La bestia grigia di Sarri

Editoriale  
La bestia <i>grigia</i> di Sarri

Maurizio Sarri contro Gian Piero Gasperini. Domani al San Paolo, in occasione dei quarti di finale di Coppa Italia, andrà in scena un nuovo capitolo della sfida tra i due allenatori

La prima dell'anno. Domani al San Paolo arriva l'Atalanta per i quarti di finale di Coppa Italia: un match sulla carta complicato per gli azzurri che dovranno vedersela contro una compagine che nel recente passato è riuscita più volte ad imbrigliare la macchina partenopea. Alla guida della formazione orobica ci sarà ancora una volta quel Gian Piero Gasperini da molti indicato come la nemesi di Maurizio Sarri. Due sfide in meno di un mese che promettono scintille (oltre a domani i due saranno nuovamente di fronte il 21/1 a Bergamo per il ritorno della sfida di campionato).

I precedenti tra Sarri e Gasperini

Le strade dei due tecnici si sono incrociate per ben nove volte tra Serie A e B: da Pescara-Crotone del 2005/06, fino ai recenti Napoli-Atalanta. Domani il testa a testa, che vede in vantaggio il nerazzurro, si arricchirà di un nuovo capitolo. Gasperini ha avuto la meglio in 3 occasioni, riuscendo nell'impresa di battere il Napoli in entrambi i match della passata stagione (1-0 a Bergamo e 0-2 al San Paolo con doppietta di Caldara). Sarri, con la vittoria dell'andata, è invece salito a due successi: l'unico precedente, sempre alla guida del Napoli, era datato 2015/16 quando Gasperini allenava il Genoa (3-1 al San Paolo, con doppietta di Higuain e tris di El Kaddouri). Nel mezzo ben 5 pareggi tra i due. 

Attacco imbrigliato 

Nella passata annata l'Atalanta è riuscita a fermare le bocche da fuoco azzurre in entrambi i match (l'unica a compiere tale impresa in tutta la stagione). L'attacco partenoepo è rimasto a secco, consentendo a Gasperini di prendere il largo anche nel computo delle reti fatte e subite. Solo con il 3-1 della gara d'andata di quest'anno, Sarri ha rimesso in pari tale statistica (9-9 tra gol fatti e subiti contro il rivale). 

Le sfide recenti hanno evidenziato una "sofferenza" tecnica del Napoli, messo in difficoltà dal dinamismo orobico e dal poco spazio che i nerazzurri lasciano tra i reparti. In fase di non possesso Gasperini è solito costruire una vera e propria gabbia sul centrocampo azzurro: il trequartista di turno si abbassa impedendo le linee di passaggio al play napoletano (Jorginho o Diawara) mentre su Hamsik è costante la marcatura ad uomo per non far sviluppare la manovra sulla sinistra. I portatori di palla del Napoli sono spesso anche triplicati dal pressing costante dei bergamaschi, causando una manovra spesso troppo lenta e prevedibile. Altro dato importante riguarda la posizione dei centravanti partenopei: Gasperini tende ad alzare i propri centrali nel tentativo di allontanare il Mertens di turno dall'area (con conseguente difficoltà nello sviluppare una manovra rapida). 

Al resto ci pensano l'imprevedibilità di Gomez, libero di inventare, e l'ottimo lavoro di sponda che svolge Petagna. Attenzione anche ai calci piazzati: due degli ultimi tre gol segnati al San Paolo dall'Atalanta sono arrivati proprio da schemi su palla inattiva. L'insieme di tale preparazione tattica ha spesso messo in difficoltà Sarri che adesso è chiamato alla prova del nove: l'esame Gasperini, specialmente dopo le feste, rappresenta un test importante per evidenziare il grado di concentrazione della capolista. 

Inversione di rotta o conferma del tabù? 

In difficoltà negli ultimi confronti, Sarri è riuscito a rialzare la testa battendo Gasperini alla seconda giornata dell'attuale campionato di Serie A: andati sotto per il gol di Cristante, sembrava che per gli azzurri potessero tornare a palesarsi gli spettri del recente passato. A tendere una mano al tecnico toscano ci hanno pensato Zielinski, Mertens e Rog che hanno cacciato via le nubi di un'ennesima beffa targata Gasperini: sofferenza e riscatto, che Sarri abbia trovato la cura e le contromisure adatte? 

Appunamento a domani per scoprirlo e per godersi l'ennesimo testa a testa tra i due tecnici. Sarri per sfatare definitivamente un tabù, Gasperini per tornare ad intralciare la marcia azzurra e sorprendere ancora con i suoi ragazzi terribili. In palio non ci sono solo le semifinali di Coppa Italia ma anche un confronto da aggiornare. La "bestia grigia" di Sarri è pronto ad aprire il 2018 azzurro...

di Riccardo Catapano - Twitter: @RikyCatapano

RIPRODUZIONE RISERVATA©

Ultimissime Notizie
I più letti
Classifica
  • #

    Squadra

    PT
    G
    V
    N
    P
  • logo JuventusJuventusCL

    19

    7
    6
    1
    0
  • logo InterInterCL

    18

    7
    6
    0
    1
  • logo AtalantaAtalantaCL

    16

    7
    5
    1
    1
  • logo NapoliNapoliCL

    13

    7
    4
    1
    2
  • logo RomaRomaEL

    12

    7
    3
    3
    1
  • logo LazioLazioEL

    11

    7
    3
    2
    2
  • logo CagliariCagliari

    11

    7
    3
    2
    2
  • logo FiorentinaFiorentina

    11

    7
    3
    2
    2
  • logo TorinoTorino

    10

    7
    3
    1
    3
  • 10º

    logo VeronaVerona

    9

    7
    2
    3
    2
  • 11º

    logo BolognaBologna

    9

    7
    2
    3
    2
  • 12º

    logo ParmaParma

    9

    7
    3
    0
    4
  • 13º

    logo MilanMilan

    9

    7
    3
    0
    4
  • 14º

    logo UdineseUdinese

    7

    7
    2
    1
    4
  • 15º

    logo SassuoloSassuolo

    6

    6
    2
    0
    4
  • 16º

    logo BresciaBrescia

    6

    6
    2
    0
    4
  • 17º

    logo SpalSpal

    6

    7
    2
    0
    5
  • 18º

    logo LecceLecceR

    6

    7
    2
    0
    5
  • 19º

    logo GenoaGenoaR

    5

    7
    1
    2
    4
  • 20º

    logo SampdoriaSampdoriaR

    3

    7
    1
    0
    6
Dapa Trasporti
Futura Soccer
Antonio Barbato - Consulente del Lavoro
Real Casarea
M.A.R.A.T. Football management
Back To Top
close icon

Ti potrebbe interessare

Edo De Laurentiis emozionante, al fischio finale si precipita dalla tribuna al campo: abbraccio a tutti gli azzurri! [VIDEO CN24]