Mazzarri, il Marco Antonio di Totò al balcone e la trappola dietro l'angolo

Primo Piano  
Mazzarri, il Marco Antonio di Totò al balcone e la trappola dietro l'angolo

Magicamente Mazzarri non è più bollito dopo Bergamo. La realtà è che si aspetta il primo errore per rinfacciargli di tutto.

Dove eravamo rimasti? Prendiamo in prestito questa frase di Enzo Tortora per analizzare il Mazzarri 2.0 sulla panchina del Napoli. Diciamo subito una cosa, probabilmente impopolare: basta con il voler per forza pretendere il gioco di Spalletti. Questa cosa può rappresentare alla lunga un limite per tutti, in primis per l'ambiente che sembra quasi rigettare vittorie 'sporche' come quelle di ieri a Bergamo. Walter non è un mago, ma in pochi giorni è riuscito a dare un'anima alla squadra spenta che aveva messo la famosa sveglia messa in modalità silenziosa. 

Paradossalmente era molto più difficile lavorare sulla testa dei calciatori che trovare soluzioni di gioco. Il Napoli ha una rosa ricca di talento che però aveva smarrito l'autostima più che i colpi di classe dei suoi migliori interpreti. Stamattina qualche quotidiano ha un po' storto il naso asserendo che la manovra degli azzurri non è ancora fluida e rischia di implodere contro avversari del calibro di Real Madrid, Juventus e Inter. Va detto che lo stesso Mazzarri, nella conferenza pre gara di Atalanta-Napoli, ha detto che avrebbe utilizzato il match del Gewiss Stadium per un primo feedback sul lavoro da fare.

Nessun allenatore avrebbe potuto fare meglio nella settimana delle nazionali. Chiaro, il successo di Bergamo non deve assolutamente autorizzare a voli pindarici. La sensazione è che qualsiasi cosa faccia Mazzarri strappi applausi perché non c'è più Garcia. Per certi versi, lo diciamo con ironia, sembra di rivedere Totò nelle vesti di Marco Antonio quando dal balcone manda in tripudio la folla con parole un discorso praticamente no sense.

Mazzarri è fin troppo esperto per cascare in una delle più classiche trappole mediatiche. Ora lo si incensa, gli si dice che non è più bollito salvo poi alla prima batosta rinfacciargli tutto. Il cammino non è semplice, ma già aver visto cazzimma e unità d'intenti è tanto. Lasciamo lavorare Mazzarri e non pretendiamo la solita menata sul gioco spallettiano. I paragoni con il passato, seppur tricolore, non aiutano. C'è un presente da affrontare e soprattutto un futuro tutto da scrivere.

RIPRODUZIONE RISERVATA

CalcioNapoli24.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google, se vuoi essere sempre aggiornato sulle ultime notizie seguici su Google News
Ultimissime Notizie
I più letti
  • #1

  • #2

  • #3

  • #4

  • #5

Classifica
  • #

    Squadra

    PT
    G
    V
    N
    P
  • logo InterInterCL

    83

    32
    26
    5
    1
  • logo MilanMilanCL

    69

    32
    21
    6
    5
  • logo JuventusJuventusCL

    63

    32
    18
    9
    5
  • logo BolognaBolognaCL

    59

    32
    16
    11
    5
  • logo RomaRomaEL

    55

    31
    16
    7
    8
  • logo AtalantaAtalantaECL

    51

    31
    15
    6
    10
  • logo LazioLazio

    49

    32
    15
    4
    13
  • logo NapoliNapoli

    49

    32
    13
    10
    9
  • logo TorinoTorino

    45

    32
    11
    12
    9
  • 10º

    logo FiorentinaFiorentina

    44

    31
    12
    8
    11
  • 11º

    logo MonzaMonza

    43

    32
    11
    10
    11
  • 12º

    logo GenoaGenoa

    39

    32
    9
    12
    11
  • 13º

    logo LecceLecce

    32

    32
    7
    11
    14
  • 14º

    logo CagliariCagliari

    31

    32
    7
    10
    15
  • 15º

    logo UdineseUdinese

    28

    31
    4
    16
    11
  • 16º

    logo EmpoliEmpoli

    28

    32
    7
    7
    18
  • 17º

    logo VeronaVerona

    28

    32
    6
    10
    16
  • 18º

    logo FrosinoneFrosinoneR

    27

    32
    6
    9
    17
  • 19º

    logo SassuoloSassuoloR

    26

    32
    6
    8
    18
  • 20º

    logo SalernitanaSalernitanaR

    15

    32
    2
    9
    21
Back To Top