In campo non ci vanno le radio ed i siti internet

Editoriale  
In campo non ci vanno le radio ed i siti internet

L'allenatore del Napoli parla di radio e siti dopo la vittoria nel finale contro l'Udinese

Napoli calcio - Chi vince esulta, chi perde spiega. Di norma va così, e a questo detto possiamo aggiungere che, certe volte, chi vince comunque alcune cose le spiega. Ad esempio Gennaro Gattuso, limitandoci alle 251 panchine in carriera, ha sicuramente più esperienza di noi nel mondo calcistico, e tatticamente certo sa qualcosa in più.

Il mister del Napoli saprà benissimo che in campo non ci vanno le radio ed i siti che trattano la sua squadra quotidianamente, fornendo spunti ed analizzando le cose che vanno e che non vanno, sempre con animo costruttivo e - dopotutto - con la possibilità sacrosanta di esercitare un diritto di critica che può far piacere e non. I signorsì, in fondo, servirebbero solo ad alzare il tappeto per nasconderci sotto delle problematiche comunque esistenti.

“Oggi i giovani devono imparare a smanettare meno, si sta troppo sul telefonino e si leggono troppo cose. E' difficile giocare in una piazza come Napoli o Roma, ci sono tante radio e tanti siti. Se le energie le buttiamo solo sul campo, senza pensare alle stronzate che dicono in giro, qualcosa possiamo ancora migliorarlo”

Premesso che Internet è ovunque, non solo a Napoli o a Roma, se le opinioni di siti e trasmissioni radio - per non parlare delle televisioni, ce ne sono molte - influiscono negativamente sui calciatori, magari eufemisticamente la soluzione può essere quella di togliergli il cellulare. Oppure di agire in prima persona, risolvendo i problemi di una squadra che, senza il colpo di testa di Bakayoko, sarebbe stata giustamente travolta dalle critiche. E che a Udine, al netto della vittoria, ha messo in mostra una prestazione negativa che non fa rispecchia il talento dei giocatori.

Il Gennaro Gattuso allenatore, dopotutto, sa benissimo - lui per primo - che in campo, e né tantomeno in panchina, non ci vanno i siti e le radio. Se ci sono dei problemi, tocca a lui risolverli: la stampa attende con le sue opinioni, condivisibili o meno. Non vogliamo certo pensare che la mente dei calciatori, ragazzi e nostri coetanei, sì, ma pur sempre professionisti che vanno rispettati, possa essere influenzata da un voto o da un aggettivo - si potrebbero spiegare così le parole nel post-partita, come una strategia volta a preservarli. Farebbe un po' sorridere, a dirla tutta. Anzi, mica tanto.

Ultimissime Notizie
I più letti
Classifica
  • #

    Squadra

    PT
    G
    V
    N
    P
  • logo MilanMilanCL

    43

    18
    13
    4
    1
  • logo InterInterCL

    40

    18
    12
    4
    2
  • logo RomaRomaCL

    37

    19
    11
    4
    4
  • logo NapoliNapoliCL

    34

    17
    11
    1
    5
  • logo JuventusJuventusEL

    33

    17
    9
    6
    2
  • logo AtalantaAtalantaEL

    33

    18
    9
    6
    3
  • logo LazioLazio

    31

    18
    9
    4
    5
  • logo SassuoloSassuolo

    30

    18
    8
    6
    4
  • logo VeronaVerona

    27

    18
    7
    6
    5
  • 10º

    logo SampdoriaSampdoria

    23

    18
    7
    2
    9
  • 11º

    logo BeneventoBenevento

    22

    19
    6
    4
    9
  • 12º

    logo BolognaBologna

    20

    18
    5
    5
    8
  • 13º

    logo FiorentinaFiorentina

    18

    18
    4
    6
    8
  • 14º

    logo SpeziaSpezia

    18

    19
    4
    6
    9
  • 15º

    logo UdineseUdinese

    17

    18
    4
    5
    9
  • 16º

    logo GenoaGenoa

    15

    18
    3
    6
    9
  • 17º

    logo CagliariCagliari

    14

    18
    3
    5
    10
  • 18º

    logo TorinoTorinoR

    14

    19
    2
    8
    9
  • 19º

    logo ParmaParmaR

    13

    18
    2
    7
    9
  • 20º

    logo CrotoneCrotoneR

    12

    18
    3
    3
    12
Back To Top