"Koulibaly", da Napoli arriva il brano rap antirazzista: "Noi napoletani siamo fischiati e vittime di razzismo" [VIDEO]

Sport e Spettacolo  
Koulibaly, da Napoli arriva il brano rap antirazzista: Noi napoletani siamo fischiati e vittime di razzismo [VIDEO]

Koulibaly, da Napoli arriva il brano rap antirazzista. Una canzone nata dopo quell'Inter-Napoli della vergogna. Era il 26 dicembre del 2018 e durante quell’incontro i tifosi nerazzurri presero di mira il difensore del Napoli, Kalidou Koulibaly, colpendolo a suon di cori e "buu" razzisti dall’inizio della gara fino all'81', quando Mazzoleni gli mostrò il rosso. Un episodio che vide tutti schierarsi dal lato del difensore azzurro e del Napoli stesso, continuamente bersagliato da cori e insulti in tutti gli stadi d'Italia. Lo stesso allenatore dei partenopei, Carlo Ancelotti, chiese l’interruzione della partita nel corso della stessa e successivamente in conferenza annunciò che se si fosse ripresentata una situazione simile in futuro, avrebbe chiesto ai suoi uomini in campo di fermarsi.

Napoli, arriva il brano "Koulibaly": rap antirazzista

Quanto accaduto al numero 26 azzurro ha ispirato il giovane rapper, Joe Sannino, che da qualche giorno ha lanciato sul web il brano “Koulibaly”, rap antirazzista che sta riscuotendo un ottimo consenso tra il pubblico.

Joe Sannino, 23enne, ha parlato a Il Mattino:

"L'idea del brano è nata dopo aver assistito all’incredibile trattamento che ha dovuto subire Koulibaly a San Siro In quei momenti ho pensato che pure noi napoletani, anche se in modo diverso, siamo stati sempre discriminati. Perciò metaforicamente ci siamo sentiti tutti come Kalidou".

Un brano che poi è diventato un videoclip girato non a caso tra il rione Caravita di Cercola, paese in provincia di Napoli dove vive Sannino, e il quartiere di Ponticelli:

"Noi giovani napoletani della periferia ci siamo, ma siamo dimenticati dallo Stato – spiega ancora il rapper –. Abbiamo bisogno di opportunità, e la musica e il calcio, così come altre passioni, possono aiutarci. Noi napoletani siamo un po’ come i Koulibaly d'Italia: fischiati e vittime di razzismo. E per dimostrare quanto valiamo dobbiamo sempre cacciare fuori gli attributi e fare il doppio dello sforzo".

Per ora Joe Sannino il suo valore ha deciso di farlo emergere, impegnandosi nella musica: «Il mio obiettivo a lungo termine è far in modo che le mie canzoni possano veicolare messaggi sociali importanti, come è stato per questo pezzo dedicato a Koulibaly ma anche ai ragazzi della nostra periferia».

VIDEO ALLEGATI
Ultimissime Notizie
I più letti
Classifica
  • #

    Squadra

    PT
    G
    V
    N
    P
  • logo JuventusJuventusCL

    0

    0
    0
    0
    0
  • logo NapoliNapoliCL

    0

    0
    0
    0
    0
  • logo AtalantaAtalantaCL

    0

    0
    0
    0
    0
  • logo InterInterCL

    0

    0
    0
    0
    0
  • logo MilanMilanEL

    0

    0
    0
    0
    0
  • logo RomaRomaEL

    0

    0
    0
    0
    0
  • logo TorinoTorino

    0

    0
    0
    0
    0
  • logo LazioLazio

    0

    0
    0
    0
    0
  • logo SampdoriaSampdoria

    0

    0
    0
    0
    0
  • 10º

    logo BolognaBologna

    0

    0
    0
    0
    0
  • 11º

    logo SassuoloSassuolo

    0

    0
    0
    0
    0
  • 12º

    logo UdineseUdinese

    0

    0
    0
    0
    0
  • 13º

    logo SpalSpal

    0

    0
    0
    0
    0
  • 14º

    logo ParmaParma

    0

    0
    0
    0
    0
  • 15º

    logo CagliariCagliari

    0

    0
    0
    0
    0
  • 16º

    logo FiorentinaFiorentina

    0

    0
    0
    0
    0
  • 17º

    logo GenoaGenoa

    0

    0
    0
    0
    0
  • 18º

    logo LecceLecceR

    0

    0
    0
    0
    0
  • 19º

    logo H.VeronaH.VeronaR

    0

    0
    0
    0
    0
  • 20º

    logo BresciaBresciaR

    0

    0
    0
    0
    0
Dapa Trasporti
Futura Soccer
Antonio Barbato - Consulente del Lavoro
Real Casarea
M.A.R.A.T. Football management
Back To Top
close icon

Ti potrebbe interessare

Scambio Milik-Icardi, Repubblica: c'è il gradimento di Conte: la situazione