Agostini: "Questo Napoli ha un gioco superiore a quello di Maradona: vi spiego la differenza"

Le Interviste  
Le sue parole sul NapoliLe sue parole sul Napoli

Massimo Agostini ha parlato durante Si Gonfia la Rete su Radio Crc: “Ad ottobre il Napoli prese Romano, esordì all'Olimpico, io entrai nel secondo tempo. Vinsero 1-0 con un assist proprio di Romano. Da lì partirono le vittorie e vinsero lo scudetto. L'importanza di questa gara è elevata. E' uno scontro diretto, come anche quello di Torino tra Juve e Lazio. Il Napoli ha l'occasione di allungare, un incrocio importante anche se siamo alla settima giornata. Una squadra bella da vedere, una squadra importante per tutto il calcio italiano. Il Napoli di oggi ha un gioco superiore a quello di Maradona che si basava su tre talenti come maradona, Giordano e Careca. Oggi ci sono 13-14 calciatori che sono intercambiabili. C'è la mano di Sarri su tutto il gruppo".

Altre Notizie
I più letti
Classifica
  • #

    Squadra

    PT
    G
    V
    N
    P
  • NapoliCL

    24

    8
    8
    0
    0
  • InterCL

    22

    8
    7
    1
    0
  • JuventusCL

    19

    8
    6
    1
    1
  • LazioCL

    19

    8
    6
    1
    1
  • RomaEL

    15

    7
    5
    0
    2
  • SampdoriaEL

    14

    7
    4
    2
    1
  • Bologna

    14

    8
    4
    2
    2
  • Torino

    13

    8
    3
    4
    1
  • Chievo

    12

    8
    3
    3
    2
  • 10º

    Milan

    12

    8
    4
    0
    4
  • 11º

    Fiorentina

    10

    8
    3
    1
    4
  • 12º

    Atalanta

    9

    8
    2
    3
    3
  • 13º

    Udinese

    6

    8
    2
    0
    6
  • 14º

    Cagliari

    6

    8
    2
    0
    6
  • 15º

    Crotone

    6

    8
    1
    3
    4
  • 16º

    Verona

    6

    8
    1
    3
    4
  • 17º

    Genoa

    5

    8
    1
    2
    5
  • 18º

    SpalR

    5

    8
    1
    2
    5
  • 19º

    SassuoloR

    5

    8
    1
    2
    5
  • 20º

    BeneventoR

    0

    8
    0
    0
    8
Back To Top

Ti potrebbe interessare

Pedullà duro sul Milan: "Certe cose non si vedono neanche in serie C. Mertens invece..."