Guai a parlare di stagione fallimentare! E perché l'anno prossimo dovrebbe andare meglio?

Editoriale  
Guai a parlare di stagione fallimentare! E perché l'anno prossimo dovrebbe andare meglio?

Si delinea ormai, a poche giornate dalla fine del campionato, quella che è la stagione del Napoli.

Una stagione iniziata con una rosa rafforzata da arrivi come Fabian Ruiz e Meret e da altri colpi che devono ancora conquistare la fiducia di Ancelotti, ma con una Juve che ammazza il campionato già a giugno portando a Torino un certo Cristiano Ronaldo.

In Champions League gli azzurri pescano Liverpool e PSG e dopo un girone anche al di sopra delle più rosee aspettative a livello di prestazioni, la matematica condanna i partenopei all'eliminazione per un solo goal sulla differenza reti.

Il Napoli retrocede in Europa League, che sembra essere un obiettivo alla portata degli uomini di Ancelotti. Dopo aver eliminato Zurigo e Salisburgo, come da pronostico, gli azzurri si trovano a fronteggiare nei quarti l'Arsenal, e altrettanto da pronostico si torna a casa.

Fatta eccezione per una deludente Coppa Italia, con l'eliminazione per mano del Milan, una stagione che quella del Napoli, che si può tutto sommato definire prevedibile.

Con un po' di fortuna, si sarebbe potuto fare qualcosa di più in Europa, mentre in campionato, il secondo posto che sta per portare a casa il Napoli, lo si potrebbe definire più che soddisfacente.

Tenendo conto di queste premesse, sarebbe ingiusto definire fallimentare, o anche deludente, la stagione degli azzurri. 

Per essere il primo anno sulla panchina azzurra del Napoli, Ancelotti ha fatto un ottimo lavoro e i risultati sono da ritenersi perfettamente in linea con le aspettative. 

Ma c'è da farsi una domanda: vista la tradizionale politica economica in fase di mercato del Napoli, messa a confronto con quella della Juventus e delle potenze europee, perchè il prossimo anno i risultati dovrebbero essere migliori?

Ultimissime Notizie
I più letti
Classifica
  • #

    Squadra

    PT
    G
    V
    N
    P
  • logo JuventusJuventusCL

    51

    21
    16
    3
    2
  • logo InterInterCL

    48

    21
    14
    6
    1
  • logo LazioLazioCL

    46

    20
    14
    4
    2
  • logo RomaRomaCL

    39

    21
    11
    6
    4
  • logo AtalantaAtalantaEL

    38

    21
    11
    5
    5
  • logo CagliariCagliariEL

    31

    21
    8
    7
    6
  • logo ParmaParma

    31

    21
    9
    4
    8
  • logo MilanMilan

    31

    21
    9
    4
    8
  • logo VeronaVerona

    29

    20
    8
    5
    7
  • 10º

    logo NapoliNapoli

    27

    21
    7
    6
    8
  • 11º

    logo BolognaBologna

    27

    21
    7
    6
    8
  • 12º

    logo TorinoTorino

    27

    21
    8
    3
    10
  • 13º

    logo FiorentinaFiorentina

    25

    21
    6
    7
    8
  • 14º

    logo UdineseUdinese

    24

    21
    7
    3
    11
  • 15º

    logo SassuoloSassuolo

    23

    21
    6
    5
    10
  • 16º

    logo SampdoriaSampdoria

    20

    21
    5
    5
    11
  • 17º

    logo LecceLecce

    16

    21
    3
    7
    11
  • 18º

    logo SpalSpalR

    15

    21
    4
    3
    14
  • 19º

    logo GenoaGenoaR

    15

    21
    3
    6
    12
  • 20º

    logo BresciaBresciaR

    15

    21
    4
    3
    14
Antonio Barbato - Consulente del Lavoro
Fantacalcio - Solo il meglio del calcio
M.A.R.A.T. Football management
Back To Top
close icon

Ti potrebbe interessare