Fatturato SSC Napoli, bilancio cala a 215 milioni: 2017/18 in rosso di 6 milioni, aumento monte ingaggi e -3% biglietti

In Evidenza fonte : calcioefinanza.it
Aurelio De Laurentiis, presidente della SSC NapoliAurelio De Laurentiis, presidente della SSC Napoli

FATTURATO SSC NAPOLI - Meno ricavi Champions e meno plusvalenze, con bilancio in leggero rosso: la SSC Napoli chiude l’esercizio 2018 con il segno negativo per 6,3 milioni dopo il super utile del bilancio 2017. Le minori cessioni e l’eliminazione in Champions League nella fase a gironi hanno infatti ridotto di circa il 30% il valore della produzione della società partenopea, che torna così nettamente sotto quota 300 milioni dopo il record dell’ultimo esercizio.

SSC Napoli calcio bilancio 2018, il fatturato

Nel dettaglio, il fatturato del Napoli è stato pari a 215,5 milioni di euro, contro i 308 milioni del 2017. In particolare, i ricavi da stadio hanno avuto una contrazione del 3,3% (da 19,7 a 19,0 milioni).

In calo del 39% sono state le entrate da diritti tv Uefa, con i diritti tv complessivi che sono valsi 118,7 milioni di euro contro i 142,5 milioni del 2017.

In crescita invece i ricavi commerciali e sponsor, passati da 32 a 34,1 milioni (30,6 milioni dagli sponsor, di cui 8,7 dagli sponsor ufficial e 8,1 dallo sponsor tecnico), mentre tra le altre entrate da segnalare anche il milione di euro dallo sfruttamento dei diritti d'immagine contro i 100mila euro del 2017.

Complessivamente, i ricavi della gestione ordinaria valgono l'85% del fatturato (65% nel 2017): il restante 15% circa delle entrate è legato alla gestione dei calciatori, in netto calo rispetto alla passata stagione. 

Dal calciomercato infatti il Napoli ha incassato 31,9 di euro di cui 30,1 dalle plusvalenze, contro i 106,7 milioni di euro (104,4 dalle plusvalenze) dell'esercizio 2017. La cessione che ha permesso un incasso maggiore è quella di Duvan Zapata, ceduto alla Sampdoria per 20,1 milioni con una plusvalenza di 19,7 milioni.

Dal punto di vista dei costi, i costi della produzione sono aumentati complessivamente del 5,6%, passando da 207,4 a 218,9 milioni.

Nonostante il calo degli ammortamenti (-14,7%), sale l'impatto del costo della rosa e della gestione calciatori, passata da 175 a 180,5 milioni di euro. Una crescita dovuta soprattutto all'aumento del costo del personale tesserato, passato da 97,6 a 114,1 milioni di euro. In particolare, i compensi constrattuali dei calciatori sono passati da 78,8 a 91,8 milioni di euro, con una crescita legata anche ai bonus pure per gli allenatori, mentre i compensi per i tecnici è rimasto stabile intorno quota 5 milioni.

La diffferenza tra valore e costi della produzione è stata così negativa per 3,4 milioni di euro, contro il +100 milioni del 2017: dopo le imposte, il rosso è stato così pari a 6,3 milion di euro, contro il +66,6 milioni di euro dell'esercizio scorso. Una perdita già coperta grazie all'utilizzo delle riserve di utili, che ora ammontano a 115,3 milioni con un patrimonio netto pari a 116,2 milioni di euro. Dal punto di vista patrimoniale, i debiti hanno registrato un calo a 143,9 milioni di cui 93,4 legati al calciomercato e circa altri due milioni legati alle imprese controllanti.

Per quanto riguarda l'esercizio in corso, la società di Aurelio De Laurentiis ritiene "ragionevolmente ipotizzare che l'andamento economico a fine periodo possa presentare una situazione di sostanziale equilibrio", data anche la partecipazione alla Champions League seppur con l'eliminazione nella fase a gironi. Il calciomercato estivo ha infatti già garantito plusvalenze per 59,7 milioni di euro (legate in maggior parte alla cessione di Jorginho al Chelsea), con obblighi di riscatto per 7,5 milioni e cessioni a titolo temporaneo per 4,2 milioni. Gli acquisti sono costati complessivamente 74,1 milioni di euro (di cui 30,1 milioni legati ad obblighi di riscatto attivati), con ulteriori obblighi di riscatto fissati per 20 milioni.

Ultimissime Notizie
I più letti
Classifica
  • #

    Squadra

    PT
    G
    V
    N
    P
  • logo JuventusJuventusCL

    32

    12
    10
    2
    0
  • logo InterInterCL

    31

    12
    10
    1
    1
  • logo LazioLazioCL

    24

    12
    7
    3
    2
  • logo CagliariCagliariCL

    24

    12
    7
    3
    2
  • logo AtalantaAtalantaEL

    22

    12
    6
    4
    2
  • logo RomaRomaEL

    22

    12
    6
    4
    2
  • logo NapoliNapoli

    19

    12
    5
    4
    3
  • logo ParmaParma

    17

    12
    5
    2
    5
  • logo FiorentinaFiorentina

    16

    12
    4
    4
    4
  • 10º

    logo VeronaVerona

    15

    12
    4
    3
    5
  • 11º

    logo TorinoTorino

    14

    12
    4
    2
    6
  • 12º

    logo UdineseUdinese

    14

    12
    4
    2
    6
  • 13º

    logo SassuoloSassuolo

    13

    11
    4
    1
    6
  • 14º

    logo MilanMilan

    13

    12
    4
    1
    7
  • 15º

    logo BolognaBologna

    12

    12
    3
    3
    6
  • 16º

    logo LecceLecce

    10

    12
    2
    4
    6
  • 17º

    logo GenoaGenoa

    9

    12
    2
    3
    7
  • 18º

    logo SampdoriaSampdoriaR

    9

    12
    2
    3
    7
  • 19º

    logo SpalSpalR

    8

    12
    2
    2
    8
  • 20º

    logo BresciaBresciaR

    7

    11
    2
    1
    8
Antonio Barbato - Consulente del Lavoro
Fantacalcio - Solo il meglio del calcio
M.A.R.A.T. Football management
Back To Top
close icon

Ti potrebbe interessare