I subentrati...

Editoriale fonte : Grafico di Giuseppe Cautiero
I subentrati...

La vittoria contro l'Atalanta, di Bergamo, è importante per la classifica del Napoli, per tenere il gruppo ancora legato alla lotta scudetto

La vittoria contro l'Atalanta, a Bergamo, è importante per la classifica del Napoli, per tenere il gruppo ancora legato alla lotta scudetto e il campionato aperto. Un gol di Milik, quasi allo scadere, che regala una gioia ai tifosi presenti e che lancia il Napoli in testa ad una speciale classifica.

I gol dei subentrati

Nessuna squadra in serie A è andata a segno per 8 volte con giocatori subentrati dalla panchina, in questo campionato, in 14 partite. Il gol di Arek Milik nel posticipo di Bergamo ha dunque regalato anche un simbolico record, che esalta la qualità complessiva dell'organico e soprattutto il lavoro di Ancelotti. Le motivazioni, queste sono le armi in più per vincere, che siano titolari, ma anche riserve. Da Mertens, in occasione della seconda giornata, subentrato per Hamsik, a Milik contro l'Atalanta, entrato all'82esimo, ma ancora prima Insigne col Sassuolo, Fabian con l'Udinese e il Genoa, ancora Milik con l'Empoli e Mertens con la Roma. Otto gol che in sei occasioni sono stati decisivi e hanno regalato 16 punti in classifica in queste prime 14 gare. 
 
 

Ancelotti esalta il gruppo dei subentranti

"Quelli che sono entrati nel finale contro l'Atalanta ci hanno dato vivacità e dinamismo", ha infatti sottolineato dopo la vittoria Ancelotti, soddisfatto anche per aver ritrovato finalmente nel ruolo di match winner il centravanti polacco: "Purtroppo Milik non ha potuto giocare con continuità, ma è rimasto sempre motivato e concentrato e si merita questa soddisfazione". Nel Napoli che lotta su tre fronti, con la Juventus in campionato, in Champions guardando dall'alto prestigiosi club come Psg e Liverpool e in attesa della coppa Italia, è evidente che questo record assuma un prestigio e un'importanza tale da esaltarne le qualità di un'intera rosa. Il gioco è variato, la mano di Ancelotti è evidente, ma, a differenza del passato, oggi la squadra è in grado di vincere quelle gare che sempre hanno creato problemi, a parte quella interna col Chievo Verona, quelle 'sporche'. Le gare che alla fine possono regalare successi.

di Ciro Novellino

RIPRODUZIONE RISERVATA

FOTO ALLEGATE
Ultimissime Notizie
Classifica
  • #

    Squadra

    PT
    G
    V
    N
    P
  • logo JuventusJuventusCL

    90

    37
    28
    6
    3
  • logo NapoliNapoliCL

    79

    37
    24
    7
    6
  • logo AtalantaAtalantaCL

    66

    37
    19
    9
    9
  • logo InterInterCL

    66

    37
    19
    9
    9
  • logo MilanMilanEL

    65

    37
    18
    11
    8
  • logo RomaRomaEL

    63

    37
    17
    12
    8
  • logo TorinoTorino

    60

    37
    15
    15
    7
  • logo LazioLazio

    59

    37
    17
    8
    12
  • logo SampdoriaSampdoria

    50

    37
    14
    8
    15
  • 10º

    logo SassuoloSassuolo

    43

    37
    9
    16
    12
  • 11º

    logo SpalSpal

    42

    37
    11
    9
    17
  • 12º

    logo CagliariCagliari

    41

    37
    10
    11
    16
  • 13º

    logo ParmaParma

    41

    37
    10
    11
    16
  • 14º

    logo BolognaBologna

    41

    37
    10
    11
    16
  • 15º

    logo FiorentinaFiorentina

    40

    37
    8
    16
    13
  • 16º

    logo UdineseUdinese

    40

    37
    10
    10
    17
  • 17º

    logo EmpoliEmpoli

    38

    37
    10
    8
    19
  • 18º

    logo GenoaGenoaR

    37

    37
    8
    13
    16
  • 19º

    logo FrosinoneFrosinoneR

    24

    37
    5
    9
    23
  • 20º

    logo ChievoChievoR

    16

    37
    2
    13
    22
Dapa Trasporti
Futura Soccer
Antonio Barbato - Consulente del Lavoro
Real Casarea
M.A.R.A.T. Football management
Back To Top
close icon

Ti potrebbe interessare

Sportitalia - De Paul, futuro lontano da Udine: sfumata l'Inter, il Napoli resta alla finestra