De Laurentiis incontra i tifosi, Il Roma: "L'anno scorso avrebbe rischiato il linciaggio"

Rassegna Stampa fonte : Salvatore Caiazza per il Roma

Non c’era mai stata così tanta gente nel ritiro di Dimaro. Mail la Val di Sole, nelle sei estati precedenti, aveva subito una invasione così ampia di tifosi napoletani. C’è stato il delirio nella seconda domenica del Napoli a Dimaro. Al campo di Carciato e nella zona antistante c’era un mare di azzurro per le tante persone presenti. Almeno in cinquemila hanno voluto trascorrere una giornata al fianco della propria squadra del cuore. E chi ti spunta in tribuna? Aurelio De Laurentiis. Il patron si è voluto godere la sua gente tuffandosi in una onda di fan in delirio.

Eppure il Napoli nello scorso torneo è arrivato terzo e la conquista della fase a gironi di Champions non è facile visto che si dovranno disputare i preliminari. Sono lontani i brutti ricordi dell’anno passato quando di questi tempi, nonostante il secondo posto, c’era tanta depressione. I tifosi venivano comunque in Trentino ma erano tutti delusi dal caso Higuaìn nato ad inizio ritiro e dal suo epilogo. Don Aurelio non avrebbe mai potuto incontrare i supporter come ieri. Avrebbe rischiato il linciaggio. Stavolta, invece, è stato tutto diverso. La parola scudetto è stata sdoganata da tutti e quindi di conseguenza c’è la convinzione di poter finalmente spodestare l’odiata Juventus. Che a quanto pare ha pagato dazio nella notte di Cardiff. La finale di Champions persa contro il Real Madrid è costata cara. Bonucci è stato costretto ad andare via dopo aver avuto dei battibecchi prima con Dybala e poi con Manduzukic e Barzagli. C’è stato uno scricchiolio che potrebbe indebolire una corazzata che resta la prima della classe ma che ha perso qualche forza mentale. Non era preventivabile un addio di Bonucci. Era una vera e propria bandiera e veniva considerato uno dei migliori difensori al mondo. Eppure Allegri ha detto agli Agnelli: «O lui o io». Alla fine la proprietà ha scelto l’allenatore mandando via Leonardo. 

A prescindere dalle chiacchiere è il Napoli di Sarri a convincere tutti che questo che sta per incominciare è l’anno buono per poter puntare al titolo. C’è una compattezza unica nello spogliatoio ma soprattutto si sta andando avanti nel lavoro iniziato dal sor Maurizio due anni fa di questi tempi. Alla sua terza stagione alla guida degli azzurri il toscano cerca la consacrazione di un gioco che riesca anche a portare titoli e non solo a collezionare record e a ricevere complimenti. Il club ha chiesto ed ottenuto dai calciatori di lavorare tutti insieme dall’inizio alla fine della fase di preparazione. In undici hanno rinunciato ad una settimana in più di ferie proprio per poter permettere all’allenatore di utilizzare il gruppo al completo. A parte Mario Rui, sono partiti tutti alla pari ed è per questo che la macchina funziona molto bene. Nel gioco delle coppie nessuno viene meno. Addirittura Ounas, il giovane francoalgerino del ’96, si è subito messo in mostra lustrando il suo sinistro a volo su assist di Jorginho contro il Trento l’altra sera. Ha una tecnica incredibile l’ex Bordeaux e sotto l’attenta guida di Sarri può diventare un campione. Lo sono già Mertens e Milik che devono assicurare quanti più gol e possibile al Napoli. Non va dimenticata la qualità di Insigne e il cinismo di Callejon. C’è, poi, capitan Hamsik che è già in grande spolvero. In due partite la difesa non ha subito reti. Su questo reparto si è concentrato molto Sarri nei primi undici giorni di ritiro. I meccanismi vengono provati e riprovati affinché da metà agosto si inizi con il piede giusto e si eviti di venire meno nei momenti topici altrimenti la Juve se la ride di nuovo come nelle ultime sei stagioni. A proposito. Il caso Reina sta per chiudersi. Nel migliore dei modi naturalmente. A breve c’è un incontro per decidere il futuro e per stare tutti più sereni.

Altre Notizie
I più letti
Classifica
  • #

    Squadra

    PT
    G
    V
    N
    P
  • NapoliCL

    66

    25
    21
    3
    1
  • JuventusCL

    65

    25
    21
    2
    2
  • RomaCL

    50

    25
    15
    5
    5
  • InterCL

    48

    25
    13
    9
    3
  • LazioEL

    46

    24
    14
    4
    6
  • SampdoriaEL

    41

    25
    12
    5
    8
  • Milan

    41

    25
    12
    5
    8
  • Atalanta

    38

    25
    10
    8
    7
  • Torino

    36

    25
    8
    12
    5
  • 10º

    Udinese

    33

    25
    10
    3
    12
  • 11º

    Fiorentina

    32

    25
    8
    8
    9
  • 12º

    Genoa

    30

    25
    8
    6
    11
  • 13º

    Bologna

    30

    25
    9
    3
    13
  • 14º

    Cagliari

    25

    25
    7
    4
    14
  • 15º

    Chievo

    25

    25
    6
    7
    12
  • 16º

    Sassuolo

    23

    25
    6
    5
    14
  • 17º

    Crotone

    21

    25
    5
    6
    14
  • 18º

    SpalR

    17

    25
    3
    8
    14
  • 19º

    VeronaR

    16

    24
    4
    4
    16
  • 20º

    BeneventoR

    10

    25
    3
    1
    21
Dapa Trasporti
Back To Top

Ti potrebbe interessare

Nuovo stadio, Il sindaco di Melito: "C'è la delibera ufficiale! Inizio lavori nel 2019, impianto da 30-35 mila posti"