PSG-Napoli, le pagelle: Insigne da Louvre, Mertens fulminante! Ospina para quasi tutto, Koulibaly roccia. Maksimovic sopra le righe

Le Pagelle fonte : dal nostro inviato a Parigi, Claudio Russo
Lorenzo Insigne, attaccante del NapoliLorenzo Insigne, attaccante del Napoli

Ospina 7,5 - Si riprende i guantoni, ma su Cavani ci va in modo goffo ed efficace. Piedone su Mbappè, pronto anche su Neymar e graziato da Cavani. Vola

Ospina 7 - Si riprende i guantoni, ma su Cavani ci va in modo goffo ed efficace. Piedone su Mbappè, pronto anche su Neymar e graziato da Cavani. Vola sul colpo di testa di Meunier. Trafitto da un compagno di squadra. Dimostra di saper usare le mani anche quando gli tirano le punizioni, su Di Maria non può far nulla.

Maksimovic 7 - Confermato terzino, per andare a prendere nientepopodimenoche Neymar, del quale salva un tentativo immediato sulla linea. Di Maria rischia di farlo diventare un eunuco, ma la sua prestazione è decisamente sopra le righe anche quando ha la palla tra i piedi.

Albiol 6 - Guida la difesa con saggezza, evitando errori per tutto il match. Certo, quando gli avversari accelerano è dura resistere per tutti, non solo per lui.

Koulibaly 7,5 - Mbappè lo salta di netto dopo un minuto, ferma un affondo di Neymar al 12’ mettendoci un piede e stando fermo. Fa sentire i tacchetti anche a Mbappè, a cui si oppone anche col corpo. Gli si stampano tutti addosso.

Mario Rui 6 - Ha libertà di spinta, e dal suo sinistro nasce il pallone che Mertens scaraventa sulla traversa. Spettacolare nell’opporsi a Cavani in area di rigore, senza fare fallo, ed in chiusura volante al 60’. Sfortunatissimo sull’autogol - il terzo della storia del Napoli in Champions, dopo Zuniga e Mertens. Oppone poca resistenza a Di Maria sul 2-2.

Callejon 7 - Deve dare forzatamente aiuto a Maksimovic, vista la spinta di Bernat, ma quando può prova ad affondare dietro le linee. Impegna Areola al 25’, dà ad Insigne un cioccolatino soltanto da infilare in rete. (Dal’87 Rog SV)

Allan 7 - Il CT del Brasile Tite è in tribuna, anche per dargli uno sguardo. Ad inizio partita viene preso in mezzo dai centrocampisti francesi, poi arriva al tiro fuori fuoco. Perde un pallone sanguinolento al 28’, pecca d’attenzione. Tutto il resto è garra, lotta, grinta, elementi che nelle statistiche non si ritrovano. Neymar gli frana addosso, niente rigore.

Hamsik 6,5 - Se ha spazio, può attaccare e avanzare: ad esempio sul pallone servito a Callejon. Difensivamente si sacrifica e apporta il suo mattoncino, in avanti avrebbe dovuto tirare al 57’.

Fabián 6,5 - Confermato il buon momento, Ancelotti lo getta per la terza volta dal 1’ in Champions: Mario Rui gli permette di accentrarsi, ruba palla a Verratti ma il suggerimento per Insigne è debole al 22’. Al 44’ poteva tagliare, il pallone di Insigne era quello giusto. Ancelotti lo sposta dietro Mertens nella ripresa, da un suo tiro arriva l’1-2. Appena aggiungerà il cambio di passo al suo repertorio, potrà diventare imprendibile.

