Luciano Spalletti

Napoli  
spallettispalletti

Luciano Spalletti Napoli: biografia, contratto e modulo. Le curiosità sulla carriera del nuovo allenatore della SSC Napoli Luciano Spalletti e sul caso Totti

Luciano Spalletti è un allenatore della SSC Napoli, si attende solo l'annuncio ufficiale del presidente Aurelio De Laurentiis.

Spalletti, la biografia

Luciano Spalletti è un allenatore di calcio italiano nato a Certaldo in Toscana il 7 marzo 1959 ed ex calciatore di ruolo centrocampista. Da allenatore, Spalletti, ha conquistato 2 Coppe Italia, 1 Supercoppa italiana, 2 campionati russi, 1 Coppa e 1 Supercoppa di Russia. In Italia, individualmente, ha vinto anche una Panchina d'oro (2005) ed è stato nominato per due volte migliore allenatore AIC (2006 e 2007).

Spalletti, carriera da calciatore

Debutta nella stagione 1984-1985 con il Castelfiorentino come centrocampista, per poi trasferirsi in pochi anni all'Entella Bacezza e a Chiavari, dove, sotto la guida di Ventura, raggiunge il 5º posto nel campionato di Serie C2. Arriva poi lo Spezia neopromosso in C1: nella stagione 1986-1987 contribuisce al raggiungimento della salvezza, mentre in quella 1987-1988 e 1988-1989 arrivano rispettivamente un 7º e un 3º posto. Si trasferisce e chiude la carriera all'Empoli.

Spalletti allenatore, moduli e curiosità

Predilige il modulo tattico 4-3-3 o 4-2-3-1.

La carriera da allenatore

Inizia la carriera come allenatore nelle giovanili dell'Empoli nel 1993-1994. A stagione avanzata, a 6 giornate dalla fine, subentra ad Adriano Lombardi come tecnico della prima squadra, che annaspa in zona retrocessione in Serie C1. Gli azzurri terminano al penultimo posto, salvandosi ai play-out dove superano l'Alessandria.

Nella stagione successiva Spalletti ricomincia dalla squadra giovanile empolese, tornando poi l'allenatore della prima squadra nella Serie C1 1995-1996. Fu una stagione ricca di successi, con l'Empoli che vinse Coppa Italia di Serie C battendo in finale il Monza, e ottenne la promozione in Serie B grazie alla vittoria in finale play-off col Como giocata a Modena.

Nella stagione 1996-97 gli azzurri di Spalletti, neopromossi in cadetteria, conquistarono l'immediato salto in Serie A, a un decennio dalla precedente esperienza empolese in massima categoria. Confermato sulla panchina dei toscani, al suo debutto in Serie A nel campionato 1997-98 il tecnico guidò la squadra alla salvezza, ottenuta con una giornata di anticipo.

SAMPDORIA E VENEZIA

Dopo aver condotto i toscani alla permanenza in massima serie, fu chiamato alla guida della Sampdoria. Esonerato a dicembre, venne richiamato neanche due mesi più tardi in seguito alle dimissioni di Platt. Nelle restanti 15 giornate di campionato ottenne 21 punti, ma i genovesi non riuscirono ad evitare la retrocessione.

Per la stagione seguente si accordò con il Venezia, ottenendo soltanto una vittoria nei primi due mesi del torneo. La negativa partenza ne causò il sollevamento dall'incarico, ma anche questa volta risultò temporaneo. L'esonero definitivo giunse però nel febbraio 2000.

UDINESE E ANCONA

Dopo una stagione d'inattività, nel marzo 2001 fu chiamato sulla panchina dell'Udinese per rimpiazzare De Canio: con 9 punti ottenuti in 11 giornate, i friulani si classificarono dodicesimi.Sostituito da Hodgson per l'anno successivo, nel gennaio 2002 fu ingaggiato dall'Ancona: con l'obiettivo di condurre i dorici alla salvezza nel torneo cadetto, raggiunse addirittura l'ottavo posto.

RITORNO ALL'UDINESE

Nell'estate 2002 fece ritorno in bianconer, centrando la sesta posizione in campionato e l'ingresso in Coppa UEFA. Replicò la qualificazione europea anche nel 2003-04, posizionandosi settimo. Il miglior risultato conseguito sulla panchina friulana fu tuttavia la quarta piazza nel campionato 2004-05, circostanza che fruttò all'Udinese la prima storica partecipazione alla Champions League.

ROMA

Conclusione del triennio con i friulani divenne l'allenatore della Roma.te la prima stagione riportò 11 vittorie consecutive in campionato, con la squadra che giunse in quinta posizione venendo successivamente promossa al secondo posto per le sentenze relative a "Calciopoli"; in Coppa Italia i giallorossi pervennero alla finale, arrendendosi all'Inter. Ammessa a disputare la Supercoppa italiana per la vittoria sub iudice del campionato da parte dei nerazzurri, la squadra capitolina fu battuta per 4-3 nei supplementari dopo un temporaneo vantaggio di 3 gol.

