ESCLUSIVA - Mora, ex Napoli e cognato di Calaiò: "Ecco cosa mi ha confessato Emanuele a Capodanno. Il regalo sta per compiersi..."

Esclusive  

Si lavora al ritorno di Emanuele Calaiò al Napoli. L'attaccante del Siena ha il desiderio di rivestirsi di azzurro dopo l'ottima parentesi vissuta qualche anno fa. In esclusiva per CalcioNapoli24 parla Nicola Mora, ex esterno del Napoli nonchè cognato dello stesso attaccante.

Si parla in maniera insistita del ritorno di Calaiò al Napoli. Lei cosa mi può dire al riguardo?
"Anche noi, come tutti, leggiamo e vediamo quello che si dice in giro. Il pensiero che però possa ritornare a Napoli mi rende molto felice. Abbiamo un ottimo rapporto e la sua vicinanza non può che giovare a tutti. Certo è che per ora non c'è ancora nulla di concreto e so che a Siena si trova molto bene".

Emanuele ha già preparato le valigie?
"(ride, ndr) Questo non glielo so dire. Siamo stati insieme il primo dell'anno e abbiamo fatto una chiacchierata sull'argomento.

Lui già sapeva qualcosa al riguardo ma non si è sbilanciato. Emanuele è un uomo di grande qualità, oltre che un professionista serio. Ama anche Siena come Napoli e per ora pensa al Siena di cui è capitano".

Cosa le ha confidato, è entusiasta di un possibile ritorno?
"Lui è stato 5 anni a Siena ed è stato benissimo ma anche a Napoli ha lasciato un ottimo ricordo. Napoli è la città che più adora e la sua famiglia è napoletana. Nella precedente esperienza azzurra era un goleador ma ora è cresciuto tantissimo, tenendo le redini in mano di una squadra come quella toscana ma sono sicuro che il solo pensiero lo alletterà molto. Conosce benissimo la piazza anche se in bianconero è entrato nella storia del club. Sono suo cognato si, ma lui è un grandissimo calciatore".

Come vivrebbe il fatto di essere il vice Cavani?
"Da professionista. Ama talmente tanto la città che non sarebbe un problema".

Lei ha scelto Ischia sapendo che Calaiò avrebbe scelto Napoli?
"No, assolutamente no (ride, ndr). Ho scelto Ischia per il progetto serio che c'è e per il presidente. L'intenzione del club è quella di salire in Lega Pro e io a 33 anni ho deciso, facendo un passo indietro, di rilanciarmi qui. Sono molto felice della mia scelta. Anche se non sono napoletano, sono tornato perchè amo la città e stimo molto Ischia e la sua terra. Ora mi trovo difronte a questo regalo che sta per compiersi e spero che si possa raggiungere presto l'accordo".

Da esterno sinistro, come vede l'arrivo di Armero?
"Armero è un acquisto importante. Ha fatto molto bene a Udine ed è un calciatore che ha qualità e quantità. E' cresciuto tanto anche se qualche pecca a livello difensivo la porta ancora dietro ma Mazzarri saprà metterlo sulla retta via. Ottimo sostituto di Dossena che non è riuscito ad esprimersi al meglio con la maglia azzurra e a cui faccio un grosso in bocca al lupo per la sua nuova avventura a Palermo. Armero esalterà il pubblico napoletano e saprà farsi volere bene. E' un ragazzo giovane, a metà carriera che punta a raggiungere prestigiosi traguardi".

In Europa League però il colombiano non potrà essere schierato, è una scelta giusta il suo acquisto?
"Senza dubbio. Il Napoli ormai è una big e deve avere una rosa tale da poter avere calciatori interscambiabili tra loro. Vorrà dire che Armero giocherà in campionato e Zuniga in Europa League. Penso che comunque l'Europa League non sia l'obiettivo principale del Napoli".

Luigi Vitale sta facendo molto bene a Terni, come vede un suo ritorno a casa la prossima stagione?
"E' un bravo ragazzo, con grandi qualità che sa stare al posto suo. Cresciuto nel Napoli, con il quale ha anche giocato, ha fatto la scelta di andare a Terni e, con i 5 gol realizzati, ha dimostrato di aver fatto bene ad accettare il trasferimento. Aveva bisogno di giocare con continuità".

Cannavaro, Grava e la vicenda calcioscommesse...
"Li conosco bene e anche io sono stato male quando ho appreso la notizia. Purtroppo anche io sono stato tirato dentro a questa situazione per omessa denuncia e posso dire che la giustizia sportiva deve essere riformata perchè non si può incolpare per sentito dire chi è innocente. Sono vicino a loro e gli dico di non mollare e di tornare più forti di prima. La purezza di una persona la si guarda allo specchio e chi sta intorno ai due cuori azzurri sa di che pasta sono fatti. Per me sono entrambi estranei ai fatti".

Chiusura su Gianello...
"Abbiamo giocato insieme, ma non mi aspettavo una persona così. Quando si compie un'azione lo si fa con la consapevolezza di quello che si sta facendo e se ha sbagliato ne pagherà le conseguenze. Non voglio pronunciarmi su di lui ma chi sbaglia paga..."

RIPRODUZIONE RISERVATA

Free Image Hosting at www.ImageShack.us

Free Image Hosting at www.ImageShack.us

Altre Notizie
I più letti
Classifica
  • #

    Squadra

    PT
    G
    V
    N
    P
  • AtalantaCL

    0

    0
    0
    0
    0
  • BolognaCL

    0

    0
    0
    0
    0
  • CagliariCL

    0

    0
    0
    0
    0
  • ChievoCL

    0

    0
    0
    0
    0
  • EmpoliEL

    0

    0
    0
    0
    0
  • FiorentinaEL

    0

    0
    0
    0
    0
  • Frosinone

    0

    0
    0
    0
    0
  • Genoa

    0

    0
    0
    0
    0
  • Inter

    0

    0
    0
    0
    0
  • 10º

    Juventus

    0

    0
    0
    0
    0
  • 11º

    Lazio

    0

    0
    0
    0
    0
  • 12º

    Milan

    0

    0
    0
    0
    0
  • 13º

    Napoli

    0

    0
    0
    0
    0
  • 14º

    Parma

    0

    0
    0
    0
    0
  • 15º

    Roma

    0

    0
    0
    0
    0
  • 16º

    Sampdoria

    0

    0
    0
    0
    0
  • 17º

    Sassuolo

    0

    0
    0
    0
    0
  • 18º

    SpalR

    0

    0
    0
    0
    0
  • 19º

    TorinoR

    0

    0
    0
    0
    0
  • 20º

    UdineseR

    0

    0
    0
    0
    0
Dapa Trasporti
Back To Top

Ti potrebbe interessare

Rai - Accordo trovato con Arias ma ad Ancelotti piace tantissimo Sabaly: chiuso il capitolo Darmian