Pelillo... nell'uovo - Nella "civil" Milano la lurida foto del calcio italiano: vincono i buu e non solo...

Rubriche  
Pelillo... nell'uovo - Nella civil Milano la lurida foto del calcio italiano: vincono i buu e non solo...

Il caso è spesso beffardo, sembra prendersi gioco di noi umani e può accadere che in un giorno di fine anno solare, in tempo di bilanci personali

Il caso è spesso beffardo, sembra prendersi gioco di noi umani e può accadere che in un giorno di fine anno solare, in tempo di bilanci personali e generali, ci si possa ritrovare davanti all'esatta fotografia di quel che non funziona in questo martoriato pallone italiano. Si è cominciato dal disappunto di Allegri verso un'Italia del calcio che non educa i giovani che seguono questo presunto sport. Tutto normale, se non fosse che questa lamentela vada a capitare dopo un'espulsione subita dai suoi, da tutte le moviole considerata giusta. Strano che il tecnico toscano non abbia mai fatto le stesse riflessioni dopo almeno una delle innumerevoli volte in cui nello stadio della sua squadra sono partiti cori inneggianti l'eruzione del Vesuvio. Ha dichiarato più volte di non sentire in queste occasioni. Non sente e non vede il suo il buon Max che non si chiede quale educazione possano avere i giovani quando i suoi si tuffano cercando di confondere gli arbitri e quando i suoi sostenitori espongono striscioni riferiti alla tragedia di Superga. Non vede Max quando al Toro negano due rigori nella stessa gara e in nessuno dei due casi si è andato al Var. Ma questo è stato solo il preambolo alla triste serata del Meazza. Il caso beffardo ha voluto che proprio nella presunta capitale italiana della qualità della vita si cominciasse, prima ancora di scendere in campo, con quattro napoletani presi a coltellate. Dopo il piagnisteo di Bergamo, la violenza fisica di Milano e da quest'ultima, il vergognoso pubblico milanese è passato a quella verbale. Sono saliti in cattedra i "buu" razzisti ai danni di Koulibaly. Preso di mira per una gara intera senza che l'arbitro intervenisse, nonostante le segnalazioni di Carlo Ancelotti. Ed è qui che si apre un altro capitolo del pasticcio chiamato calcio italiano ed entra in scena Mazzoleni, spesso protagonista nelle gare quando c'è il Napoli. L'arbitro decide di usare un metro permissivo, lascia che il giocatore subisca i "buu" per l'intera gara, se ne infischia delle segnalazioni di Ancelotti e va avanti fino a quando non decide di diventare protagonista. Ad un certo punto, casualmente quando l'Inter si stava ormai ritirando nella sua metà campo, l'arbitro ha cambiato il metro proprio nei confronti del soggetto che lui stesso aveva costretto a giocare sotto la costante violenza psicologica dei cori, non sospendendo la gara. E Mazzoleni diventò, così, improvvisamente fiscale, andando anche oltre il buon senso perché gli applausi fatti da lontano da un calciatore, possono anche essere di disappunto verso il pubblico che inveisce su di lui da oltre un'ora con la complicità di un arbitro che non interviene. Mazzoleni cambia metro di giudizio e il Napoli, così, resta in dieci e Spalletti prende coraggio inserendo la punta che poi deciderà la partita. Una frittata italiana ben condita nel finale che divide la gara da quello che è stato il campo. Mazzoleni ha lasciato vincere i razzisti e perdere chi è stato bersaglio dello schifo che hanno fatto i milanesi. Questo è il sunto della storia, il calcio giocato conta davvero poco. Il calcio italiano va rifondato, non ha nulla di educativo verso i giovani e si avvia alla lenta, ma progressiva distruzione di se stesso, ascoltatore per ascoltatore, uno alla volta... Vedremo...

RIPRODUZIONE RISERVATA

Ultimissime Notizie
I più letti
Classifica
  • #

    Squadra

    PT
    G
    V
    N
    P
  • logo JuventusJuventusCL

    90

    38
    28
    6
    4
  • logo NapoliNapoliCL

    79

    38
    24
    7
    7
  • logo AtalantaAtalantaCL

    69

    38
    20
    9
    9
  • logo InterInterCL

    69

    38
    20
    9
    9
  • logo MilanMilanEL

    68

    38
    19
    11
    8
  • logo RomaRomaEL

    66

    38
    18
    12
    8
  • logo TorinoTorino

    63

    38
    16
    15
    7
  • logo LazioLazio

    59

    38
    17
    8
    13
  • logo SampdoriaSampdoria

    53

    38
    15
    8
    15
  • 10º

    logo BolognaBologna

    44

    38
    11
    11
    16
  • 11º

    logo SassuoloSassuolo

    43

    38
    9
    16
    13
  • 12º

    logo UdineseUdinese

    43

    38
    11
    10
    17
  • 13º

    logo SpalSpal

    42

    38
    11
    9
    18
  • 14º

    logo ParmaParma

    41

    38
    10
    11
    17
  • 15º

    logo CagliariCagliari

    41

    38
    10
    11
    17
  • 16º

    logo FiorentinaFiorentina

    41

    38
    8
    17
    13
  • 17º

    logo GenoaGenoa

    38

    38
    8
    14
    16
  • 18º

    logo EmpoliEmpoliR

    38

    38
    10
    8
    20
  • 19º

    logo FrosinoneFrosinoneR

    25

    38
    5
    10
    23
  • 20º

    logo ChievoChievoR

    17

    38
    2
    14
    22
Dapa Trasporti
Futura Soccer
Antonio Barbato - Consulente del Lavoro
Real Casarea
M.A.R.A.T. Football management
Back To Top
close icon

Ti potrebbe interessare

Platini arrestato per corruzione, Maradona non si sbagliava: "Lui e Blatter si spartiscono denaro dal 1998"