Nella stagione 2006-07 i capitolini alla prima qualificazione della loro storia per la knock-out phase di Champions League, eliminando poi il Lione negli ottavi di finale con un pari casalingo e una vittoria esterna.La Roma viene estromessa dal Manchester United nei quarti di finale, subendo nel retour match una sconfitta per 7-1 che vanifica il successo di misura colto all'andata. In campionato la formazione raggiunge il secondo posto, con 22 punti di ritardo da un'Inter che migliora peraltro il record di vittorie consecutive stabilito dai capitolini nel torneo precedentei uomini di Spalletti risultano comunque l'unica avversaria in grado di affermarsi sui nerazzurri, battuti 3-1 a San Siro. La rivalsa nei confronti dei milanesi si consuma poi in Coppa Italia, dove il tecnico consegue il primo trofeo della propria carriera un trionfo per 6-2 nella gara d'andata ipoteca di fatto il successo finale, con la Beneamata impostasi solamente per 2-1 nel ritorno.

L'allenatore toscano rimpingua ulteriormente il palmarès all'inizio della stagione successiva, vincendo contro gli stessi lombardi la Supercoppa di lega. I capitolini superano la fase a gironi di Champions League piazzandosi alle spalle del Manchester United, sconfiggendo quindi il Real Madrid negli ottavi con una duplice affermazione per 2-1: l'eliminazione giunge ancora nei quarti di finale, per mano degli stessi mancuniani. Sul fronte del campionato, dopo un iniziale primato, i giallorossi vengono sorpassati dall'Inter lamentando 11 punti di ritardo nel mese di febbraio: il rallentamento dei milanesi e la contestuale ripresa capitolina mutano le sorti del torneo, con un solo punto a separare le due formazioni prima della giornata conclusiva. Pur passando in vantaggio a Catania, la Roma subisce il pareggio etneo in zona Cesarini mentre la vittoria interista in quel di Parma — dopo 54' nei quali il titolo era virtualmente appannaggio dei capitolini — conferma i lombardi sul trono nazionale: distanziata di 3 punti in classifica, la compagine si aggiudica nuovamente la Coppa Italia ai danni della stessa Beneamata

Ben più deludente è invece la stagione 2008-09, inaugurata peraltro dalla sconfitta ai rigori contro i meneghini in Supercoppa tagliato fuori dalla corsa-scudetto già in autunno per una crisi di risultati, l'undici capitolino riesce a risollevarsi da una stentata partenza in Champions League approdando agli ottavi. Eliminati in tale turno dall'Arsenal, i giallorossi terminano il campionato in sesta posizione accedendo ai preliminari di Europa League.

Nel settembre 2009, dopo aver condotto la squadra alla qualificazione per la fase a gruppi, il tecnico rassegna le dimissioni a causa di attriti con la società e delle sconfitte rimediate nei primi turni di campionato.

ZENIT

'11 dicembre 2009 è ufficializzato il suo ingaggio da parte della squadra russa dello Zenit San Pietroburgo. Il 16 maggio 2010 vince con la squadra la Coppa di Russia. Il 14 novembre 2010 vince il campionato russo con due giornate d'anticipo. Il 6 marzo 2011 vince la Supercoppa di Russia.

Il 9 febbraio 2012 rinnova l'accordo con lo Zenit, andando contestualmente ad assumere un vero e proprio ruolo da manager a tutto campo all'interno del club russo. Il 28 aprile seguente vince il suo secondo campionato russo con tre giornate d'anticipo.

Nel 2012-2013 si piazza secondo in campionato a 2 punti dal CSKA Mosca. Al termine della stagione allo Zenit mancheranno i punti della partita persa 0-3 a tavolino contro la Dinamo a causa degli incidenti provocati dai propri tifosi. Il tecnico toscano è esonerato il 10 marzo 2014, dopo aver vinto solo 2 delle ultime 12 partite ufficiali.

Nel suo periodo in Russia alla guida dello Zenit, Spalletti si qualifica per due volte agli ottavi di Champions League, venendo eliminato una volta dal Benfica e una dal Borussia Dortmund.

RITORNO ALLA ROMA

Il 14 gennaio 2016 la Roma annuncia il ritorno di Spalletti sulla panchina giallorossa, in sostituzione dell'esonerato Rudi Garcia. Nel girone di ritorno il tecnico toscano guida i giallorossi al conseguimento di 46 punti (frutto di 14 vittorie, 4 pareggi e una sconfitta); al termine della stagione sarà la migliore media punti/partita tra tutti gli allenatori di Serie A: 2,42 contro i 2,39 di Allegri. La squadra capitolina giunge al terzo posto finale in campionato, accedendo così ai play-off di Champions League, grazie agli 80 punti finali totalizzati; proprio in Champions League la Roma viene eliminata agli ottavi di finale dai futuri campioni d'Europa del Real Madrid.

