In Champions e nelle gare clou di A ci sarà la stessa coerenza?

Primo Piano  
Protesta caro biglietti stadio San PaoloProtesta caro biglietti stadio San Paolo

Napoli-Fiorentina prevendita deludente: si preannuncia una protesta per i prezzi

Si preannuncia un San Paolo quasi deserto quello che domani pomeriggio accoglierà nuovamente la squadra di Carlo Ancelotti. Non sarà come quel Napoli-Cremonese del 1999 quando sulle gradinate dell'impianto di Fuorigrotta c'erano 89 eroi, ma comunque vedere una tifoseria così spaccata non è bello. Soprattutto a Napoli dove dovrebbe essere il dodicesimo in campo. La protesta per il caro biglietti è legittima così come la protesta che gli ultras domani attueranno. Un modo serio, civile e forte per dare un segnale a chi ormai pensa solo ed esclusivamente che il calcio sia business mettendo da parte chi per una maglietta macina chilometri e fa dei sacrifici. Non è eresia dire che a Napoli c'è gente che rinuncia perfino ad un pasto caldo pur di andarsi a vedere la sua unica fede la domenica.

LA PROVOCAZIONE

La domanda/provocazione a questo punto è: se domani al posto della Fiorentina ci fosse stata la Juventus, la protesta per il caro biglietti si sarebbe fatta? Napoli tutta avrebbe lasciato da sola la squadra contro l'acerrima nemica oppure avrebbe scucito i soldi (anche se tanti) per sostenerli? La protesta, se il San Paolo è un cesso (termine tanto usato e abusato da De Laurentiis per quanto riguarda lo stadio) ed i biglietti costano troppo, deve essere in stato perenne e non ad intermittenza oppure a seconda della partita. Anche perchè tra pochi giorni assisteremo ai cosiddetti "martiri mediatici" che faranno levate per far andare i napoletani residenti in Campania all'Allianz Stadium. Sono gli stessi che usano, almeno un paio di volte l'anno, i tifosi azzurri lanciando petizioni o cause legali contro Var e poteri forti. Peccato poi che non si abbiano più notizie di queste cause legali e non. Sarebbe bello capire se quelle carte siano mai state lette dagli organi giudiziari. Stesso discorso, ovviamente, sul caro biglietti, vale anche per le gare di Champions League.

La Fiorentina evoca brutti ricordi e quel nefasto 3-0 che cancellò il sogno tricolore di una città e un'intera generazione; quella nata nel post Maradona che non ha mai visto un Napoli vincente in Italia. Sarri disse che lo scudetto la squadra l'ha perso in albergo. Ora si rischia di perdere già un campionato allo stadio.  

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Ultimissime Notizie
I più letti
Classifica
  • #

    Squadra

    PT
    G
    V
    N
    P
  • logo JuventusJuventusCL

    66

    24
    21
    3
    0
  • logo NapoliNapoliCL

    53

    24
    16
    5
    3
  • logo InterInterCL

    46

    24
    14
    4
    6
  • logo MilanMilanCL

    42

    24
    11
    9
    4
  • logo AtalantaAtalantaEL

    38

    24
    11
    5
    8
  • logo RomaRomaEL

    38

    23
    10
    8
    5
  • logo LazioLazio

    38

    24
    11
    5
    8
  • logo FiorentinaFiorentina

    35

    24
    8
    11
    5
  • logo TorinoTorino

    35

    24
    8
    11
    5
  • 10º

    logo SampdoriaSampdoria

    33

    24
    9
    6
    9
  • 11º

    logo SassuoloSassuolo

    30

    24
    7
    9
    8
  • 12º

    logo ParmaParma

    29

    24
    8
    5
    11
  • 13º

    logo GenoaGenoa

    28

    24
    7
    7
    10
  • 14º

    logo CagliariCagliari

    24

    24
    5
    9
    10
  • 15º

    logo UdineseUdinese

    22

    24
    5
    7
    12
  • 16º

    logo SpalSpal

    22

    24
    5
    7
    12
  • 17º

    logo EmpoliEmpoli

    21

    24
    5
    6
    13
  • 18º

    logo BolognaBolognaR

    18

    23
    3
    9
    11
  • 19º

    logo FrosinoneFrosinoneR

    16

    24
    3
    7
    14
  • 20º

    logo ChievoChievoR

    9

    24
    1
    9
    14
Dapa Trasporti
Futura Soccer
Antonio Barbato - Consulente del Lavoro
Real Casarea
Back To Top
close icon

Ti potrebbe interessare

Caso Icardi, Wanda Nara in lacrime: "Gli hanno tolto una gamba, non capiamo la decisione". Interviene Marotta: "Decisioni che vanno prese"