Mertens: "Il Napoli deve crederci, mi fido di Calzona! Curioso di rivedere Castel Volturno. Su scudetto, città e motivo dell'addio..." | VIDEO

Le Interviste  
Mertens: Il Napoli deve crederci, mi fido di Calzona! Curioso di rivedere Castel Volturno. Su scudetto, città e motivo dell'addio... | VIDEO

Ultime notizie SSC Napoli - L'intervista di Dries Mertens a Delietta Gol: il video

Ultime notizie SSC Napoli - Dries Mertens, ex attaccante del Napoli ora al Galatasaray, è intervenuto durante Delietta Gol, in onda su TvLuna e Prima Tivvù, rilasciando alcune dichiarazioni sulla SSC Napoli.

Napoli: intervista a Dries Mertens

Dries Mertens, ex attaccante del Napoli, parla a Prima Tivvù.

“La toccata e fuga a Napoli? È stato emozionante e bello, ero curioso di rivedere i ragazzi a Castel Volturno, è stata la mia prima volta di nuovo nello spogliatoio: sono state belle emozioni.

Ho rivisto di nuovo tanti compagni di squadra, è stato bello, ho visto un’atmosfera così perchè non stiamo andando come vogliamo ma penso che possono puntare fino alla fine, devono crederci.

Io ho lavorato con mister Calzona e credo molto nella filosofia del suo staff, sono fiducioso.

Dries Mertens a Delietta Gol

Gli anni più belli a Napoli? Ogni stagione è stata bellissima, non vedo l’ora di venirci a vivere senza pensare al calcio. Dal primo all’ultimo anno ho visto delle belle cose in azzurro.

Il mancato scudetto del 2018? Fare 90 punti e non vincere non è mai successo in Serie A, certo quello è stato brutto.

Vedere il Napoli vincere lo scudetto è stato bellissimo, uno può andare via e pensare ad un nuovo progetto, ma un occhio ai vecchi compagni lo butta sempre, perchè uno diventa parte di una famiglia. Vedere la tua famiglia vincere così, sapendo quanto significasse per me, per Napoli, per i ragazzi, per Spalletti e tutti gli altri, significa tantissimo. Hanno fatto un anno incredibile ed io ho festeggiato il titolo.

A chi sono rimasto più legato dei miei ex compagni? Parliamo ancora tutti, io sono rimasto in contatto con i vari Reina, Jorginho, Koulibaly, Ghoulam: ne ho ritrovati una dozzina in squadra a Napoli, è stato bello rivedere chi c’è ancora in squadra ed essere rimasti in contatto con chi è andato via.

Dove mi vedo dopo il calcio? Ancora non so, se faccio una cosa mi voglio concentrare al 100% e al Galatasaray mi sto ancora godendo i momenti da calciatore. Non penso ancora al dopo, altrimenti perdo di vista la strada attuale.

Mio figlio con la maglia numero 14 del Napoli ed io dirigente? Gli stava bene (ride, ndr). Lo vedremo sicuramente.

Il cibo a Napoli? Mi sono goduto una pasta al pomodoro con mozzarella in spiaggia clamorosa, scherzando con lui gli ho chiesto i lettini in riva al mare per tutta l’estate (ride, ndr).

Quanto ha influito la città di Napoli nelle mie scelte? Io penso che se un giocatore sia felice in casa, ciò si ripercuote anche in campo: io a Napoli sono stato benissimo, il fatto di voler continuare a vivere nella casa di Posillipo è indicativo.

Volevo vincere io lo scudetto a Napoli? Non ho provato invidia, dopo tanti anni a giocare a Napoli ne diventi tifoso, io so cosa significava vincere lo scudetto. L’avrei voluto, ma ho guardato tutte le partite e mi sono goduto un calcio incredibile.

Perchè sono andato via? Non ce la facevo più, ero diventato più lento in campo (ride, ndr).

Cosa racconto a mio figlio di Napoli? Nulla, la deve vivere (ride, ndr)”

Mertens e Di Lorenzo
CalcioNapoli24.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google, se vuoi essere sempre aggiornato sulle ultime notizie seguici su Google News
Ultimissime Notizie
Classifica
  • #

    Squadra

    PT
    G
    V
    N
    P
  • logo InterInterCL

    94

    38
    29
    7
    2
  • logo MilanMilanCL

    75

    38
    22
    9
    7
  • logo JuventusJuventusCL

    71

    38
    19
    14
    5
  • logo AtalantaAtalantaCL

    69

    37
    21
    6
    10
  • logo BolognaBolognaEL

    68

    38
    18
    14
    6
  • logo RomaRomaECL

    63

    38
    18
    9
    11
  • logo LazioLazio

    61

    38
    18
    7
    13
  • logo FiorentinaFiorentina

    57

    37
    16
    9
    12
  • logo TorinoTorino

    53

    38
    13
    14
    11
  • 10º

    logo NapoliNapoli

    53

    38
    13
    14
    11
  • 11º

    logo GenoaGenoa

    49

    38
    12
    13
    13
  • 12º

    logo MonzaMonza

    45

    38
    11
    12
    15
  • 13º

    logo VeronaVerona

    38

    38
    9
    11
    18
  • 14º

    logo LecceLecce

    38

    38
    8
    14
    16
  • 15º

    logo UdineseUdinese

    37

    38
    6
    19
    13
  • 16º

    logo CagliariCagliari

    36

    38
    8
    12
    18
  • 17º

    logo EmpoliEmpoli

    36

    38
    9
    9
    20
  • 18º

    logo FrosinoneFrosinoneR

    35

    38
    8
    11
    19
  • 19º

    logo SassuoloSassuoloR

    30

    38
    7
    9
    22
  • 20º

    logo SalernitanaSalernitanaR

    17

    38
    2
    11
    25
Back To Top