Il Napoli l'ha creata e il Napoli dovrà fermarla: "Atalanta, siediti e riposa"

Editoriale  
Il Napoli l'ha creata e il Napoli dovrà fermarla: Atalanta, siediti e riposa

di Alessandro Marrazzo, Twitter - AleMarrazzo1981

Era domenica 2 ottobre 2016, il Napoli si apprestava a macinare un'Atalanta sulla graticola reduce da 4 sconfitte nelle prime sei giornate di campionato. Un Gasperini ad un passo dall'esonero, schierava un copertissimo 5-3-2 allo stadio Atleti Azzurri d'Italia per cercare di arginare il 4-3-3 degli azzurri con un Milik 'on fire'. 

Succede di tutto, e un gollonzo dello sconosciuto Petagna servito di faccia da uno sfortunato Koulibaly, sanciva l'1-0 finale. Un' Atalanta barricata nella propria area batte un irriconoscibile Napoli, Gasperini salva la panchina e gli azzurri perdono i primi 3 punti contro le cosiddette 'piccole' che provebialmente soffre. 

Risultato bugiardo per quello che ha mostrato il campo, e giudizio sbagliato per quello che da quel 2 ottobre in avanti mostrerà l'Atalanta. 

La vittoria contro il Napoli lancia la Dea a dettare legge su tutti i campi. Da quella data il campionato dei bergamaschi decolla sulle ali dell'entusiasmo e del bel gioco. Da qual momento ben 13 vittorie 3 pareggi e 3 sconfitte (Juve, Udinese e Lazio) per gli uomini del Gasp che dopo un girone, si presentano al San Paolo come quarta forza del campionato.

Per la serie "Quando una partita ti cambia la stagione", la vittoria contro la corazzata Napoli ha avuto un effetto fionda per gli atalantini la cui parabola sembra ancora in piena fase ascendente. 

Una sotra di 'Sliding doors calcistica': una sconfitta contro il Napoli avrebbe potuto dare il colpo di grazia alla panchina di Gasperini, mentre una vittoria inaspettata, ha presumibilmente cambiato il corso di una stagione lanciando i lombardi verso concrete velleità europee.

Si potrebbe riassumere il tutto con la proverbiale 'mania resuscitante' di cui soffre il Napoli dal 1926. "Atalanta, alzati e cammina", e l'Atalanta si alzò e fece di meglio: cominciò a correre.

Una corsa indemoniata che l'ha portata al cospetto di chi gli ha ridato la vita, e dove non può che arrestarsi. La creatura che il Napoli ha creato ha perso ogni controllo, umiltà, rispetto. Da miracolata, l'Atalanta, ha cominciato a fare miracoli su tutti i campi e si teme voglia arrivare a compiere il sacrilegio finale. 

Siamo alla resa dei conti: La Dea tenterà di profanare il tempio del San Paolo. Ora tocca al Napoli fermare ciò che ha creato e rimettere a posto le gerarchie. 

Che sia punita la superbia luciferina dell'Atalanta e venga scacciata dal paradiso dell'Europa ad espiare i propri peccati nel purgatorio della metà classifica. Che non dimentichi le pene patite nell'inferno della zona retrocessione da cui proprio il Napoli l'ha salvata. 

Atalanta, siediti e riposa.

RIPRODUZIONE RISERVATA

Ultimissime Notizie
I più letti
Classifica
  • #

    Squadra

    PT
    G
    V
    N
    P
  • logo InterInterCL

    38

    15
    12
    2
    1
  • logo JuventusJuventusCL

    36

    15
    11
    3
    1
  • logo LazioLazioCL

    33

    15
    10
    3
    2
  • logo CagliariCagliariCL

    29

    15
    8
    5
    2
  • logo RomaRomaEL

    29

    15
    8
    5
    2
  • logo AtalantaAtalantaEL

    28

    15
    8
    4
    3
  • logo ParmaParma

    21

    15
    6
    3
    6
  • logo NapoliNapoli

    21

    15
    5
    6
    4
  • logo TorinoTorino

    20

    15
    6
    2
    7
  • 10º

    logo MilanMilan

    20

    15
    6
    2
    7
  • 11º

    logo VeronaVerona

    18

    15
    5
    3
    7
  • 12º

    logo BolognaBologna

    16

    15
    4
    4
    7
  • 13º

    logo FiorentinaFiorentina

    16

    15
    4
    4
    7
  • 14º

    logo SassuoloSassuolo

    15

    14
    4
    3
    7
  • 15º

    logo LecceLecce

    15

    15
    3
    6
    6
  • 16º

    logo UdineseUdinese

    15

    15
    4
    3
    8
  • 17º

    logo SampdoriaSampdoria

    12

    15
    3
    3
    9
  • 18º

    logo GenoaGenoaR

    11

    15
    2
    5
    8
  • 19º

    logo BresciaBresciaR

    10

    14
    3
    1
    10
  • 20º

    logo SpalSpalR

    9

    15
    2
    3
    10
Antonio Barbato - Consulente del Lavoro
Fantacalcio - Solo il meglio del calcio
M.A.R.A.T. Football management
Back To Top
close icon

Ti potrebbe interessare

Sportitalia - Contatti Giuntoli-D'Amico per Amrabat, ancora nessuna offerta. Si può fare solo a giugno