Pelillo... nell'uovo - La scommessa di Carlo e la consapevolezza di Cristiano

Rubriche fonte : di Marcello Pelillo

Si riparte da dove si era rimasti... o quasi. Ancelotti è il nuovo allenatore del Napoli. La società non poteva fare scelta migliore dopo tre anni di calcio spettacolare vissuto con Maurizio Sarri. Il tecnico ha deciso di accettare le lusinghe inglesi del Chelsea ed ha chiuso un ciclo fatto di calcio spumeggiante, ma privo di titoli. Ci proverà uno dei tecnici più titolati del panorama mondiale contro un avversario ancora più forte. Il più grande calciatore del mondo, infatti, decide di chiudere il lungo e titolato ciclo nel club più prestigioso al mondo per passare alla squadra che, nel mediocre calcio italiano, vince da sette anni. Scelta consapevole e razionale quella del 33enne portoghese, comune a tutti i Grandi che capiscono quando è il tempo di fare un passo indietro per conservare gli standard individuali. Ciò non sminuisce affatto lo sforzo del club italiano che ha puntato, soprattutto, agli effetti commerciali dell'operazione. A Torino c'è un nuovo logo da far conoscere, tanti prodotti da vendere in tutto il mondo e, in tal senso, non si poteva scegliere veicolo migliore. Chi crede alla favola dell'investimento per alzare la coppa dalle grandi orecchie è rimasto ancorato ad un calcio ormai andato. Tuttavia, la serie A oggi può godere di un'immagine migliore che non può tradursi, però, in incassi importanti. I diritti televisivi sono stati già ceduti per i prossimi tre anni, giusto il tempo per avvicinare il 33enne fuoriclasse portoghese al declino... Chi racconta di vantaggi economici per tutto il calcio italiano disinforma o partecipa semplicemente a quello che si annuncia come il racconto della Serie J piuttosto che della Serie A. Il campionato rischia di diventare sempre più noioso e scontato. Spetta al Napoli il compito di tenere alta l'attenzione del pubblico con l'Inter in agguato. Tuttavia, Ancelotti punta a fare bene in tutte le competizioni rispetto al suo predecessore. L'organico è importante ma i risultati dipendono molto dalla variabile offensiva. Milik e Inglese rappresentano un mix di certezze e dubbi nello stesso tempo. Per andare sul sicuro serve un centravanti da 25 gol certi, in grado di finalizzare anche in Europa. Tuttavia, il mercato non è ancora chiuso e qualche operazione in uscita potrebbe creare le condizioni economiche per l'acquisto di un centravanti. Il pubblico partenopeo sogna Cavani che manda segnali d'amore da tempo. Occorre, però, tanta disponibilità a rinunciare ai quattrini che il PSG gli garantisce. Il Napoli rimane un club che si autofinanzia e Cavani lo sa, così come Ancelotti che ha avuto l'umiltà di rimettersi in gioco accettando una difficile scommessa, senza avanzare pretese. Vedremo...

Altre Notizie
Classifica
  • #

    Squadra

    PT
    G
    V
    N
    P
  • JuventusCL

    95

    38
    30
    5
    3
  • NapoliCL

    91

    38
    28
    7
    3
  • RomaCL

    77

    38
    23
    8
    7
  • InterCL

    72

    38
    20
    12
    6
  • LazioEL

    72

    38
    21
    9
    8
  • MilanEL

    64

    38
    18
    10
    10
  • Atalanta

    60

    38
    16
    12
    10
  • Fiorentina

    57

    38
    16
    9
    13
  • Torino

    54

    38
    13
    15
    10
  • 10º

    Sampdoria

    54

    38
    16
    6
    16
  • 11º

    Sassuolo

    43

    37
    11
    10
    16
  • 12º

    Genoa

    41

    38
    11
    8
    19
  • 13º

    Udinese

    40

    38
    12
    4
    22
  • 14º

    Chievo

    40

    38
    10
    10
    18
  • 15º

    Bologna

    39

    38
    11
    6
    21
  • 16º

    Cagliari

    39

    38
    11
    6
    21
  • 17º

    Spal

    38

    38
    8
    14
    16
  • 18º

    CrotoneR

    35

    38
    9
    8
    21
  • 19º

    VeronaR

    25

    38
    7
    4
    27
  • 20º

    BeneventoR

    21

    38
    6
    3
    29
Dapa Trasporti
Back To Top

Ti potrebbe interessare

Sportmediaset - Jorge Mendes vuol portare Di Maria all'Inter: i dettagli