazio anche del centrocampista quando viene liberato: è una questione odierna di sovrapposizione anche interna, non solo esterna"

15.09 - Spalletti: "Più qualità in mezzo al campo? Non è che cambiare un uomo in squadra ti porta chissà cosa. Il palleggio deve fare la differenza per noi, anche loro lo sanno fare e possono farti male"

15.08 - Spalletti: "Elmas o Demme? Non rispondo sulla formazione"

15.07 - Spalletti: "Atalanta favorita domani e candidata allo scudetto? Possono ambire al titolo, come quelle del condominio iniziale. Dire chi sia il favorito domani non mi interessa, mi aspetto che i miei domani possano vincere la partita perchè ne sono in grado"

15.05 - Spalletti: "Io mental coach? I calciatori hanno molte soluzioni, a me non è mai piaciuto quando ti vogliono mettere uno psicologo vicino alla squadra, anche se toccasse in modo migliore certi concetti che sono propri anche dell'allenatore. Si tenta di fare entrambe le cose perchè si rischia di andare a creare un fardello"

15.03 - Spalletti: "Non so cosa ci si può trovare o dove andare, in questi giorni ho ricordato ai miei calciatori. Quello che traspare è ciò che s'è buttato via delle possibilità, io gli ho ricordato ciò che hanno fatto complessivamente fin qui. Non devono farselo ribaltare da nessuno, spaventatori o non spaventatori, o da chi tifa per altre squadre e ribalta le situazioni. Quelli non dicono la verità, fanno i tifosi di altre squadre. Noi dobbiamo sapere bene cosa abbiamo fatto, ovvero un buon calcio e tanti risultati, e che abbiamo una discreta classifica in questo momento. Qualcuno ci vorrebbe mettere in una posizione differente"

15.00 - Spalletti: "Si gioca troppo nel calcio moderno? Noi bisogna trovare un po' più di spazi per farli recuperare, e che sia il muscolo nonchè la testa a recuperare dalla pressione. Siamo tutti lì col fiato sul collo dei calciatori, anche io posso diventare una pressione per loro. Bisognerebbe avere la possibilità di avere ore extra in una giornata per farli recuperare, in questa complessità di date a me è risuccesso di non fargli fare niente, di giocare una partita dopo tre giorni senza aver fatto fare nulla a chi aveva giocato prima. C'è anche il costo mentale dei viaggi, tra spostamenti e mezzi di trasporto: in Russia siamo stati un'ora in piedi a fare i check-in per uscire, poi ci metti il viaggio sull'aereo, poi il pullman. Quando torni sei spappolato, ma sono queste le capacità della persona veramente forte a livello mentale, che ha una famiglia, ma che crea un ordine tale da farlo ritrovare dopo tre giorni in grado di esprimere una prestazione. Ho avuto tanti calciatori in carriera, ma in questo caso ho a che fare con professionisti seri"

14.59 - Spalletti: "Il calcio di Gasperini? Mi piace tutto, sono andato a vederlo e ci sono stato a cena. Lui è stato uno dei primi ad andare su una strada diversa che facevano tutti come impostazione di gioco e di squadra. Poi basta vedere i risultati che ha raggiunto con l'Atalanta per fargli i complimenti"

14.57 - Spalletti: "La fase di nessuno? Un calcio di rinvio, ad esempio, quando lo spari a 30 metri e non sai di chi sarà. Spesso anche le rimesse laterali, che vengono battute da una squadra e gestite da un'altra. Conta la forza, non la stazza, nel duello"

14.55 - Spalletti: "Affrontare un 3-4-3 dopo Torino e Verona? Diciamo che è un mezzo importante per allenarsi, sono convinto che ogni tanto aiutare la squadra, oltre che il confronto individuale, sia anche affrontare un avversario che si schiera così. Dentro l'allenamento lo smanacchio è perfetto, ti alza il livello di quelle sfide individuali di cui si parlava prima. Perchè poi impari ad andare più forte sull'uomo, sei abituato a certi duelli e a certa foga. Loro hanno dei vantaggi, anche la costituzione fisica fa la differenza: è difficile trovarne uno più basso di 1,80 nell'Atalanta, per esempio"

