L'editoriale di Sconcerti: "Sconfitta volgare per l'Inter, è fallito il progetto! Il Napoli gli ha fatto buttare via quanto costruito in due anni"

Le Interviste  
L'editoriale di Sconcerti: Sconfitta volgare per l'Inter, è fallito il progetto! Il Napoli gli ha fatto buttare via quanto costruito in due anni

Di seguito vi proponiamo l'editoriale di Mario Sconcerti per il Corriere della Sera:

"L’Inter a Napoli non ha perso solo una partita, ha buttato via qualunque cosa avesse costruito negli ultimi due anni. A Napoli si può perdere, ma non così e non quando a una giornata dalla fine il risultato conta solo per una squadra in campo. È stata una chiusura netta prima di tutto con se stessa. L’Inter non vuole essere squadra, non ci riesce. È sbagliata nella personalità e non ha abbastanza risorse tecniche per vincere da sola le partite. È un insieme di numeri due guidati da un altro ottimo frequentatore di quella zona. È una barca che non tiene il mare, non lo guarda nemmeno negli occhi. È una banda molto vanesia guidata da un ambiente terrorizzato dall’errore che sta dietro a tutto: il dovere di ripartire. Non è ancora fallita la stagione, ma è fallito il progetto. Non c’è mai stata crescita, un salto di qualità. Niente ha mai smosso questo convoglio pesante e lento, autoreferente, mai dentro il tempo, sempre in fuga nel futuro, che quando arriva non cambia mai il presente.

Un’Inter sempre in battaglia con se stessa senza sapere mai chi vince alla fine queste battaglie, perché non c’è mai fine. La sconfitta di ieri non è illogica, è solo volgare. Segna il limite sudato, grassoccio, di tutta la squadra, di tutte le voci, di tutto il disordine che quotidianamente segue l’Inter come una nuvola cattiva. Il Milan sta prendendosi con calma gli effetti del suo calendario morbido. L’Atalanta è stanca e ne ha diritto, ma domenica va a giocare una partita a suo modo storica: avendo lo stadio occupato da lavori ha preso in affitto quello del Sassuolo, il suo avversario. È un po’ strano. Giocherà contro l’Inter invece la squadra più in forma del momento, l’Empoli, tre vittorie consecutive. Gioca bene e ha quasi soltanto ragazzi. Un tecnico, Andreazzoli, che fa correre tutti con armonia, con classe, quasi senza pratica. L’inconveniente sta nel trovare la via di mezzo. Genoa e Fiorentina giocheranno invece una specie di finale a eliminazione. Il Genoa ha dato Piatek al Milan a metà stagione. A Firenze tutti litigano contro tutti da anni, l’autolesionismo è così convinto che forse adesso saranno contenti tutti".

Ultimissime Notizie
I più letti
Classifica
  • #

    Squadra

    PT
    G
    V
    N
    P
  • logo InterInterCL

    9

    3
    3
    0
    0
  • logo BolognaBolognaCL

    7

    3
    2
    1
    0
  • logo JuventusJuventusCL

    7

    3
    2
    1
    0
  • logo NapoliNapoliCL

    6

    3
    2
    0
    1
  • logo TorinoTorinoEL

    6

    3
    2
    0
    1
  • logo AtalantaAtalantaEL

    6

    3
    2
    0
    1
  • logo MilanMilan

    6

    3
    2
    0
    1
  • logo RomaRoma

    5

    3
    1
    2
    0
  • logo LazioLazio

    4

    3
    1
    1
    1
  • 10º

    logo VeronaVerona

    4

    3
    1
    1
    1
  • 11º

    logo GenoaGenoa

    4

    3
    1
    1
    1
  • 12º

    logo SassuoloSassuolo

    3

    3
    1
    0
    2
  • 13º

    logo CagliariCagliari

    3

    3
    1
    0
    2
  • 14º

    logo BresciaBrescia

    3

    3
    1
    0
    2
  • 15º

    logo ParmaParma

    3

    3
    1
    0
    2
  • 16º

    logo SpalSpal

    3

    3
    1
    0
    2
  • 17º

    logo UdineseUdinese

    3

    3
    1
    0
    2
  • 18º

    logo LecceLecceR

    3

    3
    1
    0
    2
  • 19º

    logo FiorentinaFiorentinaR

    1

    3
    0
    1
    2
  • 20º

    logo SampdoriaSampdoriaR

    0

    3
    0
    0
    3
Dapa Trasporti
Futura Soccer
Antonio Barbato - Consulente del Lavoro
Real Casarea
M.A.R.A.T. Football management
Back To Top
close icon

Ti potrebbe interessare

Scandalo Juve, nuove intercettazioni: "Agnelli ha incontrato la famiglia Dominello a Napoli, diglielo che vi rompiamo il c...!"