RETROSCENA - Vieira si intrattiene con Koulibaly, di mezzo c'è...un problema culturale. Tre doti avrebbero fatto comodo a Sarri

Rassegna Stampa  
RETROSCENA - Vieira si intrattiene con Koulibaly, di mezzo c'è...<i>un problema culturale</i>. Tre doti avrebbero fatto <i>comodo</i> a Sarri

L’ex centrocampista di MilanJuve, Inter e Arsenal Patrick Vieira, attualmente allenatore del New York City Football Club nella Major League Soccer americana, da ieri è a Castel Volturno per seguire con attenzione e da vicino il Napoli ed i metodi di lavoro di Maurizio Sarri. Ne parla ampiamente l'edizione odierna della Gazzetta dello Sport:

"Avercelo uno così in mezzo al campo. Maurizio Sarri lo avrà pensato vedendo ieri Patrick Vieira a Castel Volturno: centimetri, chili e mentalità vincente [...] un ex campione di grande spessore con il quale, per altro, tantissimi calciatori azzurri si sono voluti immortalare. Da Jorginho a Mertens, da Hamsik a Koulibaly: per Vieira è stata una sfilza di selfie. Particolare l’incontro proprio con Koulibaly perché si è parlato anche del razzismo negli stadi che Vieira ha definito «un problema culturale»".

Il campione francese ha poi rilasciato una lunga intervista all'edizione odierna di Repubblica, in cui Vieira ha parlato di Sarri, del Napoli in chiave scudetto e dell'incontro con Kalidou Koulibaly, ecco alcune dichiarazioni:

"Ammiro Maurizio Sarri e sono qui per conoscerlo: lo ritengo un maestro, più che un collega. Abbiamo la stessa visione del calcio, anche se io ho da poco iniziato la mia nuova carriera in panchina. Ne è valsa la pena venire qui, ho avuto la possibilità di incontrare una bellissima persona e di vedere come lavora Sarri da vicino. Hanno ragione a definirlo un maestro, ma di questo mi ero già fatto un’idea chiara davanti alla tv, vedendo come gioca il suo Napoli. Con Maurizio ho pranzato e abbiamo fatto un’utile chiacchierata, trovandoci in sintonia su molti punti. Anche a me piace il calcio propositivo, votato all’attacco e gradevole per chi lo guarda. Lo pensavo da giocatore e ancora di più da tecnico, adesso. Il Napoli è sulla strada giusta per vincere e mi intriga che ci stia provando a modo suo: senza compromessi.

Se ho parlato di razzismo con Koulibaly? C’era ai miei tempi e purtroppo il razzismo esiste ancora, in Italia e non. Ma è una mancanza di educazione che parte dalla società e poi fa danni anche negli stadi, non il contrario. Ognuno dovrà fare la sua parte, sperando che il futuro sia migliore”.

VIDEO ALLEGATI
Ultimissime Notizie
I più letti
Classifica
  • #

    Squadra

    PT
    G
    V
    N
    P
  • logo JuventusJuventusCL

    66

    24
    21
    3
    0
  • logo NapoliNapoliCL

    53

    24
    16
    5
    3
  • logo InterInterCL

    46

    24
    14
    4
    6
  • logo MilanMilanCL

    42

    24
    11
    9
    4
  • logo RomaRomaEL

    41

    24
    11
    8
    5
  • logo AtalantaAtalantaEL

    38

    24
    11
    5
    8
  • logo LazioLazio

    38

    24
    11
    5
    8
  • logo FiorentinaFiorentina

    35

    24
    8
    11
    5
  • logo TorinoTorino

    35

    24
    8
    11
    5
  • 10º

    logo SampdoriaSampdoria

    33

    24
    9
    6
    9
  • 11º

    logo SassuoloSassuolo

    30

    24
    7
    9
    8
  • 12º

    logo ParmaParma

    29

    24
    8
    5
    11
  • 13º

    logo GenoaGenoa

    28

    24
    7
    7
    10
  • 14º

    logo CagliariCagliari

    24

    24
    5
    9
    10
  • 15º

    logo UdineseUdinese

    22

    24
    5
    7
    12
  • 16º

    logo SpalSpal

    22

    24
    5
    7
    12
  • 17º

    logo EmpoliEmpoli

    21

    24
    5
    6
    13
  • 18º

    logo BolognaBolognaR

    18

    24
    3
    9
    12
  • 19º

    logo FrosinoneFrosinoneR

    16

    24
    3
    7
    14
  • 20º

    logo ChievoChievoR

    9

    24
    1
    9
    14
Dapa Trasporti
Futura Soccer
Antonio Barbato - Consulente del Lavoro
Real Casarea
Back To Top
close icon

Ti potrebbe interessare

Juventus, Bonucci: "+13 sul Napoli? Non è facile come sembra! Negli ultimi anni gli azzurri si sono avvicinati molto e c’è stato anche da soffrire"