Mertens 7,5 - La spunta all’ultimo su Milik, Marquinhos dopo cinque minuti lo distrugge e si fa ammonire. Tempo tre minuti, si fa ammonire pure lui. Sventra la traversa al 24’, la seconda in Champions, e serve Insigne un super-gol che, tuttavia, non avviene. Impegna Areola al 60’, fuori misura poco più tardi. Si nota anche una scivolata su Neymar, approfitta del rimpallo inguardabile di Marquinhos e fulmina Areola per l’1-2. (Dal’84’ Milik SV - Entra e sfiora l’incornata dell’1-3)

Insigne 8 - Recupera e parte chiaramente titolare, per dare qualità e ampiezza: è dal suo piede che parte l’azione che porta alla traversa di Mertens. E poi, quando arriva il momento del campione, si rende tale con: movimento che sorprende Kimpembe, tocco sotto che beffa Areola e meriterebbe l’ingresso nel Louvre. Avesse segnato pure l’occasione del 36’, avrebbe preso il posto della piramide di vetro. Sfiora il raddoppio in chiusura di primo tempo, fisicamente non è al top e deve uscire. Quattro gol nelle ultime cinque presenze in Champions (Dal 53’ Zielinski 6 - Interessantissimo il cambio di passo con cui accelera al 60’. Se gli si chiede il rendimento di Insigne, si sbaglia: dà il suo, però entra nel momento migliore del PSG e dalle sue parti Meunier spinge molto)

Ancelotti 7,5 - Giusto confermare tre centrali in difesa, per non soffrire in velocità: il PSG parte subito fortissimo, per un quarto d’ora è chiuso nella metà campo e non trova sbocchi. Poi, con calma, guadagna metri e fiducia arrivando a colpire una traversa - l’ennesima in Europa - con Mertens. Meriterebbe il gol, lo trova con Insigne. Tuchel nella ripresa va di 3-2-4-1, l’inserimento di Zielinski è indotto dal ko di Insigne: il PSG avanza il baricentro, i suoi capitolano solo per via di una autorete. Non mollano, restano nel match e caparbiamente - e con fortuna - trovano il vantaggio. Chi si sarebbe aspettato questo Napoli dopo tre partite? Nessuno. Certo, il gol di Di Maria fa malissimo: gli azzurri non avrebbero rubato nulla, fossero usciti con i tre punti dal Parc des Princes.

di Claudio Russo - Twitter @claudioruss

RIPRODUZIONE RISERVATA

Ultimissime Notizie
I più letti
Classifica
  • #

    Squadra

    PT
    G
    V
    N
    P
  • logo JuventusJuventusCL

    90

    38
    28
    6
    4
  • logo NapoliNapoliCL

    79

    38
    24
    7
    7
  • logo AtalantaAtalantaCL

    69

    38
    20
    9
    9
  • logo InterInterCL

    69

    38
    20
    9
    9
  • logo MilanMilanEL

    68

    38
    19
    11
    8
  • logo RomaRomaEL

    66

    38
    18
    12
    8
  • logo TorinoTorino

    63

    38
    16
    15
    7
  • logo LazioLazio

    59

    38
    17
    8
    13
  • logo SampdoriaSampdoria

    53

    38
    15
    8
    15
  • 10º

    logo BolognaBologna

    44

    38
    11
    11
    16
  • 11º

    logo SassuoloSassuolo

    43

    38
    9
    16
    13
  • 12º

    logo UdineseUdinese

    43

    38
    11
    10
    17
  • 13º

    logo SpalSpal

    42

    38
    11
    9
    18
  • 14º

    logo ParmaParma

    41

    38
    10
    11
    17
  • 15º

    logo CagliariCagliari

    41

    38
    10
    11
    17
  • 16º

    logo FiorentinaFiorentina

    41

    38
    8
    17
    13
  • 17º

    logo GenoaGenoa

    38

    38
    8
    14
    16
  • 18º

    logo EmpoliEmpoliR

    38

    38
    10
    8
    20
  • 19º

    logo FrosinoneFrosinoneR

    25

    38
    5
    10
    23
  • 20º

    logo ChievoChievoR

    17

    38
    2
    14
    22
Dapa Trasporti
Futura Soccer
Antonio Barbato - Consulente del Lavoro
Real Casarea
M.A.R.A.T. Football management
Back To Top
close icon

Ti potrebbe interessare

Incredibile gaffe Lega Serie A su Twitter: "Il Milan purtroppo non riesce a centrare la Champions League"