Cucci: "Vuoi vedere che Juve e Napoli tirano a diventare come Real Madrid e Barcellona? Higuain isterico"

Rassegna Stampa fonte : Italo Cucci - Il Roma
Cucci: Vuoi vedere che Juve e Napoli tirano a diventare come Real Madrid e Barcellona? Higuain isterico

I forti non mollano. Mentre un’Inter pantofolaia si fa demolire a Bergamo, il Napoli resiste al secondo assalto genovese e stavolta addirittura vince con grande coraggio e umiltà e la Juve normalizza il match di Milano annunciato come evento epocale. Per il Napoli segna soprattutto il destino, per la Juve apre il gioco Mandzukic, uno sportivo paziente e saggio, che accetta d’esser trattato da manovale, risolve in gol i problemi della Signora e non fa una piega: la Juve è piena di divi, lui con Chiellini rappresenta gli Uomini. E scusate la retorica ma ci sta se ogni tanto ci tocca vedere il volto ringhioso (non l’unico, ovviamente, a San Siro) di Bonucci costretto alla panchina per evitare (si dice) punizioni fisiche. Ha lasciato un bel ricordo a Milano, naturalmente, almeno nelle dorate vie dello shopping. La lotta più dura e attesa, a ben vedere, l’hanno esibita Ronaldo e Zapata, con CR7 nei panni dell’implacabile giustiziere. Il generoso rossonero è stato colpito da due illustri pallonate, è scampato all’abbattimento, ha anche sorriso e s’è preso due carezze dal portoghese. What else? In effetti è mancato il duello vero, quello ampiamente reclamizzato, fra Higuaìn e Ronaldo, voluto in particolare (secondo le cronache) dall’argentino scaricato dalla Juve - lui portentoso crack - per far posto al Mito collezionista di palloni d’oro. Ma Higuaìn, poveretto, dopo avere invocato e ottenuto un bel rigore, se l’è fatto parare dal buon Szcsezny, ingiustamente criticato dopo la batosta dello United. Con Gonzalo in versione vorrei ma non posso (con relativo attacco isterico da frustrazione e espulsione) il Milan ha accusato una netta inferiorità rispetto alla Juve a sua volta felice di avere una sorta di talento pratico nei momenti più difficili. Nonostante Cristiano soldato della Verità, pur esibitosi in uno dei suoi gol magistrali; nonostante Dybala Gioia del pallone. Quel che conta, per la Juve - dio che noia - è vincere. Tanto per cambiare. Chi ha preteso di far volare il Milan dovrà accontentarsi di vederlo correre con vistosa esibizione di fisicità senza idee. Mediocre. E basta. Chi pensava di avere ritrovato Milano protagonista deve solo sperare che la Pazza Inter ritrovi l’intelletto perduto a Bergamo. O a Appiano Gentile. Dalla sosta si ritornerà a parlare di Juve e Napoli, Napoli e Juve. Vuoi vedere che tirano a diventare Real e Barça?

Altre Notizie
I più letti
Classifica
  • #

    Squadra

    PT
    G
    V
    N
    P
  • logo JuventusJuventusCL

    43

    15
    14
    1
    0
  • logo NapoliNapoliCL

    35

    15
    11
    2
    2
  • logo InterInterCL

    29

    15
    9
    2
    4
  • logo MilanMilanCL

    26

    15
    7
    5
    3
  • logo LazioLazioEL

    25

    15
    7
    4
    4
  • logo TorinoTorinoEL

    22

    15
    5
    7
    3
  • logo AtalantaAtalanta

    21

    15
    6
    3
    6
  • logo RomaRoma

    21

    15
    5
    6
    4
  • logo SassuoloSassuolo

    21

    15
    5
    6
    4
  • 10º

    logo ParmaParma

    21

    15
    6
    3
    6
  • 11º

    logo SampdoriaSampdoria

    20

    15
    5
    5
    5
  • 12º

    logo FiorentinaFiorentina

    19

    15
    4
    7
    4
  • 13º

    logo CagliariCagliari

    17

    15
    3
    8
    4
  • 14º

    logo EmpoliEmpoli

    16

    15
    4
    4
    7
  • 15º

    logo GenoaGenoa

    16

    15
    4
    4
    7
  • 16º

    logo SpalSpal

    15

    15
    4
    3
    8
  • 17º

    logo UdineseUdinese

    13

    15
    3
    4
    8
  • 18º

    logo BolognaBolognaR

    11

    15
    2
    5
    8
  • 19º

    logo FrosinoneFrosinoneR

    8

    15
    1
    5
    9
  • 20º

    logo ChievoChievoR

    3

    15
    0
    6
    9
Dapa Trasporti
Futura Soccer
Antonio Barbato - Consulente del Lavoro
Real Casarea
Back To Top