La stagione successiva comincia per la Roma di Spalletti con la mancata qualificazione alla fase a gironi di Champions League, eliminata dal Porto nei play-off in virtù dell'1-1 dell'andata e della sconfitta per 0-3 al ritorno. In Europa League esce agli ottavi di finale per mano del Lione, mentre in Coppa Italia è eliminata dalla Lazio in semifinale. In campionato ottiene il secondo posto dopo un duello spettacolare con il Napoli e conquista i record di punti (87) e di reti segnate in una singola stagione (90), superando grandi tecnici del passato della squadra giallorossa come Nils Liedholm e Fabio Capello. Il 30 maggio 2017 lascia la squadra capitolina.

INTER

Il 9 giugno 2017 viene annunciato ufficialmente come nuovo allenatore dell'Inter. In campionato la squadra nerazzurra fa registrare un'ottima partenza, tant'è che a inizio dicembre si ritrova da sola in testa alla classifica e ancora imbattuta. Tuttavia, in coincidenza con l'arrivo della stagione invernale, il rendimento della formazione subisce un brusco calo che la fa scivolare rispetto alle posizioni di vertice. La ripresa manifestata in primavera tiene comunque vivo l'obiettivo della qualificazione in Champions League. Il quarto posto, ultimo piazzamento utile e obiettivo minimo stagionale, viene conquistato all'ultima giornata, battendo la Lazio in trasferta e scavalcandola in virtù del miglior rendimento negli esito scontri diretti: per i nerazzurri si tratta del ritorno nella massima competizione continentale dopo 7 anni. In Coppa Italia, invece, il cammino si arresta ai quarti di finale nel derby contro il Milan.

Nella stagione 2018-2019 la squadra si rende protagonista di una falsa partenza, prima di inanellare un filotto di vittorie consecutive che la riporta nelle zone nobili della classifica; al termine del girone d'andata, l'Inter è terza. Tuttavia, i nerazzurri accusano nuovamente una flessione nei mesi invernali, anche a causa del caso legato al rinnovo del capitano Icardi (poi degradato). La squadra resta comunque pienamente in corsa per la qualificazione alla massima competizione continentale, ma anche stavolta è necessario arrivare all'ultima giornata per la matematica: la vittoria casalinga con l'Empoli permette all'Inter di confermare il quarto posto dell'annata precedente e tornare in Champions League. La stagione europea vede la squadra eliminata nella fase a gironi di Champions League, una volta retrocessa in Europa League, uscire da questa competizione per mano dell'Eintracht Francoforte agli ottavi di finale. In Coppa Italia il cammino si interrompe contro la Lazio ai quarti di finale. Il 30 maggio 2019, nonostante il raggiungimento dell'obiettivo minimo della qualificazione in Champions League, l'Inter comunica l'esonero di Spalletti.

NAPOLI

Il 29 maggio 2021 Luciano Spalletti viene annunciato dal presidente De Laurentiis sui social come nuovo allenatore del Napoli calcio.

Ultimissime Notizie
I più letti
Classifica
  • #

    Squadra

    PT
    G
    V
    N
    P
  • logo NapoliNapoliCL

    24

    8
    8
    0
    0
  • logo MilanMilanCL

    22

    8
    7
    1
    0
  • logo InterInterCL

    17

    8
    5
    2
    1
  • logo RomaRomaCL

    15

    8
    5
    0
    3
  • logo LazioLazioEL

    14

    8
    4
    2
    2
  • logo AtalantaAtalantaECL

    14

    8
    4
    2
    2
  • logo JuventusJuventus

    14

    8
    4
    2
    2
  • logo BolognaBologna

    12

    8
    3
    3
    2
  • logo FiorentinaFiorentina

    12

    7
    4
    0
    3
  • 10º

    logo UdineseUdinese

    9

    8
    2
    3
    3
  • 11º

    logo EmpoliEmpoli

    9

    8
    3
    0
    5
  • 12º

    logo TorinoTorino

    8

    8
    2
    2
    4
  • 13º

    logo VeronaVerona

    8

    8
    2
    2
    4
  • 14º

    logo SassuoloSassuolo

    8

    8
    2
    2
    4
  • 15º

    logo VeneziaVenezia

    8

    8
    2
    2
    4
  • 16º

    logo SpeziaSpezia

    7

    8
    2
    1
    5
  • 17º

    logo SampdoriaSampdoria

    6

    8
    1
    3
    4
  • 18º

    logo GenoaGenoaR

    6

    8
    1
    3
    4
  • 19º

    logo CagliariCagliariR

    6

    8
    1
    3
    4
  • 20º

    logo SalernitanaSalernitanaR

    4

    8
    1
    1
    6
Back To Top