Pelillo...nell'uovo - Gattuso chiede di annusare il pericolo ma lui fa l'opposto...

Rubriche  
Pelillo...nell'uovo - Gattuso chiede di annusare il pericolo ma lui fa l'opposto...

di Marcello Pelillo

La situazione del Napoli è critica, difficile, ma non è chiaro a tutti. Gli azzurri rischiano seriamente di retrocedere. I numeri dicono che nelle ultime dieci giornate la squadra è terzultima. Per essere certi di salvarsi occorre fare diciotto punti nelle diciassette rimanenti, ma l'andamento degli ultimi mesi esclude questa possibilità e domenica arriva la Juventus. Gattuso ha perso quattro delle cinque gare giocate in campionato. Ha sicuramente commesso degli errori anche lui. Innanzitutto ha provato a rispolverare nella squadra il modo di stare in campo dell'era Sarri.

Il punto è che questa squadra è diversa. Mancano le menti di quel gruppo, Albiol, Hamsik e Jorginho, e alcuni non sono più a quei livelli come Callejon e Insigne. L'impressione è che Rino abbia cercato di allenare la sua idea di calcio senza cercare di capire quali fossero i problemi mentali della squadra. In realtà, quando si arriva dopo un cambio in corsa, il primo intervento da fare è di carattere mentale perché la squadra esce da un fallimento sportivo che ha portato al cambiamento. Il mister ha lavorato molto su tattica e atletica ma l'impressione è quella che non abbia analizzato psicologicamente il gruppo.

L'Idea di imitare Sarri, il sogno personale di Gattuso sotto il profilo tattico, gli ha fatto sottovalutare la situazione al punto da fargli annullare le uniche due certezze che aveva questo Napoli: Di Lorenzo e Meret. Il primo sta giocando al centro per sopperire agli infortuni dei centrali, il secondo è clamorosamente scivolato in panchina reo di non saper palleggiare.

Il caso Ospina-Meret è la chiara fotografia dello scarso realismo di Gattuso. Meret ha salvato il Napoli in una serie di occasioni in questa stagione. Oggi i punti non sarebbero questi senza i miracoli dell'ex udinese. Il mister chiede ai suoi di annusare il pericolo ma lui dimostra l'esatto opposto cercando un calcio spregiudicato che il Napoli di oggi non è in grado di sostenere. Occorre, invece, l'umiltà delle piccole perché da mesi il rendimento è da piccola.

L'allenatore non può perdere il realismo, fa parte del suo lavoro. La realtà è che la squadra ha perso certezze ed equilibrio anche per le assenze per infortuni, in difesa, e strutturali, a centrocampo. È compito del tecnico trasmettere l'atteggiamento tattico giusto per sopperire alle assenze e recuperare equilibrio tattico e di conseguenza mentale... Vedremo...

Ultimissime Notizie
I più letti
  • #1

  • #2

  • #3

  • #4

  • #5

Classifica
  • #

    Squadra

    PT
    G
    V
    N
    P
  • logo JuventusJuventusCL

    60

    25
    19
    3
    3
  • logo LazioLazioCL

    59

    25
    18
    5
    2
  • logo InterInterCL

    54

    24
    16
    6
    2
  • logo AtalantaAtalantaCL

    45

    24
    13
    6
    5
  • logo RomaRomaEL

    42

    25
    12
    6
    7
  • logo NapoliNapoliEL

    36

    25
    10
    6
    9
  • logo MilanMilan

    36

    25
    10
    6
    9
  • logo VeronaVerona

    35

    24
    9
    8
    7
  • logo ParmaParma

    35

    24
    10
    5
    9
  • 10º

    logo BolognaBologna

    34

    25
    9
    7
    9
  • 11º

    logo CagliariCagliari

    32

    24
    8
    8
    8
  • 12º

    logo SassuoloSassuolo

    29

    24
    8
    5
    11
  • 13º

    logo FiorentinaFiorentina

    29

    25
    7
    8
    10
  • 14º

    logo TorinoTorino

    27

    24
    8
    3
    13
  • 15º

    logo UdineseUdinese

    27

    25
    7
    6
    12
  • 16º

    logo LecceLecce

    25

    25
    6
    7
    12
  • 17º

    logo SampdoriaSampdoria

    23

    24
    6
    5
    13
  • 18º

    logo GenoaGenoaR

    22

    25
    5
    7
    13
  • 19º

    logo BresciaBresciaR

    16

    25
    4
    4
    17
  • 20º

    logo SpalSpalR

    15

    25
    4
    3
    18
Antonio Barbato - Consulente del Lavoro
Fantacalcio - Solo il meglio del calcio
M.A.R.A.T. Football management
Back To Top