14.54 - Spalletti: "Mertens domani è il capitano, deve aiutarci ad indicarci la strada. Ditemelo voi di Mertens, lo conoscete da più tempo (ride, ndr)"

14.53 - Spalletti: "Juan Jesus? Diventa facile con Juan Jesus, lo conosco da tempo e la cosa più significativa è come viene accolto quando un giocatore entra nello spogliatoio perchè già s'è fatto conoscere per le sue qualità negli anni precedenti. Nel nostro mondo ne parlano in quel modo lì, poi Juan ha esperienza e forza da vendere, è chiaro che farsi trovare pronto è ciò che fa la differenza. Ha tutte le caratteristiche per svolgere i suoi compiti in maniera precisa"

14.52 - Spalletti: "Il nostro stadio diventa fondamentale, ho parlato un paio di volte con De Laurentiis ed è molto disponibile a far sì che sia fondamentale. È chiaro che poi bisogna comportarsi bene allo stadio, andare a prendere le cose che ci fanno divertire e che ci fanno stare insieme, che ci danno la possibilità di avere un sostegno da tutti, e concederlo a tutti. In società stanno lavorando, tutti sanno quanto è importante il contributo che possono dare i tifosi"

14.51 - Spalletti: "Demme e Politano hanno i 90 minuti nelle gambe? Sono valutazioni che vanno fatte anche scientificamente, darei notizie sulla formazione ma Gasperini già ne ha molte"

14.48 - Spalletti: "Sottovalutate le difficoltà del finale di partita col Sassuolo? Noi dobbiamo mantenere la partita sui nostri binari, gestire la maggior parte della partita perchè se la gestiscono gli altri ti portano ad avere un comportamento un po' sparpagliato. Quando c'è la palla alta sono bravi a chiudere l'area di rigore con la fisicità che hanno. Se l'Atalanta gestirà molto la palla, sarà inevitabile subire le loro caratteristiche e la loro qualità. Ci abbiamo provato anche col Sassuolo, non ci siamo riusciti per un motivo o per un altro"

14.44 - Spalletti: "Come sta la squadra dopo Sassuolo? Demme e Politano? Siamo ancora in grado di poter mandare in campo 16 calciatori, si può fare quello che si vuole anche se ci mancano capitano e comandante, abbiamo molti altri alti ufficiali dentro la squadra. C'è gente come Mertens, Di Lorenzo, Mario Rui, Ospina, Rrahmani che ormai è diventato un leader, Zielinski un po' più taciturno ma tosto quando gli si chiede di andare sul campo per fare un certo tipo di lavoro. E gli altri, che sono stati appetiti sul mercato europeo. Dovremo essere bravi a direzionare la partita sulle nostre qualità, non scontrandosi con le qualità dell'Atalanta: questo farà la differenza, non dovremo buttare il pallone bensì giocarlo, o andare a fare i duelli perchè in quel caso vincono loro. Ogni cosa passa dalla gestione di ogni singola cosa che fai quando hai la palla"

14.39 - Spalletti: "Squalifica? Faccio fatica a sopportarlo, vengo cancellato dal mio mondo. Io vivo per fare l'allenatore e per stare con la squadra. Poi c'è da fare una riflessione: quando io spendo del tempo nelle riunioni a dire che comportamento avere in campo e in panchina, io chiedo di avere un certo comportamento. Ai giocatori chiedo di accettare un errore arbitrale, o non cadere nelle provocazioni degli avversari. Ciò che è accaduto è la concretizzazione di ciò che non si deve fare: pagherò la multa alla squadra, bisogna sapersi trattenere anche quando ritieni che le cose siano ingiuste, e fare come fanno loro quando tu allenatore sbagli una sostituzione o una richiesta alla squadra. Restare fuori mi disturba e mi dispiace, mi piace stare anche dentro le complicazioni di una partita. Le assenze? Il mio stato d'animo è sempre lo stesso, io sono convinto di avere delle potenzialità a livello di squadra. Gli infortunati? Con queste tempistiche, è un viaggio verso l'ignoto e non sai cosa ti succede. Come quando dicevo che sul 2-0 non potevi stare sicuro, essendoci le cinque sostituzioni. Siamo sotto tempesta in maniera più precisa, tra infortuni e Covid. Se devi mettere dentro giocatori che tre giorni fa avevano il Covid poi diventa difficile avere una risposta come ti aspetti, ancora di più vanno fatti i complimenti ai calciatori per la disponibilità che hanno avuto nei confronti della professione che fanno"

