IL GIORNO DOPO Bologna-Napoli: l'azione di Grecia-Argentina, il raddoppio comico ed i bilanci di fine anno

Rubriche  
IL GIORNO DOPO Bologna-Napoli: l'azione di Grecia-Argentina, il raddoppio comico ed i bilanci di fine anno

Il giorno dopo Bologna  - Napoli. Finisce con una sconfitta, la settima in stagione, il campionato degli azzurri che non erano partiti male. Due corner nei primi tre minuti, gran pressing e un’azione sette tocchi tutti di prima stile Grecia - Argentina al mondiale negli States quando Maradona la infilò all'incrocio. Solo che Diego ha smesso da tanto e il pallone è finito sul sinistro di Verdi che ha calciato a lato. Non contento, lo stesso Verdi, si è poi voluto cimentare anche su una punizione. Ovviamente ha centrato la barriera. Gara, l’ennesima, e stagione da dimenticare per lui.
 
Il giorno dopo Bologna - Napoli. Finito lo " show " di Verdi è iniziato quello di Luperto che sul vantaggio dei rossoblu era a gironzolare per l’area di rigore a tre metri da Santander.  Il raddoppio è una comica o quasi. Milik servito in area la controlla all’indietro. Gli emiliani ripartono, fermati da Insigne che perde palla ed inizia a rincorrere Dzemaili. Luperto è in ritardo nella  chiusura sull’ex centrocampista azzurro che ha tutto il tempo per prendere la mira e infilare Karnezis sul palo lontano. Senza Koulibaly la difesa balla non poco. In quattro partite in cui è stato assente il Napoli ha subito nove reti. Lo stesso Santander, tra andata e ritorno agli azzurri ne ha rifilati tre.
 
Il giorno dopo Bologna - Napoli. Dopo pochi minuti della ripresa, Ancelotti pone rimedio ai suoi stessi errori: richiama l’improponibile Verdi e lo svogliato Insigne e getta nella mischia due elementi indispensabili all’attuale rosa di questo Napoli: Mertens e Callejon. La squadra cambia passo, assedia i sedici metri del Bologna e prima accorcia con un gran goal di Ghoulam e poi la pareggia con il solito Mertens , ben servito da Younes che quando scarica il pallone di prima e non gioca da solo è funzionale . Per il belga sedicesimo goal in campionato e, gira e rigira, resta il miglior attaccante di questa squadra. Solo un legno, l’ennesimo, questa volta colpito da Zielinski, con un bolide dalla distanza, non permetterà al Napoli di portare a termine la rimonta completa. Nel finale, la beffa. Un tiro di Svanberg diventerà un assist per Santander che in torsione, di testa, realizzerà il goal vittoria. Anche in questa occasione, Luperto a debita distanza dall’attaccante paraguaiano, come se il suo compito fosse quello di guardarlo e non di marcarlo e fargli sentire il fiato e il fisico sul collo.
 
Il giorno dopo Bologna - Napoli. E’ tempo di bilanci. Un buon secondo posto blindato da tempo. Lotta scudetto mai iniziata. Male nelle coppe, specialmente in coppa Italia. Tra i nuovi, bene Ruiz anche se a corrente alternata, benino Malcuit, pessimo Verdi e bene, nel complesso i tre portieri. Male in alcune scelte anche Ancelotti, specialmente in quel di Parigi dove nei minuti finali c’era da gestire un prestigioso vantaggio e inserì prima un inutile Milik per Mertens che era su di giri per il goal del vantaggio e pressava tutti. Il polacco non tenne un pallone uno. E poi addirittura Rog per Callejon. Lo spagnolo certe partite le deve giocare fino al 99°. Continuava a prendere falli. Il croato in otto minuti ne commise ben tre. Finale di stagione in crescendo di Zielinski, sempre più completo come centrocampista. Canta, suona e porta la croce. Continua,  goal a parte, la crescita e la ripresa di Ghoulam.  Esplosione definitiva di Koulibaly, nel ruolo ormai tra i migliori al mondo. La stagione ha anche detto che alcune seconde linee non possono giocare neanche contro il Chievo e il Bologna. E che a questa squadra, malgrado le dichiarazioni di facciata, occorre come il pane un bomber di razza. Un cecchino d’area. I ruoli da coprire sono arcinoti.  I nomi di chi non è all’altezza anche.  Il mercato è già iniziato.  Speriamo non riservi le solite delusioni.
 
Stefano Napolitano
Ultimissime Notizie
I più letti
Classifica
  • #

    Squadra

    PT
    G
    V
    N
    P
  • logo JuventusJuventusCL

    63

    26
    20
    3
    3
  • logo LazioLazioCL

    62

    26
    19
    5
    2
  • logo InterInterCL

    54

    25
    16
    6
    3
  • logo AtalantaAtalantaCL

    48

    25
    14
    6
    5
  • logo RomaRomaEL

    45

    26
    13
    6
    7
  • logo NapoliNapoliEL

    39

    26
    11
    6
    9
  • logo MilanMilan

    36

    26
    10
    6
    10
  • logo VeronaVerona

    35

    25
    9
    8
    8
  • logo ParmaParma

    35

    25
    10
    5
    10
  • 10º

    logo BolognaBologna

    34

    26
    9
    7
    10
  • 11º

    logo CagliariCagliari

    32

    25
    8
    8
    9
  • 12º

    logo FiorentinaFiorentina

    30

    26
    7
    9
    10
  • 13º

    logo SassuoloSassuolo

    29

    24
    8
    5
    11
  • 14º

    logo UdineseUdinese

    28

    26
    7
    7
    12
  • 15º

    logo TorinoTorino

    27

    25
    8
    3
    14
  • 16º

    logo SampdoriaSampdoria

    26

    25
    7
    5
    13
  • 17º

    logo GenoaGenoa

    25

    26
    6
    7
    13
  • 18º

    logo LecceLecceR

    25

    26
    6
    7
    13
  • 19º

    logo SpalSpalR

    18

    26
    5
    3
    18
  • 20º

    logo BresciaBresciaR

    16

    25
    4
    4
    17
Antonio Barbato - Consulente del Lavoro
Fantacalcio - Solo il meglio del calcio
M.A.R.A.T. Football management
Back To Top