Montuori a CN24: "La festa dei trent'anni dallo scudetto non dev'essere solo business, il popolo napoletano va rispettato. La data dev'essere il 10 maggio"

Rubriche  

Gennaro Montuori, detto ‘Palummella’, storico capo ultras della Curva B e conduttore di Tifosi Napoletani, programma sportivo che va in onda ogni giovedì alle 21.00 su Tele A e Sky 903, ha parlato nella solita rubrica per CalcioNapoli24: "De Magistris e Borriello hanno annunciato la festa dei trent'anni dallo scudetto dell'87. La festa deve avvenire il 10 maggio però, e non in un'altra data. E' una scelta per fare business, non di cuore. Già nella mia trasmissione l'abbiamo anticipato. Il mio pensiero va al pubblico, al tifoso del Napoli, che non dev'essere tradito. Bisogna vedere quali sono i contatti e come vogliono programmare questa festa. Sarò una bella manifestazione, ma non riesco a concepire questa storia. Pure il sindaco mi sembra 'prezzemolino ogni minestra', non lo capisco. Prima litiga col presidente e poi li vediamo abbracciati insieme in Tribuna. Anche questo fatto che vogliono dare la cittadinanza onoraria a Maradona mi sembra tutta una questione d'immagine e di colore politico. Il nostro colore è solo azzurro. Per ciò che riguarda la festa bisogna rispettare la gente, bisogna verificare il prezzo della partita come disse anche Volpecina in trasmissione. Insieme a lui anche gli altri calciatiori non parteciperanno alla festa dei trent'anni se il prezzo del biglietto non sarà simbolico. Noi non vogliamo più essere sfruttati. Si sta preparando una festa di una città ed i colori politici c'entrano e come. Dobbiamo festeggiare la città e i giocatori che erano in campo. Il San Paolo si dà a chi conviene, la festa non deve passare obbligatoriamente per il sindaco. Farò come ho detto, non fa niente se ho fatto parte della storia del tifo, ma non ci sarò se si tratterà di business e basta. Avevo proposto di organizzarla al bosco di Capodimonte o al Virgiliano e la maggior parte dei calciatori la pensano come me. Potrebbe essere anche inutile la mia proposta perchè quando si mettono d'accordo tra grandi (De Laurentiis, Maradona e De Magistris), ormai il quadro è fatto. Si devono ricordare di rispettare la gente perchè in caso contrario sarò pronto a fare la guerra. Amo Maradona, lo amerò per sempre, resta nei ricordi come calciatore, amico, fratello. Sono stati i testimoni di mia figlia, mi auguro che lui non tradisca la città. Visto che è guardato come il Papa, dovrebbe uscire in auto per Napoli per farsi applaudire insieme alla squadra se veramente vuol bene alla città. Deve ricordarsi che uno scudetto non si vince da solo, ma c'erano anche Bruscolotti, Giordano, Bagni, Carnevale, Muro, Caffarelli ed altri. La festa dovrebbe coinvolgere le due magiche Curve, i Distinti e la Tribuna. Quelli di ieri, oggi e di domani". 

Altre Notizie

I più letti

Classifica

  • #

    Squadra

    PT
    G
    V
    N
    P
  • JuventusCL

    91

    38
    29
    4
    5
  • RomaCL

    87

    38
    28
    3
    7
  • NapoliCL

    86

    38
    26
    8
    4
  • AtalantaEL

    72

    38
    21
    9
    8
  • LazioEL

    70

    38
    21
    7
    10
  • Milan

    63

    38
    18
    9
    11
  • Inter

    62

    38
    19
    5
    14
  • Fiorentina

    60

    38
    16
    12
    10
  • Torino

    53

    38
    13
    14
    11
  • 10º

    Sampdoria

    48

    38
    12
    12
    14
  • 11º

    Cagliari

    47

    38
    14
    5
    19
  • 12º

    Sassuolo

    46

    38
    13
    7
    18
  • 13º

    Udinese

    45

    38
    12
    9
    17
  • 14º

    Chievo

    43

    38
    12
    7
    19
  • 15º

    Bologna

    41

    38
    11
    8
    19
  • 16º

    Genoa

    36

    38
    9
    9
    20
  • 17º

    Crotone

    34

    38
    9
    7
    22
  • 18º

    EmpoliR

    32

    38
    8
    8
    22
  • 19º

    PalermoR

    26

    38
    6
    8
    24
  • 20º

    PescaraR

    18

    38
    3
    9
    26
Back To Top

Ti potrebbe interessare

Sportitalia - Trattativa per Mario Rui in chiusura, Reina è una priorità per Sarri. Due problemi bloccano la trattativa Rulli