14.36 - Spalletti: "Napoli-Atalanta? Si passa da un eccesso all'altro, da una parte è quasi impossibile giocare e poi ci si accosta allo scudetto. Noi si può stare al vostro fianco quanto volete, siamo partiti con obiettivi ben chiari e vedremo in seguito di capire il nostro cammino. L'Atalanta è un cliente scomodo, sono costruiti bene. Quando si parla di rosa forte, io lo dico che lo siamo, ma ci sono altri che non lo dicono. Sotto l'aspetto della copertura doppia di tutti i ruoli, ci sono squadre più forti di noi. Poi magari in attacco noi siamo abbondanti, ma come completezza noi siamo a posto ma ci sono altre società più a posto di noi. L'Atalanta è un completa, tosta, sa bene dove vuole andare. Noi abbiamo delle caratteristiche che possono creargli problemi, dovremo vedere come pilotare la partita. O la conduci, o sei un passeggero e vieni portato in giro per il campo. Dovremo cercare di non farlo, se sei passeggero dell'Atalanta ti può portare a sbattere dove vuole"

14.33 - Spalletti: "Le tante assenze? Si sceglie tra ciò che rimangono, è fondamentale stare uniti a protezione della squadra, che ha già dimostrato nelle difficoltà quanto ha a cuore questa maglia, e gli si vede quotidianamente in ogni allenamento questo pensiero. Non c'è migliore occasione, quando ti capita di giocare. A qualcuno che rimane fuori mi succede di dirgli che prima o poi giocherà, ora capita l'occasione e non c'è miglior situazione per vedere se ci si lascia spaventare oppure si vuole andare a trovare nuove energie e nuove risorse. Poi quello che diventa fondamentale è che noi si abbia bene impresso in testa, come un chiodo, che noi siamo il mezzo per raggiungere la nostra felicità, e di tutti quelli che ci vogliono bene. Siamo l'unico mezzo, quando tocca a noi è il momento di farlo vedere che si ha questo potere e si riconosce di averlo"

14.30 - Pochi attimi ed entrerà Spalletti.

14.15 - Iniziano ad arrivare i colleghi in sala stampa.

- Segui su CalcioNapoli24 la conferenza stampa di Spalletti.

Inter Napoli Spalletti
Spalletti Napoli Atalanta
CalcioNapoli24.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google, se vuoi essere sempre aggiornato sulle ultime notizie seguici su Google News
Ultimissime Notizie
Classifica
  • #

    Squadra

    PT
    G
    V
    N
    P
  • logo InterInterCL

    53

    22
    16
    5
    1
  • logo NapoliNapoliCL

    49

    23
    15
    4
    4
  • logo MilanMilanCL

    49

    23
    15
    4
    4
  • logo AtalantaAtalantaCL

    43

    22
    12
    7
    3
  • logo JuventusJuventusEL

    42

    23
    12
    6
    5
  • logo RomaRomaECL

    38

    23
    12
    2
    9
  • logo FiorentinaFiorentina

    36

    22
    11
    3
    8
  • logo LazioLazio

    36

    23
    10
    6
    7
  • logo VeronaVerona

    33

    23
    9
    6
    8
  • 10º

    logo TorinoTorino

    32

    22
    9
    5
    8
  • 11º

    logo SassuoloSassuolo

    29

    23
    7
    8
    8
  • 12º

    logo EmpoliEmpoli

    29

    23
    8
    5
    10
  • 13º

    logo BolognaBologna

    27

    22
    8
    3
    11
  • 14º

    logo SpeziaSpezia

    25

    23
    7
    4
    12
  • 15º

    logo UdineseUdinese

    24

    22
    5
    9
    8
  • 16º

    logo SampdoriaSampdoria

    20

    23
    5
    5
    13
  • 17º

    logo VeneziaVenezia

    18

    22
    4
    6
    12
  • 18º

    logo CagliariCagliariR

    17

    23
    3
    8
    12
  • 19º

    logo GenoaGenoaR

    13

    23
    1
    10
    12
  • 20º

    logo SalernitanaSalernitanaR

    11

    20
    3
    2
    15
Back To Top