Il boss Misso e le bombe contro il Napoli di Ferlaino: "Così feci tornare Juliano, i calciatori scapparono in mutande"

Le Interviste  
Il boss Misso e le bombe contro il Napoli di Ferlaino: Così feci tornare Juliano, i calciatori scapparono in mutande

Il boss Misso racconta le bombe contro il Napoli di Ferlaino: così facemmo tornare Juliano

Ultime notizie Napoli - A 40 anni dalla strage del rapido 904 Napoli-Milano, Giuseppe Misso, 77enne collaboratore di giustizia, racconta la sua verità. Lo fa nel suo secondo libro (Quel rapido 904, Milieu Edizioni, p. 304, euro 17,90), con nomi e cognomi dei protagonisti di un racconto che abbraccia oltre 30 anni. Al centro, c'è la strage del 904, dai contorni ancora oscuri, compiuta con una bomba messa sul treno che provocò 16 vittime negli anni della strategia della tensione. Ma non solo.

L'edizione odierna de Il Mattino di Napoli scrive:

"Decine di rapine miliardarie, tra cui quella famosa che sottrasse anche il Pallone d'oro di Maradona. Il libro mette a confronto verità reale e verità costruita. «È una storia che sanguina e fa molto male a chi l'ha vissuta: familiari delle vittime e chi ne fu ingiustamente coinvolto». Verità incompleta, dopo 40 anni. Alla fine, il capo della «banda Misso» nel giorno dell'assoluzione fu anche colpito negli affetti. Di ritorno da Firenze, la sua compagna Assunta Sarno fu uccisa in un agguato di camorra con le persone in auto con lei. Tra loro, Nino Galeota, acceso tifoso del Napoli. Con Misso, fu protagonista della famosa stagione delle bombe contro Corrado Ferlaino e la società azzurra. Misso lo racconta in prima persona per la prima volta:

«Il Napoli perse contro la Juventus. Io e Nino volevamo il ritorno di Juliano per costruire una squadra competitiva. Nell'ottobre 1982, organizzammo una protesta feroce contro Ferlaino. Facemmo esplodere una bomba di notte sotto casa sua, simultaneamente un'altra allo stadio San Paolo. Una telefonata anonima al 113 avvisò che c'era un'altra bomba nel ritiro di Soccavo. I calciatori scapparono in mutande. Tutti i giorni un aereo sorvolava la città con lo striscione Ferlaino via /Juliano torna. Poi manifestini affissi per Napoli e lanciati dall'aereo con la scritta "Dimissioni subito". Ferlaino si dimise, Juliano tornò e nel 1984 acquistò Maradona con l'aiuto del nostro amico José Alberti».

Ferlaino con Maradona
CalcioNapoli24.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google, se vuoi essere sempre aggiornato sulle ultime notizie seguici su Google News
Ultimissime Notizie
I più letti
Classifica
  • #

    Squadra

    PT
    G
    V
    N
    P
  • logo InterInterCL

    0

    0
    0
    0
    0
  • logo MilanMilanCL

    0

    0
    0
    0
    0
  • logo JuventusJuventusCL

    0

    0
    0
    0
    0
  • logo AtalantaAtalantaCL

    0

    0
    0
    0
    0
  • logo BolognaBolognaEL

    0

    0
    0
    0
    0
  • logo RomaRomaECL

    0

    0
    0
    0
    0
  • logo LazioLazio

    0

    0
    0
    0
    0
  • logo FiorentinaFiorentina

    0

    0
    0
    0
    0
  • logo TorinoTorino

    0

    0
    0
    0
    0
  • 10º

    logo NapoliNapoli

    0

    0
    0
    0
    0
  • 11º

    logo GenoaGenoa

    0

    0
    0
    0
    0
  • 12º

    logo MonzaMonza

    0

    0
    0
    0
    0
  • 13º

    logo VeronaVerona

    0

    0
    0
    0
    0
  • 14º

    logo LecceLecce

    0

    0
    0
    0
    0
  • 15º

    logo UdineseUdinese

    0

    0
    0
    0
    0
  • 16º

    logo CagliariCagliari

    0

    0
    0
    0
    0
  • 17º

    logo EmpoliEmpoli

    0

    0
    0
    0
    0
  • 18º

    logo ComoComoR

    0

    0
    0
    0
    0
  • 19º

    logo VeneziaVeneziaR

    0

    0
    0
    0
    0
  • 20º

    logo ParmaParmaR

    0

    0
    0
    0
    0
Back To Top