Il giorno dopo...Napoli-Arsenal: il grave errore di Meret, la parata di Cech sul suo compagno e il Callejon da cento ruoli

Rubriche fonte : di Stefano Napolitano
Il giorno dopo...Napoli-Arsenal: il grave errore di Meret, la parata di Cech sul suo compagno e il Callejon da cento ruoli

Il giorno dopo Napoli – Arsenal. Non era facile e si sapeva. Finisce ai quarti l’avventura degli azzurri in Europa League. E finisce male. Contro una formazione che è certamente stata aiutata dagli errori dei singoli: a Londra ci pensarono Mario Rui e Fabian Ruiz, ieri sera ci ha pensato Meret piazzando una barriera oscena per una punizione da distanza siderale; per completare l’opera si è mosso anche prima del tiro. A certi livelli sono i particolari a fare la differenza. Duole sottolinearlo ma l’errore dell’estremo difensore azzurro ha finito per condizionare gara e qualificazione.

Il giorno dopo Napoli – Arsenal. A dispetto dei facili ottimismi che circolavano, non era assolutamente facile. Basti pensare che il Napoli è stato eliminato nelle ultime otto occasioni in cui ha perso la partita d’andata di una doppia sfida in competizioni europee UEFA (esclusi playoff); l’ultima volta in cui ha ribaltato il risultato dell’andata fu nei quarti di finale della Coppa UEFA 1988/89 contro la Juventus (0-2 all'andata, 3-0 al ritorno). A ciò si aggiunga che Unai Emery ha vinto 25 partite nella fase a eliminazione diretta di Europa League, più di ogni altro allenatore.

Il giorno dopo Napoli – Arsenal. In molti confidavano nell'impresa. Perché di impresa si sarebbe trattata. Il pubblico ha spinto. Da brividi le coreografie delle due curve. La squadra dopo un inizio shock sembrava ne stesse uscendo fuori. Un paio di situazioni pericolose le ha anche create anche se poi l’unica vera parata seria Cech l’ha fatta sulla conclusione di un suo compagno. In tanti speravano che il Napoli avesse potuto ripetere le gare di Champions. In quel periodo gli azzurri avevano più benzina e un Hamsik e un Albiol in più. E Milik giocava meno.

Il giorno dopo Napoli – Arsenal. Per provare a ribaltarla Ancelotti ha inserito un difensore in più. C’è chi mette un attaccante in più. Diversi modi di vedere le cose. Ma in questa maniera loro sono stati avvantaggiati nel pressing. Un terzino di spinta magari avrebbe costretto la loro ala a stare più basso. O forse voleva giocarsela nella ripresa. Sotto di un goal ha poi infilato nella mischia Mertens. Nel ruolo di terzino destro ha scalato Callejon. Un giocatore per cento ruoli. Ha finito la gara da ultimo uomo, quando anche Koulibaly e Chiriches si erano lanciati in attacco per evitare almeno la sconfitta.

Il giorno dopo Napoli – Arsenal. Resta un secondo tempo d’orgoglio nel quale gli azzurri ci hanno provato con convinzione. Ma sono risultati evanescenti in attacco. Eppure, i “soliti ben informati” parlavano di un Arsenal non irresistibile in difesa, ma il Napoli in oltre 180 minuti non è riuscito a fare neanche un goal. Fabian è un ottimo giocatore, ma gioca con un solo piede e neanche con quello calcia verso la porta. Allan è in preoccupante fase involutiva. Il resto, come detto, nella doppia sfida, la differenza l’hanno fatta gli errori dei singoli. Peccato, perché l’Arsenal è una buona squadra, ma non è apparsa così superiore come poi dice il risultato della doppia sfida. Ma se la sesta in classifica della Premier ne rifila tre alla seconda in classifica del campionato italiano, qualche domanda bisognerà pur farsela.

RIPRODUZIONE RISERVATA

Ultimissime Notizie
I più letti
Classifica
  • #

    Squadra

    PT
    G
    V
    N
    P
  • logo JuventusJuventusCL

    90

    37
    28
    6
    3
  • logo NapoliNapoliCL

    79

    37
    24
    7
    6
  • logo AtalantaAtalantaCL

    66

    37
    19
    9
    9
  • logo InterInterCL

    66

    37
    19
    9
    9
  • logo MilanMilanEL

    65

    37
    18
    11
    8
  • logo RomaRomaEL

    63

    37
    17
    12
    8
  • logo TorinoTorino

    60

    37
    15
    15
    7
  • logo LazioLazio

    59

    37
    17
    8
    12
  • logo SampdoriaSampdoria

    50

    37
    14
    8
    15
  • 10º

    logo SassuoloSassuolo

    43

    37
    9
    16
    12
  • 11º

    logo SpalSpal

    42

    37
    11
    9
    17
  • 12º

    logo CagliariCagliari

    41

    37
    10
    11
    16
  • 13º

    logo ParmaParma

    41

    37
    10
    11
    16
  • 14º

    logo FiorentinaFiorentina

    40

    37
    8
    16
    13
  • 15º

    logo BolognaBologna

    41

    37
    10
    11
    16
  • 16º

    logo UdineseUdinese

    40

    37
    10
    10
    17
  • 17º

    logo EmpoliEmpoli

    38

    37
    10
    8
    19
  • 18º

    logo GenoaGenoaR

    37

    37
    8
    13
    16
  • 19º

    logo FrosinoneFrosinoneR

    24

    37
    5
    9
    23
  • 20º

    logo ChievoChievoR

    16

    37
    2
    13
    22
Dapa Trasporti
Futura Soccer
Antonio Barbato - Consulente del Lavoro
Real Casarea
M.A.R.A.T. Football management
Back To Top
close icon

Ti potrebbe interessare

Sportitalia - Ilicic-Napoli, dipende anche dal futuro di Gasperini