Dries, Josè e Raúl: clausole a prezzo di saldo

Zoom  
José Callejon e Dries Mertens, attaccanti del NapoliJosé Callejon e Dries Mertens, attaccanti del Napoli

Dries Mertens, José Callejon, Raul Albiol. Tre titolarissimi del Napoli, età media superiore ai trent'anni, tutti e tre arrivati nell'estate

Dries Mertens, José Callejon, Raul Albiol. Tre titolarissimi del Napoli, età media superiore ai trent'anni, tutti e tre arrivati nell'estate del 2013 - la prima di Rafa Benitez. Tre pilastri che, con Sarri, si sono consacrati ancora di più a livello nazionale ed internazionale. Tre giocatori con tre clausole decisamente basse: se pensiamo all'aria di rivoluzione che si aggira attorno al centro sportivo di Castel Volturno, dovesse partire Sarri, bisogna mettere in conto tutto. Anche che arrivino offerte per loro.

TRE TITOLARI A PREZZO DI SALDO

Volendo elencare un po' di prezzi stilati dai siti specializzati, le valutazioni di Albiol, Callejon e Mertens sono le seguenti:

CIES FOOTBALL OBSERVATORY (prezzo inteso come massimo valore spendibile per il cartellino)

  • Dries Mertens 81,2 milioni di euro
  • José Callejon 45,7 milioni
  • Raul Albiol 16,2 milioni

TRANSFERMARKT

  • Dries Mertens 32 milioni di euro
  • José Callejon 25 milioni
  • Raul Albiol 8 milioni

Sei valutazioni molto diverse tra loro, tutte più alte rispetto alle clausole rescissorie contenute all'interno dei loro contratti in scadenza nel 2020 (e per i quali non si è parlato di rinnovi per posticiparne la data di conclusione): Raul Albiol ha una clausola da soli sei milioni di euro, José Callejon ne ha una da ventitrè milioni, Dries Mertens ne ha una da ventotto.

TRIPLA MINACCIA

A prescindere da come andrà a finire con Maurizio Sarri, in un mercato che spende cifre astronomiche i tre valori dei calciatori azzurri risultano essere molto bassi. Per carità, la carta d'identità non permette ad eventuali acquirenti di poter programmare un futuro a medio-lungo termine su Albiol, Callejon e Mertens. Però il rendimento mostrato in questo quinquennio azzurro, prima con Benitez e poi con Sarri, ne giustificherebbe la spesa. Sulla carta con circa 57 milioni di euro (Maksimovic e Milik, assieme, sono costati di più), il Napoli finirebbe con l'accettare forzatamente l'idea di cedere tre dei suoi punti cardine. Toccherebbe ai calciatori, poi, dare l'assenso all'addio. Al termine del triennio Sarri, e del quinquennio Napoli, non ci sarebbe da stupirsi se - in caso di offerte - arrivasse qualche sì.

RIPRODUZIONE RISERVATA

Ultimissime Notizie
I più letti
Classifica
  • #

    Squadra

    PT
    G
    V
    N
    P
  • logo InterInterCL

    38

    15
    12
    2
    1
  • logo JuventusJuventusCL

    36

    14
    11
    3
    0
  • logo LazioLazioCL

    30

    14
    9
    3
    2
  • logo RomaRomaCL

    29

    15
    8
    5
    2
  • logo CagliariCagliariEL

    28

    14
    8
    4
    2
  • logo AtalantaAtalantaEL

    28

    15
    8
    4
    3
  • logo NapoliNapoli

    20

    14
    5
    5
    4
  • logo ParmaParma

    18

    14
    5
    3
    6
  • logo VeronaVerona

    18

    15
    5
    3
    7
  • 10º

    logo TorinoTorino

    17

    14
    5
    2
    7
  • 11º

    logo MilanMilan

    17

    14
    5
    2
    7
  • 12º

    logo BolognaBologna

    16

    14
    4
    4
    6
  • 13º

    logo FiorentinaFiorentina

    16

    14
    4
    4
    6
  • 14º

    logo SassuoloSassuolo

    14

    13
    4
    2
    7
  • 15º

    logo LecceLecce

    14

    14
    3
    5
    6
  • 16º

    logo UdineseUdinese

    14

    14
    4
    2
    8
  • 17º

    logo SampdoriaSampdoria

    12

    14
    3
    3
    8
  • 18º

    logo GenoaGenoaR

    10

    14
    2
    4
    8
  • 19º

    logo SpalSpalR

    9

    14
    2
    3
    9
  • 20º

    logo BresciaBresciaR

    7

    13
    2
    1
    10
Antonio Barbato - Consulente del Lavoro
Fantacalcio - Solo il meglio del calcio
M.A.R.A.T. Football management
Back To Top
close icon

Ti potrebbe interessare

Ancelotti ridimensiona il ruolo di vice al figlio Davide: niente più deleghe, il retroscena