Mertens: "Mio exploit merito di Sarri, che intesa con Insigne! Scudetto? Ci proviamo col bel gioco, Juve favorita per due motivi"

Rassegna Stampa  

Dries Mertens, attaccante belga del Napoli, ha rilasciato un'intervista ai colleghi di Repubblica alla vigilia del big match con la Roma. Ecco evidenziati alcuni passaggi

Sulla Juve: "Può permettersi di investire tanto sul mercato".

Gioco spettacolare: "Il gioco di Sarri mi permette di segnare tanto. Per vincere lo scudetto, giocherei pure male, ma noi facciamo poca strada così. Non dobbiamo snaturarci".

Si aspettava di diventare così forte in questo nuovo ruolo? «Sono cresciuto innanzitutto grazie alla continuità, che partendo spesso dalla panchina prima non avevo. Ma è grande merito anche del calcio di Sarri, che sembra fatto su misura per me. Amo giocare con il pallone rasoterra e le triangolazione veloci: i punti forti e distintivi del Napoli. E poi mi trovo benissimo con Lorenzo Insigne, con cui non devo più lottare per un posto. Parliamo lo stesso linguaggio tecnico e siamo migliorati insieme. Spero tanto che l’Italia si qualifichi per il Mondiale. Per lui e maga- ri anche per Jorginho»

Lei ce l’ha già fatta, con il Belgio. «Sì, ma la Russia è lontana. Prima ho tanti obiettivi da raggiungere con il Napoli, sogni da realizzare».

Il primo lo ha già centrato: la nomination per il Pallone d’oro. «Inaspettata, anche se per quello che ho fatto nella scorsa stagione sento di meritarla. Ma è lo stesso una sensazione speciale essere tra i 30 giocatori migliori d’Europa».

Ed essere primi in classifica con il Napoli com’è, Mertens? «Non una sorpresa: quest’anno siamo partiti per provare a vincere lo scudetto, anche se le avversarie sono tante e soprattutto la Juventus resta sempre la favorita: per la mentalità e la qualità del suo organico».

Qual è il gap più difficile da colmare? «Come mentalità ci siamo avvicinati, con il nostro gioco dobbiamo ora provare a limare la differenza complessiva di talento che c’è tra noi e i bianconeri ».

Roma, City e Inter in sette giorni: è già il momento della resa dei conti? «Saranno tre partite importanti, per il campionato e anche per la Champions: un altro obiettivo a cui teniamo molto. Ma in ogni gara ci sono tre punti in palio e gli scudetti si vincono pure battendo Verona e Benevento ».

Vox populi: il Napoli o vince quest’anno o mai più, lo pensa anche lei? «No, ma penso che dal primo scudetto del Napoli sono passati 30 anni e stiamo per fare cifra tonda...».

Dries Mertens, stesse iniziali di Diego Maradona... «Lui ha fatto la storia azzurra e imitarlo è il sogno di tutti noi: non solo il mio. Ci proveremo fino alla fine. Vincere qui sarebbe tutta un’altra cosa: Napoli è speciale».

Altre Notizie
I più letti
Classifica
  • #

    Squadra

    PT
    G
    V
    N
    P
  • NapoliCL

    24

    8
    8
    0
    0
  • InterCL

    22

    8
    7
    1
    0
  • JuventusCL

    19

    8
    6
    1
    1
  • LazioCL

    19

    8
    6
    1
    1
  • RomaEL

    15

    7
    5
    0
    2
  • SampdoriaEL

    14

    7
    4
    2
    1
  • Bologna

    14

    8
    4
    2
    2
  • Torino

    13

    8
    3
    4
    1
  • Chievo

    12

    8
    3
    3
    2
  • 10º

    Milan

    12

    8
    4
    0
    4
  • 11º

    Fiorentina

    10

    8
    3
    1
    4
  • 12º

    Atalanta

    9

    8
    2
    3
    3
  • 13º

    Udinese

    6

    8
    2
    0
    6
  • 14º

    Cagliari

    6

    8
    2
    0
    6
  • 15º

    Crotone

    6

    8
    1
    3
    4
  • 16º

    Verona

    6

    8
    1
    3
    4
  • 17º

    Genoa

    5

    8
    1
    2
    5
  • 18º

    SpalR

    5

    8
    1
    2
    5
  • 19º

    SassuoloR

    5

    8
    1
    2
    5
  • 20º

    BeneventoR

    0

    8
    0
    0
    8
Back To Top

Ti potrebbe interessare

Rai - Rinnovo Ghoulam, Giuntoli e Mendes fanno da mediatori: già individuate due possibili alternative