Pelillo... nell'uovo - È la dura legge del gol...

Rubriche fonte : di Marcello Pelillo
Pelillo... nell'uovo - È la dura legge del gol...

Finisce con l'amaro in bocca il cammino in Champions degli azzurri. La squadra di Ancelotti eliminata per il numero di reti realizzate. Quel gol evitabile,

Finisce con l'amaro in bocca il cammino in Champions degli azzurri. La squadra di Ancelotti eliminata per il numero di reti realizzate. Quel gol evitabile, incassato dalla Stella Rossa al San Paolo, ha fatto la differenza. Questo l'esito freddo e oggettivo, che sembra condannare troppo gli azzurri guardando i numeri della classifica. La squadra partenopea ha, tuttavia, sprecato una buona opportunità. Anfield si è confermato campo ostile e in grado di trascinare i forti padroni di casa. Un banco di prova ai massimi livelli, in grado di pesare i valori attuali del gruppo. In casa del Liverpool è dura per tutti, ma il Napoli aveva due risultati disponibili e più. La missione principale degli azzurri era fare un gol, perché sarebbe stato impensabile e rischioso puntare allo 0-0. Una rete avrebbe costretto gli inglesi a farne tre e a scoprirsi. Il Napoli, invece, ha consegnato il lato sinistro all'avversario per settanta minuti. La sofferenza di Mario Rui su Salah era prevedibile e visibile ed ha costretto un grande Koulibaly agli straordinari e disorientato, probabilmente, il bravo ma giovane Fabian. Lo spagnolo ha pagato l'inesperienza e il mancato supporto dei compagni più navigati come Hamsik, troppo molle per una gara dal ritmo così alto imposto dai Reds. L'ex Betis è stato spesso impreciso e mai incisivo nel cercare il recupero o il raddoppio sulla stella Salah, opportunamente sistemato a destra da Klopp. Una corsia assente e un Liverpool molto aggressivo hanno limitato le soluzioni in fase d'impostazione e bloccato il Napoli nella propria metà campo fino a quando, intorno al 70', Ancelotti non ha lanciato Ghoulam e Zielinski a sinistra. Da quel momento in poi, il Napoli è riuscito a guadagnare metri e a creare ben tre occasioni. Insigne, Milik e soprattutto Callejon hanno sprecato buone opportunità. Lo spagnolo ha, probabilmente, pagato la consueta gara di sacrificio in corsia, mentre Insigne è meno brillante già da qualche gara. Milik, dal canto suo, ha trovato Alisson sulla sua strada a chiudergli lo specchio nel finale di gara, riportando alla mente San Siro e quel Milan-Napoli... Tre occasioni e un comun denominatore: l'assenza di cattiveria agonistica al momento giusto. Il difficile girone, ben giocato dal Napoli, ha dato le sue indicazioni ad Ancelotti per il futuro. Intanto, per gli azzurri si apre lo scenario dell'Europa League. Il Napoli può e deve arrivare fino in fondo per non rendere anonima la stagione agonistica. La squadra di Ancelotti trova la buona compagnia di Arsenal, Chelsea e Inter, che sulla carta rappresentano le avversarie più temibili, aspettando gli ultimi verdetti di Champions. L' Europa League resta il trofeo più importante al quale il Napoli può, almeno sulla carta, ambire e a questo gruppo manca un trofeo importante per crescere in consapevolezza. Vedremo...

Ultimissime Notizie
Guarda la diretta su YouTube
I più letti
Classifica
  • #

    Squadra

    PT
    G
    V
    N
    P
  • logo JuventusJuventusCL

    90

    38
    28
    6
    4
  • logo NapoliNapoliCL

    79

    38
    24
    7
    7
  • logo AtalantaAtalantaCL

    69

    38
    20
    9
    9
  • logo InterInterCL

    69

    38
    20
    9
    9
  • logo MilanMilanEL

    68

    38
    19
    11
    8
  • logo RomaRomaEL

    66

    38
    18
    12
    8
  • logo TorinoTorino

    63

    38
    16
    15
    7
  • logo LazioLazio

    59

    38
    17
    8
    13
  • logo SampdoriaSampdoria

    53

    38
    15
    8
    15
  • 10º

    logo BolognaBologna

    44

    38
    11
    11
    16
  • 11º

    logo SassuoloSassuolo

    43

    38
    9
    16
    13
  • 12º

    logo UdineseUdinese

    43

    38
    11
    10
    17
  • 13º

    logo SpalSpal

    42

    38
    11
    9
    18
  • 14º

    logo ParmaParma

    41

    38
    10
    11
    17
  • 15º

    logo CagliariCagliari

    41

    38
    10
    11
    17
  • 16º

    logo FiorentinaFiorentina

    41

    38
    8
    17
    13
  • 17º

    logo GenoaGenoa

    38

    38
    8
    14
    16
  • 18º

    logo EmpoliEmpoliR

    38

    38
    10
    8
    20
  • 19º

    logo FrosinoneFrosinoneR

    25

    38
    5
    10
    23
  • 20º

    logo ChievoChievoR

    17

    38
    2
    14
    22
Dapa Trasporti
Futura Soccer
Antonio Barbato - Consulente del Lavoro
Real Casarea
M.A.R.A.T. Football management
Back To Top
close icon

Ti potrebbe interessare

Platini arrestato per corruzione, Maradona non si sbagliava: "Lui e Blatter si spartiscono denaro dal 1998"