Jacobelli: "Quella del Napoli non è una crisi, ma le prossime tre gare diranno tanto"

Le Interviste  
Jacobelli: Quella del Napoli non è una crisi, ma le prossime tre gare diranno tanto

Jacobelli parla del Napoli

Napoli Calcio - “Nel Derby di Coppa Italia si sono sfidate le prime due della classe. Oltre all’episodio tra Lukaku ed Ibrahimovic, è stata una bella gara, molto sentita da entrambe le squadre - queste le parole di Xavier Jacobelli, giornalista e direttore di Tuttosport, ai microfoni de “Il Sogno Nel Cuore”, trasmissione condotta da Luca Cerchione e Raffaella Iuliano in onda dal lunedì al venerdì dalle 12:00 alle 13:00 su 1 Station Radio -. La vittoria dell’Inter ha fatto bene a tutto il gruppo nerazzurro. Sulle parole dette dallo svedese nei confronti di Lukaku l’arbitro sarebbe dovuto intervenire ed espellerli entrambi. È vero che i loro rapporti non sono ottimi dai tempi di Manchester, ma non si possono tollerare insulti razzisti come quelli pronunciati da Zlatan. I due sono grandissimi calciatori e non dovevano avere un comportamento del genere.

Gattuso? Io mi auguro che Rino possa continuare a fare bene a Napoli come ha sempre fatto da quando è arrivato. Non stiamo parlando di una squadra in crisi, gli azzurri hanno 34 punti con una partita da recuperare e, qualora dovesse vincerla, si ritroverebbe a 37 punti, ovvero terzi. La squadra è anche qualificata ai sedicesimi di Europa League e deve giocare un quarto di finale di Coppa Italia. A me risulta che De Laurentiis si sia arrabbiato molto per la sconfitta di Verona. Ora ci sono tre partite in sequenza rapida, tra coppa e campionato, che potranno decidere molto del futuro degli azzurri. Lo Spezia avrà defezioni importanti dovute ad infortuni, ma sono dotati di un solido impianto di gioco. È una squadra che non ha timori reverenziali nei confronti di nessuno, lo dimostra sia il campionato che l’eliminazione della Roma in Coppa Italia. La presenza di De Laurentiis allo Stadio Maradona, domani sera, sarà sicuramente molto importante: attesterà, ancora una volta, la vicinanza e l’interesse nei confronti della squadra. Sicuramente in questo periodo di silenzio ci saranno stati dei colloqui tra il presidente ed il mister.

Calciomercato Napoli? Io non credo che ci saranno altre uscite dopo Llorente, Milik e Malcuit. Lobotka interessa molto al Torino, perché è un centrocampista con delle qualità che manca alla squadra di Cairo. Vedremo nelle ultime ore di mercato, perché soprattutto le società che si battono per la salvezza, in extremis, cercano sempre di ingaggiare rinforzi. Una regola non scritta del calciomercato è che tutto possa accadere, anche in negli ultimi minuti. Purtroppo, soprattutto causa Covid, non credo ci saranno molte operazioni in questa finestra di mercato. Questa stagione è anomala proprio a causa della pandemia. Il deficit del Barcellona, ad esempio, che supera il miliardo, è spaventoso. Questo non è un mercato destinato a registrare affari clamorosi.

Dobbiamo dimenticarci le cifre astronomiche come quelle di Neymar e Bale, perché c’è una totale assenza di liquidità. La riapertura degli stadi, che ancora oggi non si sa quando avverrà, aiuterà sicuramente i club, ma la maggior parte dei fondi arriveranno dai diritti televisivi, soprattutto con l’ingresso sul mercato di colossi come Amazon. La pandemia ha causato danni per circa 800 milioni di euro alle squadre di Serie A, secondo quanto dichiarato dal presidente della Lega Serie A. Questo periodo ha costretto il sistema calcio a fare i conti con la realtà economica. Il calcio non poteva andare avanti con le spese pazze: i calciatori devono essere pagati per il reale valore che aggiungono alla squadra che li acquista. Giuntoli resta al Napoli? Mi auguro di si: per me è uno dei migliori operatori di mercato. Da quando è a Napoli ha dimostrato in pieno il suo valore”.

Ultimissime Notizie
I più letti
Classifica
  • #

    Squadra

    PT
    G
    V
    N
    P
  • logo InterInterCL

    62

    26
    19
    5
    2
  • logo MilanMilanCL

    56

    26
    17
    5
    4
  • logo JuventusJuventusCL

    52

    25
    15
    7
    3
  • logo RomaRomaCL

    50

    26
    15
    5
    6
  • logo AtalantaAtalantaEL

    49

    26
    14
    7
    5
  • logo NapoliNapoliEL

    47

    25
    15
    2
    8
  • logo LazioLazio

    43

    25
    13
    4
    8
  • logo VeronaVerona

    38

    26
    10
    8
    8
  • logo SassuoloSassuolo

    36

    25
    9
    9
    7
  • 10º

    logo UdineseUdinese

    32

    26
    8
    8
    10
  • 11º

    logo SampdoriaSampdoria

    32

    26
    9
    5
    12
  • 12º

    logo BolognaBologna

    28

    26
    7
    7
    12
  • 13º

    logo GenoaGenoa

    27

    26
    6
    9
    11
  • 14º

    logo FiorentinaFiorentina

    26

    26
    6
    8
    12
  • 15º

    logo SpeziaSpezia

    26

    26
    6
    8
    12
  • 16º

    logo BeneventoBenevento

    26

    26
    6
    8
    12
  • 17º

    logo CagliariCagliari

    22

    26
    5
    7
    14
  • 18º

    logo TorinoTorinoR

    20

    24
    3
    11
    10
  • 19º

    logo ParmaParmaR

    16

    26
    2
    10
    14
  • 20º

    logo CrotoneCrotoneR

    15

    26
    4
    3
    19
Back To Top