Cucci duro sul Roma: "Napoli giudicato un bidone, l'Inter aveva già vinto lo scudetto!"

Rassegna Stampa fonte : Italo Cucci per il Roma
Cucci duro sul Roma: Napoli giudicato un bidone, l'Inter aveva già vinto lo scudetto!

Italo Cucci ha commentato così la prima giornata di campionato nel suo editoriale sul Roma di oggi: 

L’Inter aveva già vinto - parola di Spalletti - lo scudetto d’estate. Come la Juve, non per parola di Allegri (che pensa solo alla Champions, e fa bene) ma del suo popolo “ronaldizzato”. Non come il Napoli - giudicato un bidone da molti suoi cosiddetti supporter forse già pentiti - rimodellato da Ancelotti . Inter ambiziosa - dicevo - ma Berardi, che continua a stare col Sassuolo come un innamorato (inspiegabilmente), ci ha messo il piede: un rigore, un gol.  Ok De Zerbi. Ko Spalletti. L’Inter faraonica sbigottita. Cinesi stupiti. Programma rinviato.


E voi, curiosi, volevate vedere Ronaldo a cent’ore da Ferragosto? L’avete visto: non all’inizio del film del quale è annunciato protagonista, ha fatto solo un provino. Poi, siccome anche i critici sono agostani, “ma che bravo...si vede che...oh com’è semplice...”. E non si capisce cosa s’aspettassero, chessò, esordio in abito di gala, contro il Chievo. Insomma, non alla Scala, all’Arena, dov’era già pronta la marcia trionfale verdiana ma Cristiano Radames non s’è presentato. Eppure - dicono - ha già vinto il campionato. E la Champions.


Lo spettacolo deve continuare - s’è detto l’altro giorno, quando il campionato ha scelto di continuare nonostante la strage di Genova - in realtà deve ancora cominciare, e non parlo del raffinato Sarri/spettacolo trasferito a Stamford Bridge ma semplicemente della partita di calcio con tutti i crismi. Mentre si è visto che siamo ancora indietro e tuttavia il Football Business deve andare avanti. È il “pacco” che conta, non quello che c’è dentro. Tutto in fretta, al punto che una tivù rimane indietro con le immagini,  e non di pochi secondi, fermo restando che Diletta con quella bocca può dire quel che vuole.
 

Non è un caso, si è detto, che il vero protagonista del Bentegodi sia stato Giaccherini, tempra di combattente sempre pronto alla battaglia; ma il superboy Insigne è quello che ha dato il tocco di qualità al vernissage del torneo, lui pure sempre prontissimo per impedire a novelli Ventura di lasciarlo in panchina; e con lui validissimo un altro azzurro, Federico Bernardeschi, due nomi beneauguranti per Mancini. È andata cosí, con le consuete esagerazioni stagionali e se mi dite che la Signora è la solita Juve di Allegri, naturalmente cinica e caparbia, tre punti da prendere come vengono, sono d’accordo, ma il Napoli-da-scudetto voglio vederlo e rivederlo perché quel pasticcio sul gol di Immobile pretende ancora tanto lavoro, e Ancelotti lo sa: e dire che il Napoli - oggi acclamato - era stato accompagnato all’esordio con previsioni funeree. Una vittoria e cambia tutto: buon segno, vuol dire che i napoletani, dopo tante platoniche gioie, cominciano a pensare che vincere è l’unica cosa che conta. La Roma, a dire il vero malvista la sua parte, lo sa già e pur essendo ancora in costruzione, è stata rallegrata dalla tenacia di Kluyvert e dal capolavoro di Dzeko a Torino, un gol bello come quello di Insigne.

Altre Notizie
I più letti
Classifica
  • #

    Squadra

    PT
    G
    V
    N
    P
  • logo JuventusJuventusCL

    34

    12
    11
    1
    0
  • logo NapoliNapoliCL

    28

    12
    9
    1
    2
  • logo InterInterCL

    25

    12
    8
    1
    3
  • logo LazioLazioCL

    22

    12
    7
    1
    4
  • logo MilanMilanEL

    21

    12
    6
    3
    3
  • logo RomaRomaEL

    19

    12
    5
    4
    3
  • logo SassuoloSassuolo

    19

    12
    5
    4
    3
  • logo AtalantaAtalanta

    18

    12
    5
    3
    4
  • logo FiorentinaFiorentina

    17

    12
    4
    5
    3
  • 10º

    logo TorinoTorino

    17

    12
    4
    5
    3
  • 11º

    logo ParmaParma

    17

    12
    5
    2
    5
  • 12º

    logo SampdoriaSampdoria

    15

    12
    4
    3
    5
  • 13º

    logo CagliariCagliari

    14

    12
    3
    5
    4
  • 14º

    logo GenoaGenoa

    14

    12
    4
    2
    6
  • 15º

    logo SpalSpal

    13

    12
    4
    1
    7
  • 16º

    logo BolognaBologna

    10

    12
    2
    4
    6
  • 17º

    logo UdineseUdinese

    9

    12
    2
    3
    7
  • 18º

    logo EmpoliEmpoliR

    9

    12
    2
    3
    7
  • 19º

    logo FrosinoneFrosinoneR

    7

    12
    1
    4
    7
  • 20º

    logo ChievoChievoR

    0

    12
    0
    3
    9
Dapa Trasporti
Antonio Barbato - Consulente del Lavoro
Back To Top
close icon

Ti potrebbe interessare

Montervino a CN24: "Solo un folle pagherebbe la clausola di Hysaj, i tifosi credono meno in De Laurentiis. Cori? Le cose stanno cambiando"