Gianello: "Samp-Napoli combinata? Era solo una battuta, ho pagato l'omessa denuncia. La squalifica mi ha portato quasi alla depressione, il calcio era diventato uno schifo"

Le Interviste  
Matteo Gianello in diretta su RAI 2Matteo Gianello in diretta su RAI 2

Matteo Gianello, ex calciatore del Napoli, ha rilasciato alcune dichiarazioni ad "Antidoping", trasmissione in onda sulla RAI. Ecco quanto evidenziato da CalcioNapoli24: "

"Ho iniziato a giocare a calcio a 8 anni e scelsi il ruolo di portiere per pigrizia, non mi piaceva correre. Rispecchia anche il mio carattere quel ruolo: sono un tipo solitario. Noi calciatori viviamo in una bolla di vetro, crediamo di essere al centro del mondo: siamo su tutti i giornali, le telecamere entrano negli spogliatoi e siamo degli idoli per i tifosi. Allo stesso tempo, però, siamo fragili e veniamo affiancati da persone che vogliono il nostro male e non il nostro bene. L'accusa di combine mi raggiunge quando ero in vacanza, mi chiama un dirigente del Napoli e mi dice di andare al Ministero della Repubblica per delle domande. Venni accusato di aver combinato una partita, il colloquio durò 7 ore. Ammetto di aver fatto la battuta, di aver detto di andare a far vacanza per il pari in quel Sampdoria-Napoli. Poi mi vengono mosse accuse su conoscenze con figli di boss etc, cose utopistiche. Esco dal colloquio con un accordo verbale col Napoli per il rinnovo. Gli azzurri però non si fanno più sentire e resto nel limbo aspettando il procedimento penale. Passa un anno e vengo chiamato in Procura Sportiva per essere ascoltato. Anche lì ho ammesso questa mia battuta e ammetto che ero stato contattato da alcuni scommettitori per truccare questa partita. Poi è partito il processo a dicembre e fui condannato per omessa denuncia e per slealtà sportiva. L'omessa denuncia è legata al fatto che non avevo denunciato gli scommettitori che mi avevano contattato. Durante la squalifica di 20 mesi ero molto dispiaciuto soprattutto per i miei cari. Sono stato giustamente allontanato dal mondo del calcio, in queste situazioni non ci sono amici: si fanno tutti da parte. In quel periodo è nata mia figlia e questo mi ha dato forza. Il calcio era diventato uno schifo, non riuscivo a seguire nemmeno il calcio inglese. Mi sentivo sempre gli occhi addosso, anche in casa. Mi ha portato quasi alla depressione, vieni identificato come un delinquente. Mi sono sentito come una goccia in un oceano".

Altre Notizie
I più letti
Classifica
  • #

    Squadra

    PT
    G
    V
    N
    P
  • logo JuventusJuventusCL

    34

    12
    11
    1
    0
  • logo NapoliNapoliCL

    28

    12
    9
    1
    2
  • logo InterInterCL

    25

    12
    8
    1
    3
  • logo LazioLazioCL

    22

    12
    7
    1
    4
  • logo MilanMilanEL

    21

    12
    6
    3
    3
  • logo RomaRomaEL

    19

    12
    5
    4
    3
  • logo SassuoloSassuolo

    19

    12
    5
    4
    3
  • logo AtalantaAtalanta

    18

    12
    5
    3
    4
  • logo FiorentinaFiorentina

    17

    12
    4
    5
    3
  • 10º

    logo TorinoTorino

    17

    12
    4
    5
    3
  • 11º

    logo ParmaParma

    17

    12
    5
    2
    5
  • 12º

    logo SampdoriaSampdoria

    15

    12
    4
    3
    5
  • 13º

    logo CagliariCagliari

    14

    12
    3
    5
    4
  • 14º

    logo GenoaGenoa

    14

    12
    4
    2
    6
  • 15º

    logo SpalSpal

    13

    12
    4
    1
    7
  • 16º

    logo BolognaBologna

    10

    12
    2
    4
    6
  • 17º

    logo UdineseUdinese

    9

    12
    2
    3
    7
  • 18º

    logo EmpoliEmpoliR

    9

    12
    2
    3
    7
  • 19º

    logo FrosinoneFrosinoneR

    7

    12
    1
    4
    7
  • 20º

    logo ChievoChievoR

    0

    12
    0
    3
    9
Dapa Trasporti
Antonio Barbato - Consulente del Lavoro
Back To Top
close icon

Ti potrebbe interessare

Ancelotti: "All'estero sono avanti per strutture ed ambiente: non ti insultano come fanno in Italia, dobbiamo imparare l'educazione allo sport. Il talento senza collettivo non fa la differenza"