Diciamo tutti in coro: "Non è una prima punta"

Editoriale  
Lorenzo Insigne esulta dopo un gol con la maglia del NapoliLorenzo Insigne esulta dopo un gol con la maglia del Napoli

E' stato certamente il miglior inizio di stagione della carriera per Lorenzo Insigne, che con Carlo Ancelotti ha trovato una continuità, soprattutto in fase realizzativa, impressionante  che si era intravista solo nella seconda parte dell'annata 2016/2017. Otto partite e sette gol messi a segno in campionato. In Champions il discorso cambia di pochissimo, visto che nei due gettoni fin qui accumulati nella massima competizione del calcio europeo ha trovato una volta al via della rete, contro il Liverpool allo scadere. 760' all'attivo complessivamente con la media di un centro ogni 106 minuti. Rendimento spaventoso che lo rende, probabilmente, il giocatore più decisivo del momento in Italia, ma di certo non fa di lui una prima punta.

Insigne: non è la media gol a fare di lui un centravanti

C'è un equivoco enorme troppo frequente qui in Italia: non sono i numeri ed i gol a fare di un giocatore che per tutta la sua carriera ha giocato da ala o, tutt'al più, da seconda punta un centravanti. Si spiega anche in questo modo la prova non brillante offerta ieri con la Nazionale italiana di Roberto Mancini da attaccante centrale con Chiesa e Bernadeschi ai suoi lati: non ha i movimenti, oltre che la stazza, in termini sia di altezza che di spessore muscolare, del terminale offensivo centrale, e gli manca anche l'esplosività che ha Mertens e che ha permesso al belga la trasformazione da esterno a "vero nove". E' semplicemente un giocatore diverso e necessiterebbe, per esprimersi al meglio da prima punta, di un vestito appositamente cucitogli addosso.

Diciamolo tutti in coro

Il 24 del Napoli ha un talento smisurato ed una intelligenza sopraffina che gli consentono di sapere incidere in ogni posizione del campo, ma costringerlo a giocare fuori ruolo significa limitarlo moltissimo. E non è propriamente una buona idea limitare il giocatore italiano più forte in circolazione. Va lasciato libero di svariare, magari con una punta vicino a prendere sportellate per lui ed a creargli degli spazi. Non a caso nel Napoli gioca sempre con uno tra Milik e Mertens accanto (o almeno fin qui è sempre stato così: mai dire mai con Carlo Ancelotti...). Del Piero ha mai fatto il centravanti? Baggio ha mai fatto il centravanti? Ecco, Lorenzo Insigne appartiene a quella risma di calciatori. Diciamolo tutti in coro, dunque: "Non è una prima punta!"

di Gaetano Pantaleo - Twitter: @gaetano171993

RIPRODUZIONE RISERVATA (C)

Altre Notizie
I più letti
Classifica
  • #

    Squadra

    PT
    G
    V
    N
    P
  • logo JuventusJuventusCL

    46

    16
    15
    1
    0
  • logo NapoliNapoliCL

    38

    16
    12
    2
    2
  • logo InterInterCL

    32

    16
    10
    2
    4
  • logo MilanMilanCL

    27

    16
    7
    6
    3
  • logo LazioLazioEL

    25

    16
    7
    4
    5
  • logo AtalantaAtalantaEL

    24

    16
    7
    3
    6
  • logo RomaRoma

    24

    16
    6
    6
    4
  • logo SassuoloSassuolo

    24

    16
    6
    6
    4
  • logo SampdoriaSampdoria

    23

    16
    6
    5
    5
  • 10º

    logo FiorentinaFiorentina

    22

    16
    5
    7
    4
  • 11º

    logo TorinoTorino

    22

    16
    5
    7
    4
  • 12º

    logo ParmaParma

    21

    16
    6
    3
    7
  • 13º

    logo CagliariCagliari

    17

    16
    3
    8
    5
  • 14º

    logo GenoaGenoa

    16

    16
    4
    4
    8
  • 15º

    logo EmpoliEmpoli

    16

    16
    4
    4
    8
  • 16º

    logo SpalSpal

    16

    16
    4
    4
    8
  • 17º

    logo UdineseUdinese

    13

    16
    3
    4
    9
  • 18º

    logo BolognaBolognaR

    12

    16
    2
    6
    8
  • 19º

    logo FrosinoneFrosinoneR

    8

    16
    1
    5
    10
  • 20º

    logo ChievoChievoR

    4

    16
    0
    7
    9
Dapa Trasporti
Futura Soccer
Antonio Barbato - Consulente del Lavoro
Real Casarea
Back To Top