L'editoriale di Corbo: "Napoli in ripresa, manca Ghoulam: Ancelotti chieda un terzino a gennaio"

Rassegna Stampa  
L'editoriale di Corbo: Napoli in ripresa, manca Ghoulam: Ancelotti chieda un terzino a gennaio

Di seguito vi proponiamo l'editoriale del giornalista Antonio Corbo sulle colonne dell'edizione odierna de La Repubblica.

Il Napoli ha recuperato in un sabato azzurro l’armonia e la vittoria, anche Milik nella più cinica versione del bomber dotato di coraggio e tempismo, poi l’atteso sorriso di Insigne descritto come puerile, malinconico e dispettoso dal suo presidente in una intervista bruciante, ogni parola una frustata. Passata l’euforia, è l’ora della riflessione: è un Napoli all’improvviso perfetto o ci sono dei temi urgenti da discutere? Nei prossimi 20 giorni, tra campionato e Champions, un’agenda fitta segna in rosso le date di 6 partite. A Salisburgo mercoledì, quindi Spal a Ferrara, l’Atalanta qui e la Roma all’Olimpico, di nuovo il Salisburgo, infine Genoa e un’altra sosta. In Austria Ancelotti arriva con nuove certezze. Sa che Meret insidia Donnarumma in Nazionale, nel Napoli respinge con la sequenza di una mitragliatrice. Che il discusso 4-4-2 ridisegnato nella ripresa funziona con Insigne a sinistra, che è stata opportuna la scelta di spostare a sinistra Di Lorenzo per sostenere su quella fascia proprio il capitano, che Milik dev’essere slegato dalla panchina perché dal gol alla Macedonia con la Polonia ha superato la sindrome della recidiva. Milik si lancia senza paura verso la porta. Questa è la base di un Napoli che può ridurre il turn over. La formazione sembra definirsi. Malcuit e Di Lorenzo esterni in difesa, Koulibaly e Manolas al centro sperando che siano più svegli, mediana con Allan in confusione ma affidabile con Callejon, Ruiz, Zielinski e Insigne, attacco con Milik e Mertens. Poche le ombre, eccole.

  • 1) L’intervista di De Laurentiis, accesa nei toni ma efficace, ha lasciato qualche dubbio su alcune dichiarazioni trascurate nell’ambiente. Il presidente, preoccupato e disilluso per quei giocatori interessati più ai contratti che al Napoli, ha annunciato che non tratterrà nessuno. Koulibaly, Ruiz che è nei piani di Barcellona e Real Madrid, altri. Solo l’ira del momento, caro presidente, fa comprendere l’annuncio di una svendita. Il tifoso deve preoccuparsi?
  • 2) Meret, il rivalutato Milik. Di Lorenzo scoperto anche dalla Nazionale, Fabian Ruiz, Zielinski sono con Koulibaly e il sorridente Insigne la struttura proiettata nel futuro. Lodevole l’ultima svendita, ma le squadre diventano grandi se non cedono i migliori, a patto che rimangano senza retropensieri. Ogni riferimento ad Allan non è casuale.
  • 3) Se Ancelotti ha provato a sinistra Hysaj e poi Di Lorenzo, un flop il primo bene il secondo, è evidente: Ghoulam non c’è . Chissà se Ancelotti abbia già chiesto un mancino in difesa per gennaio, se non l’ha fatto si sbrighi. I tifosi amano solo chi vince. Vedi Conte. Chi difende degli interessi societari è un pollo che finisce allo spiedo.
  • 4) La serie ravvicinata di partite determina allenamenti più blandi. Gli infortuni muscolari sono più frequenti. Il primato è della Roma. Ma Ancelotti deve chiedere al preparatore di più. Il Napoli giocava sotto ritmo nel primo tempo con l’agguerrito Verona. Opportuno un test. Se non suona l’allarme, Ancelotti si fidi più della sua esperienza che delle tecnologie. Perché il Napoli ha qualità e palleggio, ma sulle seconde palle è spesso in ritardo.
  • 5) Il Napoli piace anche ad Ibrahimovic. L’ultimo contratto con il Galaxy Los Angeles è di 11,4 milioni di euro. Poco probabile che l’indirizzo tecnico-economico del Napoli sia compatibile con questa cifra per un pur fantastico cannoniere che il 3 ottobre ha spento 38 candeline.
Ultimissime Notizie
I più letti
Classifica
  • #

    Squadra

    PT
    G
    V
    N
    P
  • logo JuventusJuventusCL

    32

    12
    10
    2
    0
  • logo InterInterCL

    31

    12
    10
    1
    1
  • logo LazioLazioCL

    24

    12
    7
    3
    2
  • logo CagliariCagliariCL

    24

    12
    7
    3
    2
  • logo AtalantaAtalantaEL

    22

    12
    6
    4
    2
  • logo RomaRomaEL

    22

    12
    6
    4
    2
  • logo NapoliNapoli

    19

    12
    5
    4
    3
  • logo ParmaParma

    17

    12
    5
    2
    5
  • logo FiorentinaFiorentina

    16

    12
    4
    4
    4
  • 10º

    logo VeronaVerona

    15

    12
    4
    3
    5
  • 11º

    logo TorinoTorino

    14

    12
    4
    2
    6
  • 12º

    logo UdineseUdinese

    14

    12
    4
    2
    6
  • 13º

    logo SassuoloSassuolo

    13

    11
    4
    1
    6
  • 14º

    logo MilanMilan

    13

    12
    4
    1
    7
  • 15º

    logo BolognaBologna

    12

    12
    3
    3
    6
  • 16º

    logo LecceLecce

    10

    12
    2
    4
    6
  • 17º

    logo GenoaGenoa

    9

    12
    2
    3
    7
  • 18º

    logo SampdoriaSampdoriaR

    9

    12
    2
    3
    7
  • 19º

    logo SpalSpalR

    8

    12
    2
    2
    8
  • 20º

    logo BresciaBresciaR

    7

    11
    2
    1
    8
Antonio Barbato - Consulente del Lavoro
Fantacalcio - Solo il meglio del calcio
M.A.R.A.T. Football management
Back To Top
close icon

Ti potrebbe interessare

Rivoluzione Napoli, sette cessioni in vista: i rivoltosi in vendita valgono quasi 250mln