Menomale che Alisson e Dzeko giocano solo con la Roma...

Editoriale  
Menomale che Alisson e Dzeko giocano <i>solo</i> con la Roma...

Non si era campioni prima e non si è secondi oggi. Come al solito, a Napoli, così come in altre piazze calde, scoppia la moda del disfattismo. E' bastata una sconfitta per definire addirittura 'fallimentare' la stagione del Napoli che, vi ricordiamo, non è ancora giunta al termine. Però in città è come se fosse svanito già il sogno scudetto. Certo è che ora è decisamente più complicato mantenere la vetta della classifica, considerando che la Juve ha una gara in meno rispetto agli azzurri di Sarri. Andiamo a vedere com'è arrivata la sconfitta di sabato, quali sono state le cause scatenanti di questo roboante risultato? 

I SINGOLI - Probabilmente il Napoli non è stato brillante e perfetto come al suo solito, ma c'è da dire che la squadra che c'era di fronte è una squadra sì in crisi, ma fatta da giocatori di altissimo livello. Dzeko ed Alisson su tutti. Si può dire che la sconfitta per 4 a 2 contro la Roma sia figlia di una gara straordinaria sia da parte del centravanti bosniaco che da parte del portiere verdeoro. Lo stacco perentorio di testa che ha siglato il 2 a 1 della Roma al San Paolo è un gesto tecnico di cui non tutti sono capaci. E se una squadra come il Chelsea, a gennaio, si muove per chiederti il numero 9, un motivo ci sarà. Il secondo goal dell'attaccante ex City è da vero fuoriclasse, così come le parate provvidenziali di Alisson su Insigne in diverse circostante del match. La rete di Under è arrivata a spezzare le gambe al Napoli di Sarri, forse un po' troppo morbido Mario Rui in fase di marcatura. La quarte rete dei giallorossi non è altro che un regalo vero e proprio del terzino portoghese a Diego Perotti. 

ERRORI INDIVIDUALI E PRODEZZE DEGLI AVVERSARI - Si potrebbe chiudere la parentesi Roma. Dzeko non gioca in ogni squadra d'Italia e non tutte le squadre che sono in Serie A possono godere di un portiere forte come Alisson. Il Napoli ha creato e nemmeno poco, non a caso il San Paolo ha applaudito ad una prestazione, come al solito, maiuscola da parte degli uomini di Sarri. Ripartiamo da qui, senza fare drammi. Con la consapevolezza che a Torino si può vincere e che nulla è ancora andato sprecato. 

di Fabio Cannavo (Twitter: @CannavoFabio)

RIPRODUZIONE RISERVATA

Altre Notizie
I più letti
Classifica
  • #

    Squadra

    PT
    G
    V
    N
    P
  • logo JuventusJuventusCL

    43

    15
    14
    1
    0
  • logo NapoliNapoliCL

    35

    15
    11
    2
    2
  • logo InterInterCL

    32

    16
    10
    2
    4
  • logo MilanMilanCL

    26

    15
    7
    5
    3
  • logo LazioLazioEL

    25

    15
    7
    4
    4
  • logo TorinoTorinoEL

    22

    15
    5
    7
    3
  • logo AtalantaAtalanta

    21

    15
    6
    3
    6
  • logo RomaRoma

    21

    15
    5
    6
    4
  • logo SassuoloSassuolo

    21

    15
    5
    6
    4
  • 10º

    logo ParmaParma

    21

    15
    6
    3
    6
  • 11º

    logo SampdoriaSampdoria

    20

    15
    5
    5
    5
  • 12º

    logo FiorentinaFiorentina

    19

    15
    4
    7
    4
  • 13º

    logo CagliariCagliari

    17

    15
    3
    8
    4
  • 14º

    logo EmpoliEmpoli

    16

    15
    4
    4
    7
  • 15º

    logo GenoaGenoa

    16

    15
    4
    4
    7
  • 16º

    logo SpalSpal

    15

    15
    4
    3
    8
  • 17º

    logo UdineseUdinese

    13

    16
    3
    4
    9
  • 18º

    logo BolognaBolognaR

    11

    15
    2
    5
    8
  • 19º

    logo FrosinoneFrosinoneR

    8

    15
    1
    5
    9
  • 20º

    logo ChievoChievoR

    3

    15
    0
    6
    9
Dapa Trasporti
Futura Soccer
Antonio Barbato - Consulente del Lavoro
Real Casarea
Back To Top