Sconcerti: "Napoli e Inter, due squadre complementari: Sarri ha tre grosse eccezioni rispetto a Pioli"

Rassegna Stampa  

Mario Sconcerti scrive nel suo editoriale per il Corriere della Sera: Credo che Inter e Napoli siano adesso due squadre complementari. Il Napoli ha quasi tutto, ma le manca il centravanti dell’Inter. Il Napoli ha tutto il resto. Un gioco esatto, molte idee di spazio sul campo, una velocità di esecuzione diversa dall’Inter. Non è un problema di qualità di giocatori, l’Inter sotto quell’aspetto lascia poco al Napoli, Joao Mario è «normale» come Jorginho, Brozovic è forse superiore ad Allan (Kondogbia è però inferiore ad Hamsik, ormai uno dei giocatori più completi d’Europa). Il Napoli ha inoltre tre altre grosse eccezioni, salendo per ruolo sono Kulibaly, Ghoulam e Callejon. Ma nel complesso la differenza è che il Napoli si muove da squadra e l’Inter come somma di individui. Essere squadra è per il Napoli un principio ma soprattutto adesso una necessità. Non ha chi risolve da solo le partite. Qui si torna a Icardi. Avesse Icardi il Napoli sarebbe perfetto. Non ha vinto il campionato con i 36 gol di Higuain, probabilmente non lo farebbe nemmeno con i 25-30 di Icardi, ma avrebbe tutto, sarebbe competitivo fino in fondo, non farebbe accademia avanzata. Per contro, proviamo a immaginare l’Inter con Gabbiadini o Mertens centravanti. Perderebbe il quaranta per cento delle sue possibilità attuali, dovrebbe inventarsi un nuovo gioco e non le basterebbe. È raro che un solo giocatore sposti tanto nel calcio moderno, ma Icardi è uno di questi. Perché non gioca, segna, quindi permette alla squadra di prescinderlo per tutto il campo, di imparare a fare la partita senza di lui, portarsi avanti con le improvvisazioni organizzate e poi mettere l’attaccante in condizione di saper fare l’unica cosa che sa fare, decidere. L’Inter è faticosa nel far gioco, è nel complesso lenta. Questo porta Icardi a ricevere il pallone spesso coperto da un avversario. Se segna tanto è quasi esclusivamente merito suo. Icardi ha dei limiti, non è un leader, ma nemmeno Higuain lo è. Higuain è più rabbioso, meno acrobata, partecipa di più al gioco, ma come tutti i grandi attaccanti pensa soltanto a sé, non alla squadra. Icardi per di più è giovane, in lui prevale l’istinto o la forma. Quando da capitano parla con l’arbitro per difendere la sua squadra è timido, quasi comprensivo, non ha la cattiveria del vecchio giocatore che sa di dover «educatamente» intimidire l’arbitro. Ma Icardi era l’unico che potesse sostituire Higuain. Il Napoli ci ha anche provato, è andata come andata. Più soldi per tutti e la differenza è stata salvata.

Altre Notizie

I più letti

Classifica

  • #

    Squadra

    PT
    G
    V
    N
    P
  • JuventusCL

    36

    15
    12
    0
    3
  • RomaCL

    32

    15
    10
    2
    3
  • MilanCL

    32

    15
    10
    2
    3
  • NapoliEL

    28

    15
    8
    4
    3
  • LazioEL

    28

    15
    8
    4
    3
  • Atalanta

    28

    15
    9
    1
    5
  • Torino

    25

    15
    7
    4
    4
  • Fiorentina

    23

    14
    6
    5
    3
  • Sampdoria

    22

    15
    6
    4
    5
  • 10º

    Inter

    21

    15
    6
    3
    6
  • 11º

    Genoa

    20

    14
    5
    5
    4
  • 12º

    Cagliari

    20

    15
    6
    2
    7
  • 13º

    Chievo

    19

    15
    5
    4
    6
  • 14º

    Udinese

    18

    15
    5
    3
    7
  • 15º

    Sassuolo

    17

    15
    5
    2
    8
  • 16º

    Bologna

    16

    15
    4
    4
    7
  • 17º

    Empoli

    10

    15
    2
    4
    9
  • 18º

    PescaraR

    8

    15
    1
    5
    9
  • 19º

    CrotoneR

    6

    15
    1
    3
    11
  • 20º

    PalermoR

    6

    15
    1
    3
    11
Back To Top

Ti potrebbe interessare

Tutino: "A 10 anni facevo danza classica, poi... Vi racconto quando dribblai Behrami e lui mi falciò: Mazzarri sospese l'allenamento. Mi ha cercato anche la Juve, mai avuto dubbi!"