Lo aspettava da una vita...

Primo Piano  
Lo aspettava da una vita...

Il messia di Aurelio De Laurentiis, l'uomo che il presidente aspettava da una vita intera. Perché Carlo Ancelotti è

Il messia di Aurelio De Laurentiis, l'uomo che aspettava da una vita intera. Perché Carlo Ancelotti è il profeta perfetto, il profilo giusto per coniugare le due grandi politiche aziendali: la valorizzazione dei giovani talenti per future plusvalenze da una parte, l'escalation in Champions League per usufruire degli introiti necessari per la crescita esponenziale del club dall'altra.

Sei mesi dopo, tutto assolutamente perfetto e confermato. Certo, martedì a Liverpool ci sarebbe un crocevia fondamentale per il prosieguo della stagione e per il giudizio finale. Ma senza falsa modestia, è giusto e doveroso sottolineare che è già un traguardo straordinario essere giunti fin qui. Arrivare infatti all'ultimissima giornata da capolista e da padroni del proprio destino, ai danni di PSG e Liverpool, è qualcosa di eccezionale. Impensabile in piena estate, quando l'urna di Nyon diede una batosta tremenda per l'entusiasmo partenopeo, e ancor più assurdo immaginarlo dopo il deludente 0-0 di Belgrado. Invece è tutto vero: contro una stropotenza costruita per dominare in Europa e contro i vice campioni dell'ultima edizione, il Napoli è a un passo da un colpaccio strepitoso.

In parallelo, procede in modo splendido anche la turnazione e la rivalutazione della rosa. Ieri in campo tre novità assolute: Alex Meret, Sebastiano Luperto e Faouzi Ghoulam. Tutti insieme dal primo minuto. Facile contro il Frosinone, verrebbe da dire. Ma di certo non scontato. Non lo è soprattutto dopo la clamorosa debacle contro un altrettanto modestissimo Chievo (che intanto ha ritrovato la sua anima), non lo è dopo tre anni in cui la piazza è stata abituata a ben altro. Un anno fa, per esempio, contro un Benevento già vittima sacrificale comunque scendevano in campo i cosidetti titolarissimi. Non è un modo per alimentare l'ennesimo stucchevole, stanchevole e insensato paragone, ma per sottolinearne un dato di fatto e una solida realtà. Molti allenatori, recidivi di un tale passo falso, avrebbero agito in tutt'altro modo. Almeno non schierando contemporaneamente due lungodegenti e un giovanissimo, preferendo piuttosto un pur acciaccato sostituto per sentirsi sicuri. Invece il mister emiliano va per tutt'altra direzione, confermando un concetto già notoriamente noto: ha gli attributi. Perché in certe situazioni, e soprattutto dopo gli spettri dei clivensi, servono anche in casi simili. 

Così, con il girone d'andata ancora da concludere, ecco che l'intera rosa è già schierata. All'appello mancherebbe solo lo sfortunato Vlad Chiriches, il cuo impiego sarebbe stato scontato senza il grave infortunio. Del resto, già dopo 6 giornate di campionato si contavano già 20 giocatori utilizzati. E tutto per merito e fiducia, non per pressione aziendale o piaggeria. Lo si è visto con la gestione dei portieri, con un Orestis Karnezis più volte inserito anche al posto di David Ospina sano e arruolabile. Ma le dimostrazioni sono giunte a tutto campo: in difesa, per esempio con Luperto trattenuto in estate e schierato anche titolare a Torino contro i granata. Oppure Nikola Maksimovic, recude dall'esilio forzato in Russia e punto di riferimento in Europa. In attacco l'emblema è Adam Ounas: relegato a salvare la Primavera azzurra all'ultimissima giornata nella precedente stagione, un mese fa lo si è visto subentrare al Parco dei Principi nella gara più importante del momento. 

Giocatori rivitalizzati, altri valorizzati e caricati. A oggi, anche il terzo portiere sarebbe facilmente rivendibile per la SSC Napoli. Un capolavoro aziendale, con risultati in campo e sui conti correnti della società. Se poi ci si mette la risonanza internazionale che il tecnico offre al brand a ogni spostamento e l'abitudine a vincere, il quadro è praticamente perfetto. Senza tralasciare ovviamente l'empatia creatasi anche con un'intera città: le visite nei luoghi turistici, la voglia di vivere la gente di un luogo meraviglioso, la serenità trasmessa all'ambiente adesso più fiducioso e meno delirante. Carletto ha creato un'oasi perfetta al momento, con dei lunghi campi elisi da percorrere per il futuro. L'unica amarezza è di ritrovarsi nell'epoca della Juventus probabilmente più forte di sempre, ma si proverà comunque a fare il possibile. "Lo voglio qui per altri sei anni", ha detto a più riprese il numero uno azzurro. Parole già pronunciate per piani naufragati con Rafa Benitez e Maurizio Sarri, quindi toccherà a lui non ripetere gli errori del passato. Prometeo è sceso dall'Olimpo del calcio e ha offerto il fuoco a un ambiente che arde dal desiderio di vincere, ora bisogna solo metterlo nelle migliori condizioni possibili.

di Pasquale Edivaldo Cacciola - @PE_Bahia

©RIPRODUZIONE RISERVATA

VIDEO ALLEGATI
Ultimissime Notizie
I più letti
Classifica
  • #

    Squadra

    PT
    G
    V
    N
    P
  • logo JuventusJuventusCL

    90

    38
    28
    6
    4
  • logo NapoliNapoliCL

    79

    38
    24
    7
    7
  • logo AtalantaAtalantaCL

    69

    38
    20
    9
    9
  • logo InterInterCL

    69

    38
    20
    9
    9
  • logo MilanMilanEL

    68

    38
    19
    11
    8
  • logo RomaRomaEL

    66

    38
    18
    12
    8
  • logo TorinoTorino

    63

    38
    16
    15
    7
  • logo LazioLazio

    59

    38
    17
    8
    13
  • logo SampdoriaSampdoria

    53

    38
    15
    8
    15
  • 10º

    logo BolognaBologna

    44

    38
    11
    11
    16
  • 11º

    logo SassuoloSassuolo

    43

    38
    9
    16
    13
  • 12º

    logo UdineseUdinese

    43

    38
    11
    10
    17
  • 13º

    logo SpalSpal

    42

    38
    11
    9
    18
  • 14º

    logo ParmaParma

    41

    38
    10
    11
    17
  • 15º

    logo CagliariCagliari

    41

    38
    10
    11
    17
  • 16º

    logo FiorentinaFiorentina

    41

    38
    8
    17
    13
  • 17º

    logo GenoaGenoa

    38

    38
    8
    14
    16
  • 18º

    logo EmpoliEmpoliR

    38

    38
    10
    8
    20
  • 19º

    logo FrosinoneFrosinoneR

    25

    38
    5
    10
    23
  • 20º

    logo ChievoChievoR

    17

    38
    2
    14
    22
Dapa Trasporti
Futura Soccer
Antonio Barbato - Consulente del Lavoro
Real Casarea
M.A.R.A.T. Football management
Back To Top
close icon

Ti potrebbe interessare

Addio Albiol, Il Mattino - La moglie decisiva per accettare l'offerta del Villarreal