Contestazioni e vecchi amori: la crepa ormai è evidente, De Laurentiis e Ancelotti si facciano qualche domanda

Editoriale  
Contestazioni e vecchi amori: la crepa ormai è evidente, De Laurentiis e Ancelotti si facciano qualche domanda

Secondo posto e quarti di finale di Europa League, se c’è (e c’è) un netto scostamento tra parte della tifoseria e squadra qualche motivo dovrà pur esserci. Nel giorno di Pasquetta, con uno stadio semideserto, i messaggi dagli spalti fanno più rumore dei gol mangiati dal Napoli. 

La partita con l’Atalanta passa in secondo piano (ed è quanto dire), i ricordi vanno ad un anno fa, quando tutto sembrava possibile. Quest’anno il discorso scudetto era chiuso già prima di Natale. Questa mancanza di indecisione, l’assenza di imprevedibilità in campionato: alla fine il Napoli le ha pagate a caro prezzo. Con una delle cose che fa più male all’ambiente: il distacco tra una grossa fetta di tifosi e il club, che a tratti sembra colpire anche i giocatori. I fischi ad Insigne un esempio, ma non solo. "Onorate i nostri colori", come se costantemente ci fosse bisogno di un incentivo per accendere la fiammella di una squadra a cui troppe volte manca benzina mentale. 

De Laurentiis e Ancelotti si facciano delle domande. Perché è vero che questo pubblico si è imborghesito. Ma è pur vero che le responsabilità vanno ripartite. L’anno scorso anche mettendo una partita alle 3 di notte si sarebbe arrivati tranquillamente a 30mila spettatori. Quest’anno una cifra del genere sarebbe da big match. Solo “colpa” della Juve?

Quella dell’anno scorso resta una stagione che fa storia a sé, difficilmente paragonabile. Ma è sinceramente triste che una squadra, con Carlo Ancelotti in panchina e risultati fondamentalmente sufficienti, sia un corpo estraneo alla tifoseria. A fine stagione la società dovrà interrogarsi su come sanare questa crepa: il calciomercato è solo uno dei mezzi a disposizione per farlo, ma non l'unico.

Twitter: @LeonardoVivard

©Riproduzione riservata

Ultimissime Notizie
I più letti
Classifica
  • #

    Squadra

    PT
    G
    V
    N
    P
  • logo JuventusJuventusCL

    51

    21
    16
    3
    2
  • logo InterInterCL

    48

    21
    14
    6
    1
  • logo LazioLazioCL

    46

    20
    14
    4
    2
  • logo RomaRomaCL

    39

    21
    11
    6
    4
  • logo AtalantaAtalantaEL

    38

    21
    11
    5
    5
  • logo CagliariCagliariEL

    31

    21
    8
    7
    6
  • logo ParmaParma

    31

    21
    9
    4
    8
  • logo MilanMilan

    31

    21
    9
    4
    8
  • logo VeronaVerona

    29

    20
    8
    5
    7
  • 10º

    logo NapoliNapoli

    27

    21
    7
    6
    8
  • 11º

    logo BolognaBologna

    27

    21
    7
    6
    8
  • 12º

    logo TorinoTorino

    27

    21
    8
    3
    10
  • 13º

    logo FiorentinaFiorentina

    25

    21
    6
    7
    8
  • 14º

    logo UdineseUdinese

    24

    21
    7
    3
    11
  • 15º

    logo SassuoloSassuolo

    23

    21
    6
    5
    10
  • 16º

    logo SampdoriaSampdoria

    20

    21
    5
    5
    11
  • 17º

    logo LecceLecce

    16

    21
    3
    7
    11
  • 18º

    logo SpalSpalR

    15

    21
    4
    3
    14
  • 19º

    logo GenoaGenoaR

    15

    21
    3
    6
    12
  • 20º

    logo BresciaBresciaR

    15

    21
    4
    3
    14
Antonio Barbato - Consulente del Lavoro
Fantacalcio - Solo il meglio del calcio
M.A.R.A.T. Football management
Back To Top
close icon

Ti potrebbe interessare