Prof. Clemente: "Ecco le regole che non valgono per la Juventus, la sensazione è che Valeri abbiamo voluto compensare il rigore dato alla Sampdoria"

Editoriale  
Prof. Clemente: Ecco le regole che non valgono per la Juventus, la sensazione è che Valeri abbiamo voluto compensare il rigore dato alla Sampdoria

Di seguito vi proponiamo il focus del Prof. Guido Clemente di San Luca dopo le polemiche relative a Juventus-Sampdoria:  La regola 12 prescrive che

Di seguito vi proponiamo il focus del Prof. Guido Clemente di San Luca dopo le polemiche relative a Juventus-Sampdoria: 

La regola 12 prescrive che «Il fallo di mano implica un atto intenzionale di un calciatore che con la mano o il braccio viene a contatto con il pallone». Al fine di stabilire la sussistenza della ‘intenzionalità’, la disposizione prevede che debbano «essere presi in considerazione» i seguenti criteri: a) «il movimento della mano verso il pallone (non del pallone verso la mano)»; b) «la distanza tra l’avversario e il pallone (pallone inaspettato)»; c) «la posizione della mano non significa necessariamente che ci sia un’infrazione». A questi tre la Guida Pratica Aia (il cui disposto integra la disposizione normativa) aggiunge un quarto criterio: d) l’arbitro «Deve valutare se il contatto tra il pallone e la mano o il braccio è voluto dal calciatore o se questi allarga, alza, muove o, comunque, tiene le mani o le braccia con l’intenzione di costituire maggior ostacolo alla traiettoria del pallone».

Valeri non vede il tocco di mano di Emre Can. Correttamente il VAR gli suggerisce di rivedere l’azione. Alla revisione non può non riconoscere che ricorrono gli elementi previsti dai criteri. Il braccio dello juventino è largo e la palla viene da lontano, dunque obiettivamente costituisce maggior ostacolo. Valeri decreta il rigore. Poi, stranamente, vede con prontezza il tocco di mano di Ferrari, con ogni probabilità anche per la immediata, consueta, protesta di Chiellini. Ancora una volta correttamente il VAR gli suggerisce di rivedere l’azione. Incredibilmente, però, alla revisione Valeri non riconosce che in questo caso non ricorrono gli elementi previsti dai criteri. La palla viene da lontano, ma il braccio del sampdoriano è attaccato al corpo. La sensazione netta è che dovesse in qualche modo compensare il rigore legittimamente concesso alla Samp. Non si possono fare sgarbi alla Signora.

Il massimo del riguardo, peraltro, si ha con l’annullamento del gol di Saponara. Caprari prova a giocare la palla all’indietro, non gli riesce perché Alex Sandro lo contrasta in maniera scomposta e maldestra, ma evidentemente intenzionale. La palla dopo il tocco dello juventino finisce nel possesso di Saponara che sta rientrando partendo da posizione di fuorigioco. Segna e, dopo richiamo del VAR, Valeri annulla il gol. La Regola 11 stabilisce che non è da considerare in posizione di fuorigioco il giocatore che, pur stando oltre la linea dei difensori, riceve però il pallone da un avversario che lo gioca in maniera «intenzionale». La disposizione testualmente prevede che il «calciatore in posizione di fuorigioco» non «trae vantaggio», e dunque non è punibile, laddove sia «stato effettuato intenzionalmente un “salvataggio” da un avversario». L’annullamento del gol è illegittimo.

Di fronte a decisioni evidentemente contrarie alle norme, i corifei che occupano quasi militarmente i salotti televisivi nazionali si prodigano a giustificare goffamente l’operato dell’arbitro. E, disinvolti, richiamano gli allenatori che protestano al senso di responsabilità. Viene da chiedersi se nel loro lessico il termine significhi obbligo di assuefazione alla sistematica violazione delle regole.

Ultimissime Notizie
Classifica
  • #

    Squadra

    PT
    G
    V
    N
    P
  • logo JuventusJuventusCL

    90

    38
    28
    6
    4
  • logo NapoliNapoliCL

    79

    38
    24
    7
    7
  • logo AtalantaAtalantaCL

    69

    38
    20
    9
    9
  • logo InterInterCL

    69

    38
    20
    9
    9
  • logo MilanMilanEL

    68

    38
    19
    11
    8
  • logo RomaRomaEL

    66

    38
    18
    12
    8
  • logo TorinoTorino

    63

    38
    16
    15
    7
  • logo LazioLazio

    59

    38
    17
    8
    13
  • logo SampdoriaSampdoria

    53

    38
    15
    8
    15
  • 10º

    logo BolognaBologna

    44

    38
    11
    11
    16
  • 11º

    logo SassuoloSassuolo

    43

    38
    9
    16
    13
  • 12º

    logo UdineseUdinese

    43

    38
    11
    10
    17
  • 13º

    logo SpalSpal

    42

    38
    11
    9
    18
  • 14º

    logo ParmaParma

    41

    38
    10
    11
    17
  • 15º

    logo CagliariCagliari

    41

    38
    10
    11
    17
  • 16º

    logo FiorentinaFiorentina

    41

    38
    8
    17
    13
  • 17º

    logo GenoaGenoa

    38

    38
    8
    14
    16
  • 18º

    logo EmpoliEmpoliR

    38

    38
    10
    8
    20
  • 19º

    logo FrosinoneFrosinoneR

    25

    38
    5
    10
    23
  • 20º

    logo ChievoChievoR

    17

    38
    2
    14
    22
Dapa Trasporti
Futura Soccer
Antonio Barbato - Consulente del Lavoro
Real Casarea
M.A.R.A.T. Football management
Back To Top
close icon

Ti potrebbe interessare

Rai - l'entourage di Icardi manda segnali al Napoli! Manolas o Milenkovic in difesa, serve tempo per James Rodriguez