Napoli-Frosinone, le pagelle: Milik da record, Ghoulam commovente! Ounas che missile, Zielinski un colpo da biliardo. Meret e Younes, debutti ok

Le Pagelle  
Napoli-Frosinone, le pagelle: Milik da record, Ghoulam commovente! Ounas che missile, Zielinski un colpo da biliardo. Meret e Younes, debutti ok

Le pagelle di Napoli-Frosinone 4-0: Ounas, Milik, Ghoulam, Zielinski

Meret 6 - É dal gennaio 2009 che non si vedeva un ragazzo così giovane in porta: alla mezz’ora primo intervento, abbastanza semplice, su Maiello dalla distanza. Unico vero rischio al 78’, mancata comunicazione con Luperto.

Hysaj 6 - Fallisce totalmente il cross del potenziale 2-0 all’11’, non molla quando Pinamonti e Beghetto sono dalle sue parti: il livello tecnico non gli può far fare magre figure.

Koulibaly 6 - Non riposa praticamente mai: oggi, nonostante scenda in campo, minuti non deve preoccuparsi di nulla. Arriva ad un passo dai cento passaggi completati. 

Luperto 6 - Torna in campo dopo due mesi e mezzo, in un match ampiamente alla portata che lo vede protagonista soltanto nel finale con Meret e Campbell.

Ghoulam 7 - 402 giorni dopo, riassapora il gusto del terreno di gioco. Impegna Sportiello su corner (!), accarezza la traversa al 48’ con un taglio alla Callejon su lancio di Ounas. Faceva assist prima dell’infortunio, li fa anche dopo: il palloni che Milik mette in rete partono dal suo piede. Nel finale è anche capitano, prestazione commovente.

Ounas 7,5 - Contro il Chievo non aveva convinto, oggi al San Paolo invece prende gli applausi al 19’ per un pregevole dribbling su Chibsah. E al termine del primo tempo si inventa un siluro imparabile, senza nemmeno troppa ostruzione da parte degli avversari. Semina con facilità i malcapitati che gli capitano davanti, grande lettura per il suggerimento al 63’ per Insigne. Sei uno-contro-uno vinti, due dribbling riusciti. (Dal 72’ Younes 6 - Ritrova il campo ed il sorriso dopo mesi inquieti in cui, su di lui, si sono addossate voci ed infortuni: entra nel secondo gol di Milik)

Allan 6,5 - Tiene a bada i centrocampisti avversari in un pomeriggio dove i protagonisti sono altri: tuttavia lo fa con la sua solita verve, mettendo il piede dappertutto.

Hamsik 6,5 - Il Frosinone di Longo gli lascia diversi spazi in cui può gettarsi con assoluta tranquillità, fin quando non gli nega la conclusione con più di un uomo sulla traiettoria. Da playmaker sbaglia poco o niente: 82 passaggi e 95% di precisione. (Dall’80 Diawara SV)

Zielinski 6,5 - Gli serviva una giocata per sbloccarsi, il diagonale sinistro è un colpo da biliardo: non segnava in A dal 25 agosto. Giallo giusto ma stupido.

Milik 7 - Da titolare in campionato non trova la via della rete dal 26 settembre: al 7’ preferisce scaricarla in mezzo, poi per un’abbondante mezz’ora non riesce a trovare il giusto spazio nel terzetto difensivo frusinate. Al 45’ gli manca un pizzico di fortuna per il 3-0, Capuano interviene all’ultimo. Al 48’ non può non lamentarsi: se Sportiello non l’avesse toccata, avrebbe segnato. Si riprende con i gol della tranquillità, che gli valgono il record in carriera in Serie A: non aveva mai segnato, anche a causa dei suoi infortuni, più di cinque gol in un campionato. É già a quota 7.

Insigne 6 - Per avere un impatto significativo gli basta toccarla per l’1-0 di Zielinski. Gli basta muoversi per mandare in difficoltà la retroguardia di Longo. Sportiello gli nega il 3-0 in più di una occasione, anche con il piede. (Dal 75’ Rog SV)

Ancelotti 7 - Giusto cambiare tanto prima di Liverpool, resta la sorpresa Ghoulam dal 1’, ancora più di Meret. Il tasso tecnico maggiore impone di comandarla sin dall’inizio, e così effettivamente va: il vantaggio di Zielinski è la normalità. Il Napoli affonda sistematicamente, il Frosinone non si fa vedere e preferisce difendersi ad oltranza, capitolando sotto il missile di Ounas ed oltre il 70% di possesso palla. Nella ripresa il Frosinone prova a farsi avanti, ma il 3-0 di Milik chiude i giochi. Curiosità: quello schierato oggi da è l’11 titolare del Napoli più giovane in una partita di Serie A dal settembre 2009. Adesso testa a Liverpool, con la tranquillità del +6 sul terzo posto dell’Inter.

di Claudio Russo (@claudioruss)

RIPRODUZIONE RISERVATA

Ultimissime Notizie
I più letti
Classifica
  • #

    Squadra

    PT
    G
    V
    N
    P
  • logo JuventusJuventusCL

    66

    24
    21
    3
    0
  • logo NapoliNapoliCL

    53

    24
    16
    5
    3
  • logo InterInterCL

    46

    24
    14
    4
    6
  • logo MilanMilanCL

    42

    24
    11
    9
    4
  • logo RomaRomaEL

    41

    24
    11
    8
    5
  • logo AtalantaAtalantaEL

    38

    24
    11
    5
    8
  • logo LazioLazio

    38

    24
    11
    5
    8
  • logo FiorentinaFiorentina

    35

    24
    8
    11
    5
  • logo TorinoTorino

    35

    24
    8
    11
    5
  • 10º

    logo SampdoriaSampdoria

    33

    24
    9
    6
    9
  • 11º

    logo SassuoloSassuolo

    30

    24
    7
    9
    8
  • 12º

    logo ParmaParma

    29

    24
    8
    5
    11
  • 13º

    logo GenoaGenoa

    28

    24
    7
    7
    10
  • 14º

    logo CagliariCagliari

    24

    24
    5
    9
    10
  • 15º

    logo UdineseUdinese

    22

    24
    5
    7
    12
  • 16º

    logo SpalSpal

    22

    24
    5
    7
    12
  • 17º

    logo EmpoliEmpoli

    21

    24
    5
    6
    13
  • 18º

    logo BolognaBolognaR

    18

    24
    3
    9
    12
  • 19º

    logo FrosinoneFrosinoneR

    16

    24
    3
    7
    14
  • 20º

    logo ChievoChievoR

    9

    24
    1
    9
    14
Dapa Trasporti
Futura Soccer
Antonio Barbato - Consulente del Lavoro
Real Casarea
Back To Top
close icon

Ti potrebbe interessare

Simeone umilia il recidivo Chiellini: "Uno di 1,87 non crolla per un appoggio di mano. Caduta geniale, da 10!"