Sarri in conferenza: "Miglior prestazione stagionale, buttati due punti. Difensori? Nel 1°tempo avrei potuto giocare anch'io. Turnover masturbazione mentale italiana. Su Mertens..." [VIDEO]

Le Interviste  
La conferenza stampa di Maurizio Sarri dopo Napoli-InterLa conferenza stampa di Maurizio Sarri dopo Napoli-Inter

Gentili lettrici e lettori, vi proponiamo di seguito la diretta testuale della conferenza stampa tenuta da Maurizio Sarri dopo la sfida del San Paolo tra il Napoli e l'Inter.

Ulteriore prova di forza?
"Perderla sarebbe stata una beffa (ride, dnr). Avere il 75% del predominio territoriale ed aver concesso solo due ripartenze vuol dire che abbiamo fatto una prova di maturità, è forse la nostra miglior prestazione. Abbiamo trovato un portiere straordinario e ci abbiamo messo del nostro sbagliando qualcosa in area. C'è la sensazione di aver lasciato due punti sul campo ma c'è da star sereni, siamo una squadra in salute fisica e mentale".

Difesa?
"Sta crescendo ma nel primo tempo potevo giocare anche io, i centrocampisti hanno fatto una pressione impressionante sulle palle vaganti. Ai calciatori offensivi arrivavano pochisismi palloni. Per questo abbiamo cambiato i due interni, dovevamo dare quella pressione".

Numeri della squadra e condizione?
"Non ho quelli di stasera ma quelli di Manchester sono straordinari ed anche i numeri della Lega siamo primi in 6 classifiche su 7. Stiamo bene, la nostra condizione psicofisica è abbastanza buona ma è troppo presto".

"Ci possiamo tranquillamente nascondere, non è scritto da nessuna parte che dobbiamo esser protagonisti in questo campionato se non nella logica di guardare una partita e di notare che siamo forti. La partita ti lascia la sensazione di aver perso due punti ma di avere una squadra forte con un pizzico di mentalità in più. Nel primo tempo ho visto un'intensità mostruosa, magari Lorenzo non era al top perché è stato fermo qualche giorno per un problema fisico. E' ovvio che, essendo Insigne uno che fa la differenza si può generalizzare".

Mertens un po' in calo?
"Sì, ma non ritengo ottobre un mese dove si può iniziare a calare. Ha fatto due mesi da fenomeno ed ora ha un leggero calo di rendimento fisiologico. Il massimo della condizione non può durare più di 21 giorni, il problema può verificarsi quando Dries avrà accumulato 40 partite e dovrà continuare a giocare ogni 3 giorni".

Turnover col Genoa?
"Il turnover se vinci sei un fenomeno e se perdi sei scarso. Penso che abbiamo dei validi cambi ma ritengo anche che per metterli nelle condizioni di far bene vadano inseriti un paio per volta esponendoli a critiche ingiuste. Per vedere il loro reale valore debbano farsi un paio di cambi a volta. Ma è una masturbazione mentale tutta italiana, il City è all'ottava partita con gli stessi 11".

CLICCA SU PLAY PER GUARDARE IL VIDEO

VIDEO ALLEGATI
Altre Notizie
I più letti
Classifica
  • #

    Squadra

    PT
    G
    V
    N
    P
  • NapoliCL

    51

    20
    16
    3
    1
  • JuventusCL

    50

    20
    16
    2
    2
  • InterCL

    42

    20
    12
    6
    2
  • LazioCL

    40

    19
    12
    4
    3
  • RomaEL

    39

    19
    12
    3
    4
  • SampdoriaEL

    30

    19
    9
    3
    7
  • Atalanta

    30

    20
    8
    6
    6
  • Fiorentina

    28

    20
    7
    7
    6
  • Udinese

    28

    19
    9
    1
    9
  • 10º

    Torino

    28

    20
    6
    10
    4
  • 11º

    Milan

    28

    20
    8
    4
    8
  • 12º

    Bologna

    24

    20
    7
    3
    10
  • 13º

    Chievo

    22

    20
    5
    7
    8
  • 14º

    Genoa

    21

    20
    5
    6
    9
  • 15º

    Sassuolo

    21

    20
    6
    3
    11
  • 16º

    Cagliari

    20

    20
    6
    2
    12
  • 17º

    Spal

    15

    20
    3
    6
    11
  • 18º

    CrotoneR

    15

    20
    4
    3
    13
  • 19º

    VeronaR

    13

    20
    3
    4
    13
  • 20º

    BeneventoR

    7

    20
    2
    1
    17
Dapa Trasporti
Back To Top

Ti potrebbe interessare

Sassuolo, il Ds Angelozzi categorico su Politano: "A gennaio non si muove nessuno, non è una questione di offerte. Punto!"